--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Politica - Il sindaco di Tarquinia Alessandro Giulivi ha annunciato una serie di progetti al termine della riunione con gli amministratori viterbesi della Lega - Il senatore Umberto Fusco: "Sulle problematiche del territorio linea comune del Carroccio"

“Aeroporto e porto per più turisti nella Tuscia”

Condividi la notizia:

Viterbo - Riunione della Lega alle Terme dei Papi

Viterbo – Riunione della Lega alle Terme dei Papi

Alessandro Giulivi, Enrico Maria Contardo e Umberto Fusco

Alessandro Giulivi, Enrico Maria Contardo e Umberto Fusco

Viterbo - Riunione della Lega alle Terme dei Papi

Viterbo – Riunione della Lega alle Terme dei Papi

Viterbo – “Problematiche della Tuscia, linea comune della Lega”. Lo annuncia il senatore Umberto Fusco al termine della riunione con gli amministratori viterbesi del Carroccio. “Eravamo più di 40 – dice Fusco dalla sala conferenze delle Terme dei Papi – e abbiamo affrontato tutte le problematiche che attanagliano la Tuscia”. Turismo, termalismo, infrastrutture, sicurezza, sanità, istruzione e il rischio fallimento della Talete.

Il senatore è partito proprio dalla società che fornisce l’acqua alla Tuscia. Il suo presidente, Andrea Bossola, continua a ripetere che se la politica non si dà da fare i libri contabili della idrica finiranno in tribunale. Tempo massimo: sei, otto mesi. “Il nostro obiettivo – fa sapere Fusco – è impedire che ci siano degli aumenti per i cittadini, sui quali non può ricadere questa situazione. Per questo, nelle prossime ore, tutti i sindaci viterbesi della Lega si incontreranno per presentarsi al cda di Talete con un’unica posizione”.

Poi le infrastrutture. Trasversale e Cassia Bis su tutte. “Sono 40 anni – ricorda Fusco – che aspettiamo la fine dei lavori della trasversale. Con la manovra del 2018 il governo aveva fatto un grande passo in avanti per far completare il tratto Monte Romano-Civitavecchia, ma ora con il governo giallorosso è di nuovo tutto fermo. La Cassia, poi, ancora non ci permette una viabilità veloce con Roma. Per non parlare del treno: dalla Capitale è molto difficile raggiungere Viterbo. Non ci possono volere tre ore. L’ipotesi è di ottimizzare la ferrovia Orte-Viterbo, anche se per ora è impensabile che per raggiungere il capoluogo ci voglia più di un’ora. Ma con l’ottimizzazione di questa tratta potremmo portare più turisti nella Tuscia”.

La parola è poi passata al vicesindaco di Viterbo ; Enrico Maria Contardo. “Potenziare le infrastrutture – ha esordito – è fondamentale per lo sviluppo turistico della città. Ma un collegamento con Roma in mezz’ora vorrebbe dire far ripartire anche l’economia. Sul termalismo, invece, abbiamo incominciato da zero, cercando di fare in poco tempo ciò che non era stato fatto negli ultimi anni. Il recupero delle ex terme Inps, ad esempio, sarà un importante volano di sviluppo per Viterbo. Ma sul termalismo deve essere coinvolto tutto il territorio della Tuscia, perché è impensabile che il turista stia tutto il giorno a mollo in piscina”. Infine, la sanità. Secondo Contardo, “per troppi anni la provincia di Viterbo ha pagato la malasanità romana. Per dare più soldi agli ospedali della Capitale – conclude il vicesindaco -, la Regione ne ha dati di meno a quelli della Tuscia”.

Di aeroporto e porto turistico ha parlato il sindaco di Tarquinia, Alessandro Giulivi. “Aeroporto e porto non devono avere impatto sul territorio, ma devono essere solo a servizio del turista. Con aeroporto non intendo la realizzazione del terzo scalo del Lazio, ma il semplice uso di una pista, che già c’è, per dei piccoli aerei privati. Per quanto riguarda il porto, invece, nonostante il Viterbese abbia 30 chilometri di costa, non ne ha uno. Abbiamo pronto un progetto per un piccolo porto turistico a Tarquinia, che presto presenteremo il Regione”.

Ma il sindaco Giulivi sarebbe al lavoro anche per la ferrovia turistica Civitavecchia-Capranica-Orte, che secondo il vicesindaco di Viterbo è “cosa buona pure per il capoluogo perché a Capranica ci sarà uno snodo per la città dei Papi”. “In un anno – ha spiegato il primo cittadino di Tarquinia – tre milioni di croceristi arrivano a Civitavecchia. Con la realizzazione di questa ferrovia turistica, che lunGo la tratta sarà piena di ostelli, si potrebbe offrire loro un pacchetto per scoprire le bellezze della Tuscia”.

Poi la salvaguardia dell’ambiente. “Tarquinia – ha sottolineato Giulivi – sta diventando un comune plastic free. Inoltre, sono pronto alle barricate per impedire la realizzazione del termovalorizzatore, che in realtà non valorizzerà niente ma brucerà solo rifiuti. Non solo nostri, ma di molti comuni d’Italia”. Contro il termovalorizzatore a Tarquinia tutta la Lega si è detta compatta. “Servono dei paletti – ha continuato Giulivi – anche al fotovoltaico, perché sta contaminando e invadendo tutti i territori. A breve adotteremo la delibera che impedisce la realizzazione di questi impianti per più del 3%. Infine, per quanto riguarda la Civitavecchia-Orte, su Tarquinia ci sono ancora dei problemi. Il cosiddetto tracciato verde dovrebbe passare in una valle che non può essere contaminata. Ma non solo il Tar ha già bocciato questo progetto, ma io ho anche parlato con l’Anas affinché si trovi un tracciato meno impattante”.


Condividi la notizia:
26 ottobre, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR