--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Sport - Le corsie dell'impianto si sono colorate di azzurro e dei colori delle nazionali provenienti da Nigeria, Filippine e Botswana

Ritorno in pista, Viterbo capitale dell’atletica leggera per un giorno

Condividi la notizia:

Sport - Atletica leggera - Il Ritorno in pista a Viterbo

Sport – Atletica leggera – Il Ritorno in pista a Viterbo

Sport - Atletica leggera - Il Ritorno in pista a Viterbo

Sport – Atletica leggera – Il Ritorno in pista a Viterbo

Viterbo – Giovedì scorso a Viterbo le corsie e le pedane dell’impianto di atletica leggera si sono colorate di azzurro e dei vari colori delle nazionali provenienti dalla Nigeria, Filippine e Botswana.

La data, scelta dal tecnico Federica Gregori e fortemente voluta dai consiglieri della Fidal Viterbo Linda Misuraca e Umberto Battistin, si è rivelata pienamente indovinata in quanto, in vista dei campionati mondiali di Doha di fine settembre, la città è stata scelta per permettere agli atleti di provare la propria condizione prima dell’importante appuntamento.

A bordo pista, dal tecnico della Fidal regionale Emilio De Bonis a Giorgio Frinolli, figlio d’arte e ostacolista di livello internazionale, per finire con Alessandro Donati, massimo esperto a livello mondiale di doping, già tecnico della nazionale italiana, ma soprattutto allenatore del marciatore Alex Schwazer al centro delle cronache per le note vicende che lo hanno visto coinvolto.

A fare gli onori di casa il delegato allo Sport del comune di Viterbo Matteo Achilli che, nel rivolgere un breve saluto agli atleti, ha avuto per tutti loro parole di incoraggiamento spronandoli a dare il meglio e ribadendo l’importanza dei valori etici dello sport come veicolo di formazione delle nuove generazioni. La manifestazione ha avuto uno svolgimento regolare e le gare si sono susseguite con puntualità oraria grazie al preciso lavoro del gruppo giudici gare provinciale coordinato da Fabrizio Maiolati.

Dal punto di vista tecnico, vittoria dell’azzurro Eusebio Haili che nei 400 ostacoli va vicino al suo personale finendo la gara con un tempo di 51”76, mentre l’atleta delle Filippine Robyn Brown sempre nei 400 ostacoli vince con un 1’02”13. Nei 100 metri femminile tre azzurre si sono scontrate con la forte filippina Kristina Knott, a spuntarla in chiave mondiale l’azzurra Alessia Pavese che vince con l’ottimo 11”66 davanti alla compagna Dalia Kaddari con 11”72. Al terzo posto Chiara Gherardi con 11”91, che batte sul filo di lana la filippina Kristina Knott quarta con 11”94.

Nei 100 metri maschili buona prova a dimostrazione di uno stato di forma in miglioramento del nigeriano Jeremie Jakpa che vince nei 100 metri con 10”73. Lo stesso atleta si impone anche nei 200 metri con 21”87; nei 200m femminili vittoria della atleta delle Filippine Kristina Knott con 24”57, al secondo posto Francesca Farina, al terzo l’atleta di casa Irene Anselmi con 28”67.

Nei 400 metri il campione europeo under 18 Lorenzo Benati, all’ingresso in rettilineo causa un risentimento muscolare, è stato costretto a fermarsi nella gara vinta da Edoardo Turci con 49”68. Negli 800 metri vittoria di Federico Moggetti: l’umbro si impone con un ottimo 1’54”45. Tra le donne vittoria della romana Giulia Vergallo con 2’23”47. Nei 300 metri femminili la civitavecchiese Isabella Papa vince con un ottimo 10’11”87, tra gli uomini Francesco Guidi vince con 9’32”35.

Nei concorsi nel peso vittoria con un promettente 13.27 della atleta di Tivoli Claudia Giuliani, nell’alto uomini 1.80 per Andrea Flaccavento. Tra gli atleti di casa prestazioni in miglioramento per Giuseppe Guerra che nel peso vince con il proprio personale di 13.55, ma soprattutto per il velocista Matteo Iannelli, primo classificato negli 80 metri con un ottimo 9”88. Nel triplo al personale anche Lohajit Botticelli con 12.37, nell’alto molto bene Jacopo Leonardi primo con 1.65 mentre nel triplo primo posto di Federico Ercoli con 11.63.

La cadetta Elena Vergaro si impone nel triplo con 9.98 e giunge al secondo posto negli 80m con 10”59, preceduta dalla senese Ginevra Benigni prima con 10”55. Nella stessa gara bene le viterbesi Valeria Spiti e Ludovica Ricci che fanno registrare rispettivamente le prestazioni di 12”15 e 12”92. Nei 200 metri bene Giovanni Canta e Andrea Panza che fanno fermare i cronometri rispettivamente a 24”44 e 25”38. Nei 1000 metri Cadetti Matteo Cianchelli si presenta con un ottimo 2’58”08 in una gara dominata da Mario Roani che si impone con 2’37”95. Nei 300 metri Diego Anselmi si conferma sui propri valori fermando il tempo a 42”95.

Prossimo appuntamento con l’atletica sempre a Viterbo il 12 settembre per l’edizione 2019 del Mennea day, manifestazione in ricordo dell’indimenticato campione aperta a tutti gli sportivi viterbesi che, con la loro presenza vogliono mantenere vivo il ricordo di Pietro e del suo straordinario record. Appuntamento per tutti al campo di atletica di Santa Barbara con ritrovo alle 16.


Condividi la notizia:
9 settembre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR