Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Santa Rosa - Intervista al sindaco Giovanni Arena sull'imbarazzante diretta social del trasporto della macchina - Il primo cittadino sostiene che la diretta sia stata fatta da una "televisione locale" e dice: "Se è la passione di Santucci e lo fa a livello gratuito, non credo sia illegale" - Il dirigente comunale Luigi Celestini dichiara: "Non mi viene in mente niente da dire" - L'assetto societario dell'impresa di Terracina a cui è stato affidato il "coordinamento giornalistico"

“Ma Tele Lazio Nord e Mediacom non sono la stessa cosa?”

di Miyamoto Musashi e Ernie Souchak
Condividi la notizia:

Viterbo - Giovanni Arena

Viterbo – Giovanni Arena

Luigi Celestini

Luigi Celestini

Viterbo – “Grande è la confusione sotto il cielo. La situazione, quindi, è eccellente”. La celebre frase di Mao Tse-tung si adatta perfettamente all’intervista al sindaco Giovanni Arena sull’imbarazzante diretta social del trasporto della macchina di santa Rosa. Tra le tante domande, gli abbiamo rivolto anche quelle “essenziali” che da giorni continuavamo a fare senza però ricevere risposta.

Domande che avremmo voluto rivolgere anche a Luigi Celestini, dirigente del terzo settore. Quello che si occupa di cultura, turismo, gestione impianti sportivi e sport e pubblica istruzione. “Non sono in ufficio e non ho con me i dati. Non so dire niente”, ci liquida Celestini. Alla nostra richiesta di poterci sentire in un altro momento, risponde: “Di questo argomento se ne è parlato anche in consiglio comunale. Le risposte sono state date lì e io non potrei aggiungere altro”. Insomma il dirigente tace, sapendo di tacere.

Magari rispondere a cinque domande essenziali, che in consiglio non hanno trovato risposta?! “Se non risponde il consiglio comunale – dice Celestini -, io non saprei cosa posso dire. Non ci sono altre cose da dire. Io ero presente e non ho altri elementi rispetto a quelli detti in consiglio. Non mi viene in mente altro”. Non gli viene niente in mente… E che dobbiamo fare? Ci siamo dovuti accontentare di chiedere al sindaco… Si scherza, ovviamente. Quando parla il sindaco, parla il sindaco. Ci mancherebbe.

Sindaco Arena, perché si è deciso di creare, per la prima volta, un coordinamento giornalistico ad hoc per la diretta social?
“Per dare un servizio migliore, per diversificare l’offerta”.

Perché e come è stata scelta la ditta di Latina “Mediacom” per il coordinamento giornalistico?
“Le procedure sono compito dei dirigenti e io non entro nel merito degli atti gestionali dell’amministrazione. Per mia regola, non seguo le procedure di carattere gestionale che non sono di mia competenza. Quindi, non saprei proprio rispondere a questa domanda. Questo è un atto di gestione amministrativa che è in capo al dirigente del settore”.

In questo caso, di quale settore si parla?
“Cultura, sport, turismo e spettacolo”.

Chi, con nome e cognome, è venuto a fare il “coordinamento giornalistico”?
“Non credo esistano un nome e un cognome. Il coordinamento giornalistico sarà stato affidato a una società”.

Mediacom?
“Mediacom l’ho sentita nominare per la prima volta martedì in consiglio comunale. Penso sia stato affidato a questa società, non a una persona specifica”.

Sa il nome e il cognome di chi, per questa società, si è preso la responsabilità di venire a fare il “coordinamento giornalistico”?
“Anche questo è un atto gestionale che non seguo”.

Chi, nome e cognome, ha scelto i giornalisti, i non giornalisti, e gli ospiti (esperti e politici) che sono comparsi nella diretta social?
“Chi era stato autorizzato a fare il servizio, credo. Penso che, man mano che incontravano gli ospiti, facevano le interviste. Non c’era una scaletta ben precisa che avrebbe permesso di saperlo prima. Penso che abbiano individuato gli ospiti sul posto e poi abbiano fatto le interviste”.

Ribadisco: chi, nome e cognome, ha scelto i giornalisti, i non giornalisti e gli ospiti che sono comparsi nella diretta social?
“Se è stata Mediacom ad aver fornito questo tipo di servizi, credo siano stati i responsabili della Mediacom ad aver deciso un personaggio piuttosto che un altro”.

Ovviamente non c’era nessun bisogno dei due studi e negli anni scorsi non ci sono mai stati. Perché questa scelta non prevista dal bando iniziale?
“Da quello che ho potuto capire, gli studi sarebbero potuti essere anche più di due. La Provideo è stata la ditta vincitrice dell’appalto. Poi, direttamente con la Provideo, potevano essere fatti più collegamenti da più società”.

Ma la Provideo avrà avuto l’affidamento per riprendere il trasporto della macchina di santa Rosa…
“Non so come era la convenzione. Se prevedeva che la Provideo potesse anche, su richiesta, affiancare altre società”.

Quale è stato in tutta questa vicenda il ruolo di Gianmaria Santucci e di una emittente locale ringraziata a fine diretta dal conduttore Maurizio Donsanti?
“So che Santucci ha questa passione (per la televisione, ndr). Ci sono tanti volontari che collaborano con emittenti e giornali. Non so che ruolo abbia all’interno di questa società, la Mediacom. Non ho la ragione sociale della società, con i nomi dei componenti e dei responsabili. Il suo ruolo è stato di aver collaborato, come volontario, per la realizzazione di questa diretta”.

Santucci è un suo consigliere, un consigliere di maggioranza. Non le ha chiesto quale è stato il suo ruolo in tutta questa vicenda?
“Non mi voglio far sparare addosso da un mio consigliere di maggioranza. Ho detto che si poteva, come ho dichiarato anche in consiglio comunale, fare molto meglio. Ma il fuorionda può sfuggire, l’archivio delle televisioni nazionali ne è pieno…”.

Al di là di tutto questo, non ha chiesto a Santucci quale è stato il suo ruolo in tutta questa vicenda?
“Tante cose le ho sapute dopo. Il sindaco la sera del 3 settembre parte alle 20 e rientra all’1. Parte alle 20 con i facchini, va a prendere la macchina, si fa tutto il percorso e ritorna in comune verso mezzanotte e mezza, l’una meno un quarto. Neanche gli ospiti saluta. Il ruolo di Santucci, quindi, non l’ho proprio seguito. Ho visto le dirette, qualche registrazione e qualche video. Ho visto qualcosa il giorno dopo, e ho detto che certamente ci sono cose da migliorare. Ma senza sapere se era Mediacom, Provideo…”.

Chi è il responsabile della giornalisticamente pessima diretta social del trasporto della macchina di Santa Rosa, dannosa per l’immagine della città?
“Questo sono cose dell’assessorato. Se dovessi andare ad approfondire queste cose, non potrei fare tutto quello che faccio”.

Ha detto che la diretta social poteva essere fatta meglio…
“Mi pare che sia una televisione molto giovane. Oltretutto individuare le persone, fare le interviste eccetera non è facile. Ma sono esperienze che aiutano a migliorare. Non è una televisione che ha cinquant’anni di esperienza…”.

Ma perché nella diretta social del trasporto della macchina c’era di mezzo una televisione…?
“Probabilmente le interviste sotto la macchina Provideo non poteva farle direttamente. Quindi si è dovuto fare questo affiancamento per completare meglio il servizio televisivo, per dare una maggiore differenziazione, per spezzare il commento dallo studio…”.

Ma non avrebbe dovuto farle la Mediacom?
“Esatto. E le ha fatte Mediacom. Chi le ha fatte sennò?”

Ma fino ad adesso ha parlato di una “televisione molto giovane”…
“Mi scusi, ma Tele Lazio Nord e Mediacom non sono la stessa cosa?”

Se Mediacom e Tele Lazio Nord fossero la stessa cosa, non è strano che il comune abbia individuato proprio la Mediacom come società a cui affidare il servizio di coordinamento giornalistico della diretta streaming del trasporto della macchina sui canali ufficiali del comune? Alla luce anche del fatto che il consigliere Santucci, in consiglio comunale, ha detto: “Do una mano, gratuitamente, alla piccola televisione locale”?
“Adesso sto scoprendo tante cose. Forse è un fatto di opportunità. Se è la passione di Santucci e lo fa a livello gratuito, non credo sia illegale. Certo forse non è opportuno. Credo che Santucci abbia collaborato per una sua passione e un suo passatempo a questa cosa. Ci saranno delle procedure che sono state fatte secondo norma. In realtà, bisogna vedere il ruolo del consigliere in questa cosa. Ma a livello di responsabilità vere… Se qualcuno collabora per passione a una cosa, senza nessun compenso, non ci vedo nulla di strano. Posso sentire gli uffici, ma non so se c’erano alternative. Di tv locali non mi pare ce ne siano poi tante. Mi pare che sia una televisione, al di là che a Viterbo è ai primi passi, come struttura, come gruppo, che ha anni e anni di esperienza. Da questo punto di vista almeno garantiva il servizio”.

Cosa ne pensa del fatto che si sia parlato sopra al discorso e alla benedizione del vescovo, ai “Sollevate e fermi!” e chi più ne ha più ne metta?
“Sicuramente poteva essere fatta meglio, ma non è facile fare una diretta. C’erano giornalisti locali che dovevano individuare il momento, il personaggio… Può andare bene o meno bene. Era la prima volta poi… Queste cose sono sicuramente da evitare, perché bisogna cogliere il momento emozionale del trasporto. Far ascoltare un “Sollevate e fermi!” piuttosto che una storia che in quel momento poteva essere poco interessante. Questo senz’altro. Tutte cose che devono essere riviste”.

Miyamoto Musashi


In questi giorni si è parlato molto della Mediacom Srl di Terracina a cui il comune ha affidato il “coordinamento giornalistico” della diretta social del trasporto della macchina di santa Rosa, per una cifra di poco meno di 5mila euro. E’ stato spiegato in consiglio comunale che si tratterebbe di una azienda di primaria importanza. “Fra i principali produttori in Italia di contenuti tv. Con un fatturato di cento milioni e una quarantina di tv”, ha spiegato il consigliere Santucci. Anche se, a parte Santucci che ne ha detto meraviglie, nessuno sembra avere un’idea chiara di che ditta si tratti. Per comodità del consiglio comunale e dei cittadini pubblichiamo i dati principali della visura camerale di Mediacom.


Ecco cosa emerge dalla visura camerale che mettiamo a disposizione dei lettori.

Mediacom Srl

sede legale a Terracina

Amministratore unico Mario Di Lembo

Capitale sociale 10mila euro

2 soci

iscrizione registro imprese di Latina il 25/5/2018

Oggetto sociale Gestione di emittenti o parti di palinsesto, radio – televisive in ambito locale e nazionale…

Socio Fabio Carinci
Data inizio attività d’impresa: 23/01/2019

Nemmeno nove mesi fa

Il 26 novembre 2018 Giovanni Sciscione cessa la carica di amministratore unico.

Sciscione è un imprenditore televisivo conosciuto anche a Viterbo.

A Sciscione subentra, appunto, l’attuale amministratore unico Mario Di Lembo.

Tutte queste informazioni per chiarire cosa è Mediacom Srl.
Così anche il sindaco Arena, l’assessore De Carolis e i dirigenti del comune si possono fare un’idea della società che è stata ingaggiata per dar vita al famoso “coordinamento giornalistico”.

Ernie Souchak


Condividi la notizia:
19 settembre, 2019

Santa Rosa, diretta social imbarazzante ... Gli articoli

  1. "Coordinamento giornalistico, le procedure antimafia e di trasparenza sono state rispettate?"
  2. Nella sede di Mediacom c'è un vecchio ristorante dismesso e abbandonato...
  3. "Santucci era dietro alle telecamere ed era interessato a che tutto andasse bene"
  4. Coordinamento giornalistico, il "chiarimento" di Celestini non chiarisce nulla
  5. "Io e voi non dobbiamo più parlare, primo perché... poi ve lo spiegherò un giorno. Ok?"
  6. Chi è il responsabile della diretta social del trasporto della macchina di santa Rosa?
  7. Quale è stato in tutta questa vicenda il ruolo di Gianmaria Santucci?
  8. Chi ha scelto i giornalisti e gli ospiti che sono comparsi nella diretta social?
  9. "Il coordinamento giornalistico? Non saprei che dire..."
  10. Chi, con nome e cognome, è venuto a fare il “coordinamento giornalistico”?
  11. Perché si è deciso di creare un coordinamento giornalistico per la diretta social?
  12. Perché e come è stata scelta la Mediacom per il coordinamento giornalistico?
  13. Chi è il responsabile della pessima diretta social del trasporto della macchina di santa Rosa?
  14. Perché si è deciso di creare un coordinamento giornalistico ad hoc per la diretta social?
  15. Chi, con nome e cognome, è venuto a fare il “coordinamento giornalistico”?
  16. Coordinamento giornalistico, perché il comune non risponde?
  17. Coordinamento giornalistico, perché il dirigente Celestini non vuole rispondere?
  18. Indecente diretta social di santa Rosa - Perché palazzo dei priori continua a tacere?
  19. Indecente diretta social di santa Rosa - Perché il dirigente Luigi Celestini continua a tacere?
  20. Coordinamento giornalistico, perché l'assessore De Carolis non risponde?
  21. Coordinamento giornalistico, perché il dirigente Celestini non risponde?
  22. Celestini: "Mediacom, primaria società" - Santucci: "Fattura circa cento milioni di euro..."
  23. "Ho già parlato in consiglio comunale e mi sembra di essere stato abbastanza chiaro"
  24. Diretta social, le domande a cui il comune non risponde...
  25. "Chi ha coordinato la diretta giornalistica del trasporto? Fuori nome e cognome!"
  26. “Fuorionda durante la diretta? Le tv nazionali ne sono piene...”
  27. Diretta social per Santa Rosa, due ore di scontro in consiglio comunale
  28. Ma perché il comune ha voluto spendere più del necessario e peggiorare il prodotto?
  29. "Aoh, ma che voi? T'ho fatto 'na diretta..."
  30. E Santucci reclutava anche i giornalisti... ma a che titolo?
  31. "L'indecente diretta social è il punto più basso di una S. Rosa sottotono"
  32. Diretta social imbarazzante, sindaco e assessore De Carolis spieghino il ruolo di Santucci
  33. "Santa Rosa, vedo doppio e invece vorrei vederci chiaro..."
  34. Santa Rosa, un'indecente diretta social del trasporto...
  35. Santa Rosa, il mistero della doppia diretta e del coordinamento giornalistico...

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR