--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Ferrovia Orte - Roma - Oltre al supplemento - La segnalazione di Miranda Perinelli (Spi Cgil)

“Treno stracolmo, anziana costretta a pagare anche la multa per la prima classe”

Condividi la notizia:

Viterbo - Miranda Perinelli

Viterbo – Miranda Perinelli

Orte – Riceviamo e pubblichiamo – Il danno e la beffa da Trenitalia.

Continua il disagio dei pendolari nella tratta Orte – Roma Termini ma sembra che ormai non faccia più notizia.

La cosa incredibile, che non avrei mai pensato potesse accadere è successa a un’anziana signora che ha voluto testimoniare, raccontandoci quanto le è capitato.

Il fatto è che signora, che intendeva prendere il treno regionale veloce delle ore 8 si trovava nella situazione che lo stesso aveva 15 minuti di ritardo, sovrapponendosi con l’Intercity delle 8,16 e quindi con un sovraffollamento dei passeggeri del regionale veloce e appunto, dell’lntercity, anch’esso in ritardo di 15 minuti.

Sale in treno, che è pieno, anche gli strapuntini sono occupati. La signora si reca nel vagone di prima classe occupato per la metà e chiede al controllore di pagare il supplemento per il cambio classe, vista la situazione.

Con grande stupore dell’anziana signora, il controllore le risponde che non esiste solo il pagamento di cambio classe che equivale a due euro e 70 centesimi, ma che doveva pagare anche 8 euro di multa.

A niente sono servite le proteste della signora, visto che l’essersi spostata in prima non dipendeva da lei. Comunque, decide di non pagare né il cambio classe né la multa, ma di rendere pubblica questa assurdità e soprattutto ingiustizia che abbiamo voluto segnalare e rendere pubblica.

Ora come Spi Cgil riteniamo che la regione Lazio si debba far carico anche di queste ingiustizie perpetrate da Trenitalia e risolvere questi casi con una clausola nel contratto di servizio fra i due soggetti.

Riteniamo altresì che il diritto alla mobilità passi pure attraverso l’eliminazione di certi atti di ingiustizia, per i quali i cittadini subiscono impotenti, ed è per questo che l’invito a tutti è quello di denunciare questi ed altri avvenimenti simili, anche se ormai può sembrare inutile.

Miranda Perinelli Segretaria generale Spi Civ-Rn-Vt


Condividi la notizia:
21 settembre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR