--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Firenze - Matteo Renzi chiude la tre giorni della Leopolda e rivendica l'intesa con il Movimento 5 Stelle

“Ho voluto questo governo per salvare l’Italia da Salvini e dal Salvinismo”

Condividi la notizia:

Matteo Renzi alla Leopolda

Matteo Renzi alla Leopolda

Matteo Renzi alla Leopolda

Matteo Renzi alla Leopolda

Matteo Renzi alla Leopolda

Matteo Renzi alla Leopolda

Matteo Renzi alla Leopolda

Matteo Renzi alla Leopolda

Firenze – “Io non sono un egoista, non lascio il futuro a chi parla per slogan”. Matteo Renzi chiude la tre giorni alla Leopolda e apre così il suo intervento.

“Proporre idee non è lanciare ultimatum, come se dico di non tartassare le partite Iva – dice Renzi – da questo salone non è arrivato un ultimatum al governo, semmai il primato della politica. Per non vivere di spot

Quota cento è uno spot, perché Salvini possa dire d’avere risolto il problema dei pensionati. È la politica dell’annuncio. Come quanto si blocca un barcone e hai risolto il problema dell’immigrazione, se in contemporanea ne arrivano tanti altri di barchini. Al populista non interessa risolvere i problemi, li vuole enunciare e basta.

 Salvini non ha cambiato niente, se non l’umore degli italiani, creando un clima di odio da nord a sud del paese”.

Quindi Renzi difende la scelta di non essere andati al voto, ma avere voluto l’intesa con il Movimento 5 Stelle.

“C’era una sola alternativa, la politica. Altrimenti avremmo portato l’Italia nella più dura recessione degli ultimi 30 anni e consegnato la riforma costituzionale a un partito che si allea con Casapound.

Avremmo distrutto la credibilità dell’Italia di fronte all’Europa. Sì, io ho cambiato idea e l’ho fatto in nome dell’Italia.

L’ho fatto per salvare l’Italia da Salvini e dal Salvinismo, lo rivendico e non ho paura”.

Dall’Italia all’estero, ai tabloid inglesi l’invito a non parlare dell’Italia come se fosse una barzelletta, perché la barzelletta la stanno raccontando gli inglesi con la Brexit: “Ieri il premier ha inviato all’Ue tre buste, come quelle di Mike Bongiorno, la uno, la due o la tre…”.

E dell’esecutivo assicura sulla durata: “Noi non vogliamo staccare la spina a nessuno, noi vogliamo staccare le correnti. Il treno della legislatura arriva al 2023, chi vuole scendere prima lo faccia””.

 

 


Condividi la notizia:
20 ottobre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR