Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - Il ministro degli Esteri e leader del M5s Luigi Di Maio in un post su Facebook - Il premier Conte: "In altri ordinamenti giuridici è già cosi"

“Sì al voto dei ragazzi di 16 anni”

Condividi la notizia:

Luigi Di Maio

Luigi Di Maio

Il post di Luigi Di Maio sul voto ai ragazzi di 16 anni

Il post di Luigi Di Maio sul voto ai ragazzi di 16 anni

Roma – “Sì al voto dei ragazzi di 16 anni”. Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in un post su Facebook.

Luigi Di Maio apre al voto per i ragazzi sotto i 18 anni. “Il voto ai sedicenni – scrive il ministro degli Esteri su Facebook – è una proposta che portiamo avanti da sempre e che sosteniamo con forza”.

L’idea non è nuova per i Cinquestelle. Beppe Grillo ne aveva già parlato nel 2017 in un post sul suo blog. Ora Di Maio rilancia l’idea. “I giovani in Italia vengono definiti, a seconda del momento, choosy, viziati, ‘gretini’ – si legge nel post – per noi questi giovani vanno soprattutto rispettati, ascoltati e messi al centro della nostra politica. Sono una risorsa preziosa e sono il futuro di un’Italia che si informa, che partecipa e che deve essere valorizzata sempre di più”.

E ancora: “Se a 16 anni un giovane può lavorare e pagare le tasse, dovrebbe almeno avere il diritto anche di votare e scegliere chi decide della sua vita. In alcuni paesi il voto ai sedicenni è già previsto: in Scozia, Austria, in alcuni Länder tedeschi, in Argentina e Brasile ad esempio. Discutiamone subito in parlamento, perché queste sono le riforme costituzionali che cambiano le prospettive di un paese e che ci spronano a fare sempre meglio. Noi ci siamo e pensiamo che chi teme il voto dei più giovani, forse sa di averli traditi in passato, con scelte politiche che hanno creato povertà, mancanza di opportunità, danni all’ambiente che oggi proprio i più giovani stanno difendendo. Adesso è ora di dare questo diritto a chi ha più futuro davanti”.

Anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, ospite a Skuola.net, sarebbe d’accordo con l’abbassamento del diritto al voto a 16 anni. “A quell’età – ha detto Conte – i ragazzi hanno già una piena maturità psico-fisica. In altri ordinamenti giuridici è già cosi”.


Condividi la notizia:
30 settembre, 2019

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR