--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Le celebrazioni religiose il 2 e 3 novembre

Commemorazione dei defunti e messa per i santi Valentino e Ilario

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Viterbo - Il tetto della chiesa di San Lazzaro

Viterbo – Il tetto della chiesa di San Lazzaro

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – La Chiesa da sempre raccomanda la preghiera di suffragio per i defunti nel giorno dei morti (2 novembre) e nell’ottavario dei defunti secondo le indicazioni stabilite dalla chiesa.

La chiesa San Lazzaro all’interno del vecchio cimitero, come ogni anno ospiterà le celebrazioni alle 9 e alle 11,30.

Nel pomeriggio (meteo permettendo) alle 15 un momento di preghiera itinerante per le vie del cimitero e alle 15.30 la santa messa presieduta dal vescovo Lino Fumagalli con tutti i parroci della città.

Al termine della messa, piccola processione alla cappella dei presbiteri viterbesi e benedizione ai defunti del cimitero.

Inoltre, la chiesa di Viterbo venera ormai da secoli i santi Valentino e Ilario come loro protettori.

Il 3 novembre ricorre il Dies Natalis (giorno della nascita in cielo) dei primi martiri della chiesa di Viterbo successivamente divenuti patroni secondari della città e titolari della parrocchia a loro dedicata nel quartiere cittadino di Villanova.

In questo giorno di festa, domenica 3 novembre il vescovo Lino Fumagalli presiederà alle 11 la santa messa solenne nella parrocchia dei Santi Valentino e Ilario e impartirà la benedizione ai presenti con le sacre reliquie dei santi martiri.

Nel pomeriggio alle 17 per volontà del vescovo e con il permesso della Soprintendenza ai beni e alle attività culturali, saranno inaugurati all’interno della chiesa di Villanova gli affreschi che ritraggono alcuni episodi della vita di sant’Agostino: il putto che rivela a Sant’Agostino l’insodabilità del mistero della Trinità, Sant’Agostino e Santa Monica che ascoltano la predica di Sant’Ambrogio e la Morte di Santa Monica. Tutti e tre di un anonimo pittore viterbese risalenti alla prima metà del XVII secolo. Tre capolavori che provengono dalla Chiesa di Santa Maria in Volturno ormai distrutta e finon ad alcuni giorni fa esposti al palazzo dei papi dopo i lavori di restauro.

A sigillo dell’evento l’Unione musicale viterbese “A. Ceccarini” diretta dal maestro don Roberto Bracaccini terrà un concerto commemorativo.

La cittadinanza viterbese è invitata a partecipare. Ingresso libero e gratuito.

Diocesi di Viterbo


Condividi la notizia:
31 ottobre, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR