Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - La conferma è stata data dal settimanale con un Tweet - Risponderà alle domande dei lettori su varie tematiche

Amanda Knox curerà una rubrica del Westside Seattle

Condividi la notizia:

Amanda Knox

Amanda Knox

Il post del Westside Seattle su una collaborazione con Amanda Knox

Il post del Westside Seattle su una collaborazione con Amanda Knox

Seattle – Amanda Knox curerà una rubrica del Westside Seattle.

Amanda Knox avrà una sua rubrica personale. Il Westside Seattle le riserverà uno spazio in cui Knox potrà ascoltare i lettori e rispondere alle loro domande su varie tematiche. “Ask Amanda Knox”, ossia ‘chiedi ad Amanda Knox’. Questo il nome della rubrica.

Il Westside Seattle ha annunciato la nuova rubrica con un Tweet. Una comunicazione fatta a pochi giorni dell’anniversario della morte di Meredith Kercher, la studentessa 21enne uccisa a Perugia il primo novembre 2007. 

Il Westside Seattle è un settimanale di proprietà della famiglia di Christopher Robinson, il marito di Knox. Un legame che potrebbe sollevare qualche polemica e pertanto, come sottolinea Repubblica, il Westside Seattle ha specificato che Amanda non sarà pagata per questa rubrica e che lei stessa ha semplicemente “scelto di usare la sua esperienza di vita in modo positivo”.

Per l’omicidio di Meredith Kercher è stato condannato in via definitiva con rito abbreviato il cittadino ivoriano Rudy Guede come unico responsabile. Guede sta scontando la sua pena nel carcere di Mammagialla.

In primo grado, come concorrenti nell’omicidio, furono però condannati dalla corte d’assise di Perugia anche Amanda Knox e l’italiano Raffaele Sollecito. Poi il 30 gennaio 2014 la corte d’assise d’appello di Firenze condannò Knox a 28 anni e 6 mesi di reclusione e Raffaele Sollecito a 25 anni. Successivamente la quinta sezione penale della corte suprema di cassazione annullò le due precedenti condanne. 


Condividi la notizia:
31 ottobre, 2019

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR