--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il costruttore Vincenzo Fiorillo dà l'arrivederci alla macchina di santa Rosa - Ieri lo smontaggio

“Siamo pronti, custodiremo Gloria per un altro anno…”

di Paola Pierdomenico
Condividi la notizia:


Viterbo - Santa Rosa - Lo smontaggio di Gloria

Viterbo – Santa Rosa – Lo smontaggio di Gloria

Viterbo - Santa Rosa - Lo smontaggio di Gloria

Viterbo – Santa Rosa – Lo smontaggio di Gloria

Viterbo - Santa Rosa - Lo smontaggio di Gloria

Viterbo – Santa Rosa – Lo smontaggio di Gloria

Viterbo - Santa Rosa - Lo smontaggio di Gloria

Viterbo – Santa Rosa – Lo smontaggio di Gloria

Viterbo – “Siamo pronti, custodiremo Gloria per un altro anno…”. E’ solo un arrivederci quello del costruttore Vincenzo Fiorillo alla macchina di Santa Rosa. Nonostante si sia trattato del quinto, e quindi ultimo, trasporto del campanile ideato da Raffaele Ascenzi, nel 2020 sarà possibile rivederlo sfilare per le vie della città.

Ieri la macchina è stata smontata e portata dal sagrato della basilica di santa Rosa ai capannoni della Edilnolo sulla Tuscanese.

“E’ qui che la conserveremo – dice Fiorillo – con la massima cura per il prossimo anno. Il sindaco infatti ci ha detto che ripasserà e quindi noi accettiamo il suo invito. Quando sarà al deposito e insieme all’ideatore vedremo se fare nuove migliorie per il prossimo anno, anche se – ammette – è già bella così come è”.

La famiglia Fiorillo, da sempre, ha manifestato un legame particolare con santa Rosa e la sua festa. Quindi: “Siamo contenti della proroga, è segno che abbiamo lavorato bene. Continueremo a migliorarci ogni giorno, lo dobbiamo alla festa, alla macchina, alla città e alla nostra piccola santa. Siamo pronti per il prossimo anno“.

Lo smontaggio è filato senza intoppi. “Abbiamo iniziato a lavorare di mattina – continua – e nel primo pomeriggio abbiamo percorso il tratto di strada sulla Tuscanese per riportare Gloria al deposito. Un’operazione resa possibile anche con l’assitenza dei vigili urbani, che colgo l’occasione di ringraziare, perché sempre precisi e puntali.

Abbiamo approfittato di questi giorni di bel tempo per lasciare esposta la macchina qualche giorno in più e per farla conoscere ai turisti di questi giorni”.

Lì sotto, il pensiero torna alla sera del 3 settembre.  “L’incertezza per il vento e la pioggia – racconta il costruttore – sono state ben ripagate da un trasporto che è stato particolare, forse anche per la carica e l’entusiasmo che si percepiva dai nuovi giovani e per la loro forza di volontà.

E’ stato un trasporto record e non parlo di velocità, ma per come è andata. Anche i facchini ci hanno detto che la macchina si portava bene. Noi teniamo alla sicurezza di chi sta sotto e qualsiasi cosa c’è da fare per il loro bene siamo a completa disposizione. Si respirava un’aria particolare e il trasporto ha entusiasmato tutti, nonostante fosse in un giorno di lavoro. Io infatti ho ricevuto molte chiamate da fuori e mi ha fatto piacere.

Ogni tensione è stata ampiamente ripagata dai commenti positivi ricevuti. E’ stato un mix vincente che ha fatto sì che tutto andasse bene”.

Si chiude una parentesi, ma solo momentaneamente: “Siamo pronti per il prossimo anno e non solo. Lo siamo sempre – conclude Fiorillo -. La squadra lavora bene ed entusiasta di quello che fa”.

Paola Pierdomenico


Condividi la notizia:
17 settembre, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR