--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Appalti truccati ad Acquapendente - L'avvocato Valentini si dice perplesso: "E' l'unico" - Davanti al gup i ciqnue indagati del filone bis della maxinchiesta Vox Populi

“Appalti truccati, stupisce che il comune non sia parte civile contro l’ex sindaco Bambini”

di Silvana Cortignani

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

L'ex sindaco di Acquapendente Alberto Bambini

L’ex sindaco di Acquapendente Alberto Bambini

Enrico Valentini

L’avvocato Enrico Valentini

Acquapendente –  “Appalti truccati, stupisce che il comune non sia parte civile contro l’ex sindaco Alberto Bambini”, commenta l’avvocato Valentini, storico difensore di parte degli indagati della maxinchiesta Vox Populi su un giro di presunti appalti pubblici truccati ad Acquapendente, da parte di imprenditori e pubblici amministratori. Ieri, davanti al gup, il comune si è costituito parte civile contro gli altri quattro indagati a rischio processo, ma non contro l’ex sindaco. 

A distanza di due anni dalla fissazione della prima udienza davanti al gup, dopo la richiesta di rinvio a giudizio, sono sempre in attesa di conoscere il loro futuro giudiziario i ciqnue indagati del filone bis di Vox Populi.

Tra loro spicca il nome dell’ex sindaco Alberto Bambini, l’unico contro il quale, nell’udienza di ieri davanti al gup Rita Cialoni, non si sia costituito parte civile il comune di Acquapendente, guidato dal successore Angelo Ghinassi.

“Sono perplesso e sconcertato. Nonostante l’ex sindaco sia un mio amico da sempre, persona che stimo profondamente e della cui innocenza sono straconvinto, mi stupisce che l’amministrazione comunale, nella persona del suo successore, solo nei suoi confronti non si sia costituita parte civile per chiedere i danni in caso di processo e di condanna”, il commento a caldo dell’avvocato Enrico Valentini, storico difensore di parte degli indagati nella maxinchiesta sfociata nell’autunno del 2016 in una serie di misure di custodia cautelare. 

Al centro una presunta cordata di imprenditori pronti a versare tangenti, secondo l’accusa, per spartirsi le gare pubbliche indette sul territorio comunale. Il filone tuttora davanti al giudice dell’udienza preliminare vede indagati, oltre all’ex sindaco Alberto Bambini, l’ex responsabile dell’ufficio tecnico del comune Ferrero Friggi, gli imprenditori Marco Bonamici ed Enrico Barberini, l’operaio Giuliano Colonnelli, dipendente del già indagato imprenditore Fabrizio Galli.

Bambini, esponente di spicco del Pd nell’Alta Tuscia, è indagato per i reati di turbativa d’asta, rivelazione di segreti d’ufficio e corruzione in concorso. Con Bambini rischiano il rinvio a giudizio, quindi di finire sotto processo, anche l’ex responsabile dell’ufficio tecnico del comune Ferrero Friggi e l’imprenditore Marco Bonamici. Questi ultimi già sotto processo nell’ambito della stessa inchiesta, dopo l’accoglimento della richiesta di giudizio immediato dei pm Stefano D’Arma e Fabrizio Tucci.

A carico di Bonamici e Friggi sono spuntate nuove accuse nell’ambito, rispettivamente, dell’affidamento dei lavori di asfaltatura 2015 (Bonamici) e della gara per l‘affidamento dei lavori di messa in sicurezza della scuola elementare Sant’Agostino (Friggi).

Nomi nuovi, invece, rispetto al primo filone, quelli dell’imprenditore Enrico Barberini e dell’operaio Giuliano Colonnelli. Colonnelli è un dipendente dell’imprenditore Fabrizio Galli, già sotto processo con Bonamici, Friggi e l’ex responsabile dell’ufficio tecnico Vincenzo Palumbo (successore di Friggi quando è andato in pensione). 

Nel mirino della procura, ancora una volta, la gara per l’affidamento dei lavori di messa in sicurezza della scuola elementare Sant’Agostino, per un valore di 790mila euro; la gara per i lavori di asfaltatura del 2015; e poi, il permesso a costruire alla società che ha realizzato il centro commerciale in località Cufaro.


L’ex sindaco tradito da una “tangente a fin di bene”

Bambini risulta indagato per turbativa d’asta e corruzione nell’ambito dell’affidamento dei lavori di asfaltatura.

E’ la vicenda già nota che ha dato il via all’inchiesta, quando l’imprenditore Mauro Gioacchini ha denunciato di essere stato vittima di un tentativo di corruzione da parte del collega Galli, con cui spartirsi un doppio appalto per l’asfaltatura delle strade, devastate dall’alluvione del 2012, in cambio dell’acquisto di un’apparecchiatura del costo di 10mila euro per l’ospedale, come sarebbe stato chiesto in cambio dall’allora sindaco Bambini.

Corruzione e turbativa d’asta per Bambini. “Perché – si legge nell’avviso di fine indagine – mediante collusioni, mezzi fraudolenti o promesse di doni, Bambini e Palumbo hanno rivelato a Galli, al fine di procurare allo stesso  un ingiusto vantaggio patrimoniale, l’elenco delle cinque ditte da invitare a procedura negoziata, in modo tale che Galli avesse margine di manovra per concordare collusivamente con gli amministratori delle altre ditte la percentuale di ribasso da indicare nelle offerte  economiche e comunque il contegno da tenere in relazione alle procedure pubbliche e determinare la spartizione dei due appalti tra una ditta riconducibile a Galli e l’altra riconducibile a Mauro Gioacchini”.

A denunciare la tentata corruzione l’imprenditore Mauro Gioacchini. Bambini e Bonamici, in particolare, avrebbero, secondo la procura, concordato:“Il contegno da tenere in relazione alla partecipazione alle gare in questione anche in relazione alla ‘spartizione’ di altri lavori da affidare da parte del Comune di Acquapendente”.

A Galli e Gioacchini avrebbero proposto per l’accusa:“Di concordare le offerte con una percentuale di ribasso minima (4%) rispetto al prezzo posto a base d’asta in maniera tale  da pilotare l’affidamento  dei due appalti, ciascuno, ad una ditta riconducibile ed, al tempo stesso, da consentire elevati profitti alle loro imprese, rappresentando altresì Gallo al Gioacchini di avere la loro ‘copertura’ politica dal sindaco Bambini a cui era diretta una somma di 10mila euro per l’acquisto di un macchinario medico per l’ospedale di Acquapendente”.

Silvana Cortignani


Presunzione di innocenza
Per indagato si intende semplicemente una persona nei confronti della quale vengono svolte indagini preliminari in un procedimento penale.

Nel sistema penale italiano vige la presunzione di innocenza fino al terzo grado di giudizio. Presunzione di innocenza che si basa sull’articolo 27 della costituzione italiana secondo il quale una persona “non è considerata colpevole sino alla condanna definitiva”.


Condividi la notizia:
2 ottobre, 2019

Appalti truccati ad Acquapendente ... Gli articoli

  1. "Richiesta di tangente a fin di bene, esiste una registrazione"
  2. Appalti truccati nell'Alta Tuscia, il processo non decolla
  3. Appalti truccati, in sospeso le intercettazioni a carico degli imputati
  4. Vox populi, no alla lista testi dell'imprenditore Mauro Gioacchini
  5. Stop all'udienza preliminare per l'ex sindaco di Acquapendente
  6. Vox populi va avanti - Appaltopoli bis prescrizione rinviata per i 31 imputati
  7. "Violato il diritto di difesa, illegittimo l'immediato"
  8. Appalti truccati, l'ex sindaco di Acquapendente rischia il processo
  9. Appalti truccati, imprenditori e tecnici non dovevano essere arrestati
  10. Appalti truccati, Riesame bis contro gli arresti domiciliari
  11. "Spero in un futuro dove merito e legalità prevalgano su arroganza e vessazione"
  12. Annullati i domiciliari a Friggi
  13. Appaltopoli, libero anche il funzionario regionale
  14. Appalti truccati, arresti bocciati dalla Cassazione
  15. L'ex sindaco e quella tangente "a fine di bene"...
  16. Appalti truccati, avviso di fine indagine per l’ex sindaco Bambini
  17. "Gioacchini solo come persona fisica non è parte civile"
  18. Revocati i domiciliari a imprenditori e funzionari
  19. Appalti truccati, comune e due aziende parti civili
  20. Appalti truccati, "Vox Populi" in tribunale
  21. "Compresso il diritto di difesa, questo è un accanimento assurdo"
  22. Il Riesame: "Friggi, ok all'accusa di corruzione"
  23. "Nessun rito alternativo, tutti a processo"
  24. "Appalti truccati, Palumbo provato ma sereno"
  25. Appalti truccati, si attende la decisione del Riesame
  26. "Giudizio immediato? Nemmeno fosse un omicidio"
  27. Appalti truccati, sarà giudizio immediato
  28. "Quei domiciliari sono solo punitivi"
  29. Appalti truccati, anche Maggi resta ai domiciliari
  30. I pm: Mettete Galli in carcere
  31. Appalti truccati, i pm chiedono il carcere
  32. Appalti truccati, il bis di Galli al Riesame
  33. "L'ordinanza d'arresto per Maggi? Un copia e incolla"
  34. "Un accanimento incomprensibile"
  35. Appalti truccati, il Riesame conferma i domiciliari
  36. "C'è un feeling tra Galli e il comune..."
  37. Il funzionario regionale Maggi davanti al Riesame
  38. Appalti truccati, il Riesame prende tempo
  39. Appalti truccati, è il giorno del Riesame
  40. "Quel maiale m'ha fatto uno sgarbo..."
  41. Appalti truccati, giovedì l'udienza al Riesame
  42. "Andremo a fondo sulle intercettazioni sessuali..."
  43. "Se quello te dà il lavoro daje l'8%"
  44. Corruzione, indagato l'ex sindaco Bambini
  45. Galli: Troppi appalti per me...
  46. "Lavori di somma urgenza a iosa"
  47. "Spero che ti vada tutto per le medicine..."
  48. "L'ex sindaco Bambini complice..."
  49. Un collaudato sistema criminale
  50. "40 posti di lavoro in pericolo..."
  51. Appalti truccati, confermati i domiciliari
  52. Appalti truccati, si setacciano le intercettazioni
  53. In quattro già indagati in altre inchieste
  54. Appalti truccati, arrestati 2 imprenditori e 3 funzionari
  55. Turbativa d'asta e corruzione, cinque arresti
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR