--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Così il soprano Fiorenza Cedolins alla presentazione, questa mattina, della settima edizione del Premio internazionale Fausto Ricci - Il concorso si terrà dal 3 al 6 ottobre

“L’opera lirica fa parte del nostro patrimonio e va tutelata”

Condividi la notizia:

Viterbo - Presentazione Premio internazionale di canto lirico Fausto Ricci

Viterbo – Presentazione Premio internazionale di canto lirico Fausto Ricci

Viterbo - Presentazione Premio internazionale di canto lirico Fausto Ricci

Viterbo – Presentazione Premio internazionale di canto lirico Fausto Ricci

Viterbo - Fiorenza Cedolins

Viterbo – Fiorenza Cedolins

Viterbo - Giovanni Arena

Viterbo – Giovanni Arena

Viterbo - Marco De Carolis

Viterbo – Marco De Carolis

Viterbo - Fabrizio Bastianini

Viterbo – Fabrizio Bastianini

IMG_1778

Viterbo - Presentazione Premio internazionale di canto lirico Fausto Ricci

Viterbo – Presentazione Premio internazionale di canto lirico Fausto Ricci

Viterbo – “L’opera lirica fa parte del nostro patrimonio e va tutelata”. Così il soprano Fiorenza Cedolins alla presentazione, questa mattina, della settima edizione del Premio internazionale di canto lirico Fausto Ricci. Alla conferenza stampa, che si è tenuta nel foyer del Teatro Unione, anche il direttore organizzativo e presidente dell’associzione XXI secolo Giuliano Nisi, il direttore artistico del premio Fabrizio Bastianini, il sindaco Giovanni Arena e l’assessore alla Cultura Marco De Carolis.

“Qualcuno si chiederà: ‘Perché fare un concorso di canto?’ – ha affermato Fiorenza Cedolins  –. Perché l’opera lirica fa parte del nostro patrimonio e va tutelata. In Italia abbiamo un grande patrimonio che non deve essere solo passato, ma anche presente e futuro. Il passato della nostra musica lirica è bellissimo, glorioso ma dobbiamo tutelarlo. Come? Finanziando i teatri che non sono solo business ma indotto. E poi investendo sui giovani che devono poter cantare”.

E proprio sui giovani il soprano ha puntato la sua attenzione. “Formare i giovani – ha aggiunto – vuol dire anche poter offrire loro un percorso economico che possa portarli ad alti livelli. Molti allievi dei conservatori in Italia sono soprattutto stranieri. Questo perché nei paesi stranieri, soprattutto Cina, si investe sul futuro dell’opera lirica”.

Giuliano Nisi ha infatti ricordato come tanti ragazzi del concorso provengano “dall’ oriente e dall’est europeo”.

Ad aggiungere qualcosa in merito anche Fabrizio Bastianini. “Viterbo – ha detto il direttore artistico del premio – ha una certa responsabilità verso i ragazzi e il loro futuro. Abbiamo l’opportunità di far conoscere il talento dei nostri giovani”.

L’evento è in programma al teatro dell’Unione dal 3 al 6 ottobre. Il concorso mette in palio borse di studio per un totale di 5mila euro (limite di età 32/35 anni a seconda delle categorie) e ruoli d’opera per l’allestimento di Madama Butterfly , in programma nella stagione 2020 al teatro dell’Unione di Viterbo (limite di età 40 anni).

Un evento che ormai è alla sua settima edizione. “Questo premio – ha affermato Marco De Carolis – si è consolidato negli anni ed è diventato una nostra tradizione. Partecipano ragazzi che poi ci rappresentano a livello internazionale. E poi questo premio porta un’importante promozione al nostro territorio. Tante persone vengono qui e hanno l’opportunità di conoscere il nostro territorio e la nostra tradizione”. 

Il concorso è organizzato dall’associazione XXI Secolo in collaborazione con Touring club Viterbo, Lions club, Fondazione Carivit, Avam e comune di Viterbo, che ha concesso patrocinio e inserito la manifestazione nel cartellone del Settembre Viterbese.

I ringraziamenti del sindaco Arena sono poi andati al console del Touring club Viterbo Vincenzo Ceniti e al presidente del lions club Viterbo Vittorio Maria Boccia, entrambi presenti in conferenza stampa.  

“Abbiamo un’organizzazione collaudata – ha aggiunto il sindaco –, una giuria di alto livello e una bellissima location. Ci sono tutti gli ingredienti per fare in modo che questa manifestazione riesca nel migliore dei modi”. 

In sala anche alcuni dei componenti della giuria, che sarà presieduta dal soprano Fiorenza Cedolins.

I talenti selezionati si esibiranno al concerto spettacolo finale di domani, domenica 6 ottobre, dalle 17,30, al Teatro Unione. 

Maurizia Marcoaldi


Condividi la notizia:
5 ottobre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR