--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - L'iniziativa coinvolge 47 comuni laziali al di sotto di 5mila abitanti

Il progetto “Piccoli comuni incontrano la cultura” anche nella Tuscia

Condividi la notizia:

Barbarano Romano

Barbarano Romano

Roma – Riceviamo e pubblichiamo – Piccoli comuni incontrano la cultura. Dal 28 settembre al 30 novembre.

Un progetto pensato per 47 piccoli comuni, comunità al di sotto di 5mila abitanti, un patrimonio storico culturale per la regione e memoria storica delle nostre tradizioni.

Per loro nasce il progetto “Piccoli comuni incontrano la cultura” della regione Lazio realizzato da Atcl in collaborazione con LazioCrea, per il quale si sono sviluppate tante importanti collaborazioni: teatro di Roma, conservatorio di Santa Cecilia, Roma Lazio film commission, progetti speciali-Abc della regione Lazio, ma soprattutto tutte le amministrazioni locali.

Per poco più di due mesi, dal 28 settembre al 30 novembre, l’intero territorio sarà attraversato da concerti, spettacoli, attività per bambini, danza, incontri per un totale di 25 compagnie, 110 tra attori e tecnici, 20 tra studiosi e scrittori: un caleidoscopico calendario di eventi che disegnerà un itinerario “fantastico” di riscoperta del piccolo/grande territorio.

L’apertura è affidata ad uno dei più grandi compositori e musicisti italiani: Nicola Piovani con “La musica è pericolosa – lezione concerto”, il 28 settembre alle 21 alla chiesa di San Paolo Apostolo a Castel San Pietro Romano, una sorta di racconto autobiografico, commissionato per la prima volta dal Festival di Cannes nel 2003. Nicola Piovani condivide con il pubblico, esperienze, ricordi ed emozioni di oltre quaranta anni di carriera: gli inizi con le musiche dei cinegiornali nella facoltà di Filosofia insieme a Silvano Agosti, il primo film e l’incontro con il grande cinema, da Bellocchio a Monicelli, dai fratelli Taviani a Nanni Moretti; e il grande incontro con Federico Fellini, per il quale ha scritto le musiche degli ultimi tre film (Ginger e Fred, L’intervista e La Voce della Luna). Sulla scia di ricordi ed aneddoti, il maestro ripercorre i grandi incontri che hanno segnato il suo percorso, da Federico Fellini, ricordato con affetto nelle piccole manie e ammirazione per la maestria di regista, e Vincenzo Cerami e Benigni, con episodi divertenti e commoventi insieme.

Nella sezione musica del progetto, importante la collaborazione con il Conservatorio di Santa Cecilia che proporrà due progetti degli studenti laureandi: “La chitarra tra sogno e gioia” e “C.T.” (Crossi Times) ensamble. Marco Lo Russo alla fisarmonica con il soprano Min Ji Kang danno vita a “Variazioni linguistiche”, un percorso dalla canzone d’autore, al jazz, alla musica classica.

Grandi interpreti del teatro italiano affronteranno importanti pagine della nostra letteratura o testi inediti: Iaia Forte si farà interprete delle pagine di “La storia” di Elsa Morante, mentre Isabel Russinova è autrice e interprete di “Galla Placidia”, l’imperatrice romana che governò i barbari. Edoardo Siravo e Gabriella Casali con “Va l’aspro odor dei vini l’anime a rallegrar” propongono un viaggio che comincia da Alceo, Anacreonte, Euripide, Omero, Virgilio e Ovidio, passando tra le opere di Parini e Carducci, Trilussa e Campanile.

“Ovidio heroides metamorphosys” con Manuela Kustermann e Cinzia Merlin al pianoforte è una profonda riflessione artistica sul concetto di mutamento, di cambiamento e trasformazione. “Oggi è già domani” di Willy Russel, regia Pietro Garinei è un’esilarante commedia, in cui Paola Quattrini è in grado di dare i suoi mille volti e le sue mille voci alla protagonista.

Ha da poco debuttato “Non domandarmi di me, Marta mia” di Katia Ippaso, regia Arturo Armone Caruso con Elena Arvigo sul rapporto tra Luigi Pirandello e Marta Abba. Le vie del Fool con “Requiem for Pinocchio” porta avanti un’analisi profonda del personaggio Pinocchio diventato uomo, mentre lacasadargilla firma il progetto “Racconti ritrovati”, adattamento e voce recitante Lisa Ferlazzo Natoli con musiche originali di Gabriele Coen, ai sassofoni e clarinetto, e con Stefano Saletti, oud e chitarra elettrica.

Acino Brillo Production presenta “Lo stretto indispensabile” uno spettacolo scritto da Dodi Conti, anche in scena, e Paola Mammini, con le voci e le chitarre di Alessio Corasaniti e Carlo Martinelli. “Lullaby. Tragedia aerobica” è scritto e diretto da Erika Z. Galli e Martina Ruggeri (Industria indipendente) ambientato negli Stati Uniti d’Europa nel 2059 che debutterà al Romaeuropa festival.

“Mio padre, un magistrato” un progetto che nasce dall’incontro di Clara Costanzo, autrice e interprete, con Caterina Chinnici, figlia del magistrato ucciso dalla mafia il 29 luglio 1983. La compagnia Settimo cielo presenta “Radio Maigret” da Georges Simenon, di e con Gloria Sapio e Maurizo Repetto, uno studio progressivo sulla scrittura del noto autore e sul clima dei suoi romanzi, e dalle immagini di certo cinema francese.

Al mondo dei bambini e delle famiglie è dedicata una programmazione declinata in sette differenti spettacoli di teatro, danza e circo contemporaneo che vedranno coinvolte compagnie provenienti da tutto il territorio nazionale tra cui teatro delle Apparizioni con “Fiabe da tavolo”, Cie Twain con il “Mago dei fiori”, Madame Rebiné e “La riscossa dei clown”, gruppo Panta Rei in “Il giardino del gigante”, la compagnia Bartolini/Baronio con “Il giardino del tempo che passa”, Marlon Banda con il “Marlon banda show” e il laboratorio teatrale integrato Piero Gabrielli con “L’albero di Rodari” in collaborazione con il Teatro di Roma.

A Roccasecca dei Volsci e a Guarcino farà tappa “Teatro in provincia”, un progetto Cendic, format inedito ed interattivo ideato Duska Bisconti proprio per i piccoli comuni d’Italia. L’altro progetto inedito e pensato per piccoli comuni incontrano la cultura sarà “Sorush la danza del Sufi” a cura della compagnia Mish Mash quarttet Yasmin Sannino che andrà in scena a Piansano.

Nel programma anche una sezione dedicata alle “Conversazioni”. Due appuntamenti da svolgere in collaborazione con i progetti speciali-Abc della regione Lazio in due piccoli comuni del territorio regionale, per valorizzare il nostro patrimonio storico e culturale narrando il passato e il presente attraverso “altri sguardi” e punti di vista, attraverso l’arte, la bellezza, la cultura. “A spasso con Abc”, uno sguardo sulle cose che “non” vediamo ogni giorno. Un percorso attraverso il luogo prescelto accompagnati da figure guida (scrittori, musicisti, attori) narratori di suggestioni in grado di offrire una nuova e diversa chiave di lettura storica, artistica e sociale del territorio. “La città incantata”, un incontro con artisti ed esperti del fumetto, dell’animazione e della street art per un racconto del presente ma anche del futuro attraverso quella che ormai viene considerata la nona arte.

“Dialoghi tra vicoli e mura” porterà nei piccoli comuni del Lazio scrittori, giornalisti, attori, artisti che, nei vicoli e tra le mura, dialogheranno con la popolazione su temi d’attualità. Condurranno questi dialoghi i primi cittadini, i sindaci che rappresentano e conoscono le comunità che vivono e amministrano, comunità che, molto spesso, sono realtà virtuose. Questo piccolo evento, che s’inserisce nel più ampio programma “Piccoli comuni incontrano la cultura”, vuole agire nel rispetto di uno dei diritti essenziali, la comunicazione e l’informazione.

“Incontri con il cinema”, in collaborazione con Roma Lazio film commission, sono colloqui tra registi, sceneggiatori, attori ed autori del cinema italiano con il pubblico, per raccontare un “dietro le quinte” di un mondo affascinante: quello del cinema.

I comuni coinvolti nelle cinque province: Barbarano Romano, Bassiano; Calcata, Camerata Nuova, Campoli Appennino, Canepina, Cantalice, Capranica Prenestina, Carbognano, Casperia, Castel San Pietro Romano, Castelforte, Castrocielo, Celleno, Cerreto Laziale, Collevecchio, Colonna, Contigliano, Filacciano, Fontana Liri, Gerano, Giuliano Di Roma, Gradoli, Guarcino, Maenza, Montopoli Di Sabina, Norma, Oriolo Romano, Piansano, Picinisco, Poggio Bustone, Poggio Moiano, Poli, Posta Fibreno, Prossedi, Rocca Giovine, Rocca Massima, Rocca Santo Stefano, Roccasecca Dei Volsci, Roiate, Sambuci, San Donato Val Di Comino, San Giorgio A Liri, Sant’apollinare, Sant’oreste, Vallerano, Vicovaro.

Associazione teatrale fra i comuni del Lazio


Condividi la notizia:
27 settembre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR