--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - Duello tv a Porta a Porta tra il leader della Lega e quello di Italia Viva

Renzi: “Se sei ministro vai al G7, non alle sagre” – Salvini: “Adoro l’Italia delle sagre”

Condividi la notizia:

Matteo Salvini e Matteo Renzi a Porta a Porta

Matteo Salvini e Matteo Renzi a Porta a Porta

Matteo Salvini e Matteo Renzi a Porta a Porta

Matteo Salvini e Matteo Renzi a Porta a Porta

Matteo Salvini e Matteo Renzi a Porta a Porta

Matteo Salvini e Matteo Renzi a Porta a Porta

Roma – A Porta a Porta va in scena la sfida Matteo Salvini – Matteo Renzi. Scintille tra i due leader politici, ma meno rispetto alle aspettative. “È 27 anni che fa politica, non ha portato a casa nulla, Salvini. Solo spot. La sua è la politica degli spot”. L’attacco è di Renzi e la replica non si fa attendere.  

“Renzi ha inventato un governo sotto un fungo, vediamo quanto – dice Salvini – l’ultimo sondaggio dà la Lega al 33%, il governo è nato per non far votare gli italiani sennò vinciamo noi”.

 Non mancano riferimenti alla scorsa estate e alla presenza di Salvini al Papeete, Milano Marittima. “Vedo che è un reato andare in spiaggia con il figlio, a sinistra siete abituati a champagne e caviale a Montecarlo. Io vado a Milano Marittima, preferisco lasciare i soldi in Italia”.

Non si fa aspettare la replica del leader Italia Viva: “Non giudico le ferie delle persone, a avrei preferito che fosse andato in missione ai vertici europei. Le riunioni europee sono importanti. Lei ha fatto sette vertici, partecipando solo a uno su sette.

Ha votato al senato l’1,3% delle volte. Stare in spiaggia con il figlio è legittimo, ma se fai il ministro non vai nelle sagre di paese. Dovrebbe andare al G7, non alla proloco”.

Salvini non sembra toccato dalle critiche di Renzi “Adoro l’Italia delle proloco, dei comuni, delle sagre. Se io ho il 33% e lui il 3% vuol dire che qualcosa ho fatto. Gli italiani non sono scemi”.

Almeno su un punto i due sono d’accordo, la sindaca di Roma Virginia Raggi deve dimettersi: “Ha fallito come sindaco, abbiamo fatto una petizione”, spiega Renzi e Salvini aggiunge: “La Lega raccoglie firme contro la sindaca Raggi, anche sabato a piazza San Giovanni”.


Condividi la notizia:
16 ottobre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR