- Viterbo News – Viterbo Notizie – Tusciaweb – Tuscia News – Newspaper online Viterbo – Quotidiano on line – Italia Notizie – Roma Notizie – Milano Notizie – Tuscia web - http://www.tusciaweb.eu -

“Supercar dalla Germania, le fatture vanno acquisite dal fornitore tedesco”

Condividi la notizia:
  • [1]
  • [2]

Elio Marchetti [3]

Elio Marchetti

Gli avvocati di Elio Marchetti, Marco Valerio Mazzatosta e Roberto Massatani [4]

Gli avvocati di Elio Marchetti, Marco Valerio Mazzatosta e Roberto Massatani

Viterbo – (sil.co.) – Supercar col trucco, è ripreso con la testimonianza del perito di parte di Elio Marchetti il processo all’imprenditore arrestato nell’ambito della maxinchiesta Deja Vu il 3 maggio 2017 assieme a cinque presunti complici, tra cui due dipendenti, con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata all’evasione fiscale sulle vetture di grossa cilindrata importate dall’estero.

Davanti al collegio presieduto dal giudice Silvia Mattei, è stato sentito dai difensori Roberto Massatani e Marco Valerio Mazzatosta il commercialista viterbese Lorenzo Ciorba, secondo il quale ci sarebbero diverse lacune nelle carte dell’inchiesta, che ha portato gli investigatori in Germania, dal fornitore tedesco di Marchetti, Adrian Glowats, gestore della First Trade, la cui posizione è stata stralciata dal filone principale, anche lui indagato e in attesa di udienza preliminare.

Si è parlato delle fatture della First Trade. “Sono le stesse della rogatoria internazionale? Non sono state acquisite le fatture dalla First Trade alla Elca di Marchetti e nell’elenco della finanza si dice che sono state portate alla motorizzazione, ma non sono allegate. Non sappiamo se sono quelle acquisite su in Germania”, ha sottolineato Lorenzo Ciorba.

“Per questo – ha proseguito il commercialista – suggerisco che vengano acquisite le fatture della First Trade in Germania e poi vengano messe insieme a quelle della motorizzazione, controllando se nelle cessioni delle vetture ci sia scritto ‘paragrafo 25’, ovvero se siano soggette a Iva a margine”.

“Dal registro dove confluiscono tutte le cessioni intracomunitarie, dove sono stati effettuati i controlli dell’agenzia delle entrate e della motorizzazione, ma non ci sono allegati, non sappiamo se la First Trade abbia recuperato l’Iva in Germania. Dobbiamo sapere se c’è il ‘paragrafo 25’ e se sia stato comunicato al registro europeo”, ha concluso il consulente, spiegando che la Firts Trade avrebbe portato l’Iva in detrazione e l’avrebbe recuperata.

Si torna in aula il 15 ottobre. 


Condividi la notizia:
  • [1]
  • [2]
  • Tweet [5]
  • [1]
  • [2]