--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Politica - Il senato Fi Francesco Battistoni sollecita il governo italiano a chiedere fondi a Bruxelles

“Con l’introduzione dei dazi gli agricoltori rischiano il fallimento”

Condividi la notizia:

Viterbo - Francesco Battistoni

Francesco Battistoni

Roma – Riceviamo e pubblichiamo – Inizio settimana nero per l’agricoltura: a partire dagli enormi danni provocati dai dazi imposti dagli Usa, fino alla scomparsa della biodiversità (siamo passati da oltre 8mila varietà di frutta del XX secolo alle 2000 di oggi), passando per la diminuzione della cosiddetta Sau, ovvero la superficie agricola utilizzata.

L’Italia vanta molti primati positivi, come il maggior numero di prodotti alimentari tradizionali censiti o il maggior numero di aziende agricole biologiche, nate per contrastare le coltivazioni Ogm e per garantire la sicurezza alimentare, eppure, siamo rimasti isolati.

Inoltre, l’agricoltura tricolore è la più green d’Europa, ma a pagare questa attenzione e questa qualità siamo solo noi italiani

E’ necessario che il governo italiano si faccia sentire con forza a Bruxelles, per ottenere fondi a ristoro degli agricoltori che rischiano il fallimento con l’introduzione dei dazi e che lotti per un giusto trattamento in termini di fondi Pac, per impedire che i nostri agricoltori vengano, ancora una volta, truffati.

Ancor di più però, deve mettere l’agricoltura in cima all’agenda di governo, per salvaguardare questo settore che, mai come oggi, è a rischio estinzione.

Francesco Battistoni
Capogruppo Fi Commissione Agricoltura Senato
Responsabile Dipartimento Nazionale Agricoltura Fi


Condividi la notizia:
7 ottobre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR