--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Angelo Ciccarella lo chiede a Filippo Rossi

“Quale sarebbe la destra buona?”

Condividi la notizia:

Filippo Rossi

Filippo Rossi

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Filippo Rossi, intellettuale (così dice di se stesso) molto vicino a Gianfranco Fini (errore in età adulta), definisce “destra cattiva”, “xenofoba e populista” e capace di “ogni nefandezza” che esprime “l’istinto di un paese in disarmo, livido e spaventato”, quella che raccoglie la fiducia della maggioranza degli italiani.

Filippo Rossi è persona di corta memoria ma di lingua lunga. La destra buona quale sarebbe? Quella dell’ex leader di Alleanza nazionale e Futuro e libertà, che perse l’Italia per il principato di Monaco?

La destra buona qual è? Quella propagandata dal Rossi con Caffeina, mix di spot apolidi e progressisti, ribaltina per Sgarbi e Odifreddi, di scrittori in quota Einaudi e Feltrinelli?

Se Fini e compagnia sono scomparsi dalle scene è perché il pubblico (la maggioranza degli italiani) li ha presi a fischi&pernacchie.

Se poi – mi ci metto pure io – votiamo Salvini è perché dell’Unione europea siamo stufi, anzi indignati neri. Di farci sostituire da stranieri non ne vogliamo sapere e di usurocrazia non ne possiamo più.

Questi sono i programmi della destra brutta, sporca e cattiva. Così è se ti pare.

Angelo Ciccarella


Condividi la notizia:
16 settembre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR