--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - L'appello di Giulio Della Rocca

“Perché non rendere il sentimento di Santa Rosa fruibile ogni giorno dell’anno?”

Condividi la notizia:

Gloria a Santa Rosa

Gloria a Santa Rosa

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Un altro trasporto perfetto, un’altra magica notte di inizio settembre.

Nel 2013 diventa patrimonio dell’unesco ma da sempre viterbesi grandi e piccoli, curiosi o invitati , turisti venuti apposta o capitati per caso hanno un solo sentimento ed una sola espressione: a bocca aperta e con il naso all’insù. Ogni anno quell’emozione, come se fosse la prima volta.

“Non solo il 3 setembre! Perché non regalare, di quel sentimento, una versione fruibile ogni giorno dell’anno?”.

Questo è l’appello lanciato da Giulio Della Rocca, il professore americano, attualmente a Los Angeles, devoto e fedele alla città che tiene stretta al cuore, la sua cara Viterbo. Come procedere? Questi i passi per un 1,2 vincenti.

Primo passo: realizzare il museo delle minimacchine agli Almadiani: solo le copie perfette sono li esposte fino a quando la macchina non è montata a porta Romana. In quel momento, se ancora oggetto di trasporto, tornano ai comitati.

Secondo passo: lanciare l’Accademia dei minifacchini, una volta al mese per gennaio-maggio, che formi culturalmente futuri eroi di Viterbo, vestiti in bianco ma col rosso della passione che abbraccia ogni età. Ovviamente solo per i giovanissimi che non abbiano mai portato una minimacchina l’accademia fornisce una vera e propria patente per diventare mini facchino e andare al comitato di quartere pronti per il primo trasporto.

Si verrebbe a creare una forte sinergia, un legame ben saldo tra le minimacchine e quella grande, presente tutto l’anno ed in varie forme per usi sia dei viterbesi che dei turisti. I facchini diventano cosí protagonisti tutto l’anno e i turisti scoprirebbero cosa unisce tutti almeno un giorno magico all’anno. Con tutto il rispetto, 117 eroi e la nostra macchina di Santa Rosa son ben più attraenti di 17 cavalli che “girano tondo tondo a Siena”.

Primi contatti col sodalizio ed il comune sono incoraggianti, serve un colpo di reni. Cosa aspettate? I progetti sono a costo zero. Mettete da parte le rivalità, collaborate, unitevi saldamente sin da ora per rendere la festa di Santa Rosa nel 2020 ancor più bella e per trasformare Viterbo in una realtà mondiale. Abbiamo bisogno di turismo qualificato e di un obbiettivo che ci unisca.

Aurora Montanaro
Organizzatrice e responsabile social della Via degli Artisti


Condividi la notizia:
4 settembre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR