Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il saluto di don Elio e di tanti altri uomini e donne alla maestra Blasi - Ieri pomeriggio i funerali nella chiesa di Santa Maria della Verità - FOTO E VIDEO

“Teresa ha insegnato a tutti il senso profondo del vivere”

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:


Viterbo – “Teresa ha insegnato a tutti il senso profondo del vivere”. Lo ha detto un prete, don Elio. Al funerale di Teresa Blasi. Una “ragazza dello scorso secolo”, come l’ha definita lo scrittore Valerio De Nardo. Una donna che, con orgoglio, dignità e coraggio, ha condiviso il pane con gli ultimi, i poveri e gli affamati. Ieri pomeriggio i funerali. Nella splendida chiesa di Santa Maria della Verità a Viterbo, dove Lorenzo nel XV secolo dipinse lo Sposalizio della Vergine e quattro secoli più tardi, sempre lì, dentro la cappella Mazzatosta, Cesare Brandi s’inventò di sana pianta la moderna teoria del restauro. “In vista del futuro – come egli stesso scrisse -, nelle sua duplice polarità storica ed estetica”. Memoria, visione e attesa, avrebbe, a sua volta, detto Sant’Agostino.

Mai luogo sarebbe stato più indicato, e non si parla del rito, per dare l’addio, l’ultimo saluto, a una donna speciale che ha vissuto per tutto un secolo, anch’esso speciale. E l’ha vissuto, come direbbe Brandi, nella sua “duplice polarità, storica ed estetica”. In vista di un futuro migliore, dove giustizia e pace avranno il loro giusto posto. Accanto agli uomini e alle donne. A chi ha vissuto per la felicità non solo propria, ma per quella degli altri. Imprescindibile, soprattutto per tutti coloro che vogliono anche la propria.


Viterbo - I funerali di Teresa Blasi

Viterbo – I funerali di Teresa Blasi


Al funerale c’era tutta la sinistra viterbese, quella ancora orgogliosa id esserlo. Enrico e Carlo Mezzetti, Peppe Sini, Antonello Ricci e Davide Ghaleb, Lello Poleggi, Peppe Parroncini, Marco Trulli, Pietro Benedetti, Giulia Arcangeli, Raffaella Valeri, Umberto Cinalli, Vera Anelli, che ha anche letto una poesia dall’altare, prima ancora che don Elio parlasse d’omelie. E tanti altri. Pure i bambini, seduti davanti, che hanno pianto, trasmettendoti quel senso di profonda inquietudine, commozione e compassione che solo Teresa, in vita, così come ieri, ha saputo fare. Bambini con rose e fiori in mano che poi hanno lasciato lì, accanto a lei.


Teresa Blasi Pesciotti

Teresa Blasi Pesciotti


“La sua vita – ha detto don Elio – è degna di essere presentata al Signore”, come pure, in vita, lo è stata alle donne e agli uomini, che nel pomeriggio di ieri erano in tante e tanti a salutarla. “Anche se forse, nel suo modo di vivere – ha aggiunto don Elio – non era una cristiana convinta”. Era, infatti, soprattutto, una maestra elementare. E l’ha voluto pure scritto, a caratteri ben leggibili, sulla carta che annunciava la sua morte.


Viterbo - I funerali di Teresa Blasi

Viterbo – I funerali di Teresa Blasi


Teresa Blasi era una militante, una compagna, una donna che ha visto il fascismo, il dopo guerra, la ricostruzione, gli anni ’60, il ’68 e i ’70. Ha visto il ritorno nel privato, la caduta del muro e l’inizio di un’altra epoca, più spietata e potente, iscrivendosi all’Anpi, l’associazione nazionale partigiani d’Italia, continuando fino all’ultimo, fino all’ultimo respiro, a condividere tutta sé stessa col prossimo suo. Amandolo. Senza mai dimenticare che ognuno è la stessa sostanza dell’altro. Non un sogno. Ma un soggetto reale, col suo bisogno d’essere tale. Al mondo, innanzitutto. Per gli altri, dopodiché.


Viterbo - I funerali di Teresa Blasi

Viterbo – I funerali di Teresa Blasi


Teresa Blasi era però, soprattutto e innanzitutto come detto, una maestra elementare. E come tale va ricordata, perché come tale, come tante altre maestre di quel tempo, ha fatto la differenza. Spedita nelle campagna viterbesi dopo la riforma del ’62, quella che metteva per sempre fine alle distinzioni discriminatorie tra scuole medie e avviamento professionale. Per una sola ed unica scuola. Uguale per tutti. E queste giovani, giovanissime maestre, spedite tra i contadini e i loro figli, dovevano insegnarlo.

Teresa Blasi, come altre, hanno sollevato il viso dalla polvere, dalla miseria e da un secolare analfabetismo decine e decine di figli di braccianti senza terra e cultura, costretti a vivere nell’ignoranza, senza niente e senza pace. E solo per questo Teresa dovrebbe essere ricordata. E per questo ha voluto essere ricordata. “Maestra elementare”. Maestra di vita. Perché dal contributo che a questo ha dato, tanti altri figli hanno poi potuto studiare e liberarsi da una fatica millenaria che padri e madri hanno avuto per tutta una vita scolpita a ferro e fuoco sulle braccia, le gambe e la schiena. Campagne povere, poverissime. Dove acqua, luce e bagni, in molti casi, sono arrivati a cavallo tra gli anni ’70 e ’80. Dieci, vent’anni dopo che Teresa c’aveva fatto scuola. Una volta un ragazzino gli rubò tutto lo stipendio, quando ancora si pagava in contanti dentro a una busta di carta, e lo nascose in un buco. Teresa stessa lo raccontava. Lei lo scoprì. Lui le disse che lo aveva fatto per fame. Lei glielo lasciò tutto. E quel mese, la fame, la fece lei. 

Teresa è stata una donna che ha insegnato, ed educato, agli altri la dignità dell’esistenza. Uguale per tutti e tutte. Prima ancora che lo dicesse la legge. Come Antigone. Di cui Teresa è l’ultima delle eredi. Senza mai mollare, nemmeno per un solo istante. L’umanità di Teresa. Quanta umanità, in Teresa…


Viterbo - I funerali di Teresa Blasi

Viterbo – I funerali di Teresa Blasi


“Perchè vedi l’avere ragione – scrive Eugenio Finardi in una splendida canzone – non è un dogma statico, una religione, ma è seguire la dinamica della storia e mettersi sempre in discussione. Perchè sai non basta scegliere di avere l’idea giusta, assumerne il linguaggio ed il comportamento per poi dormire dentro. E il tuo dovere è di migliorarti, di stare bene, di realizzarti. Cerca di essere il meglio che ti riesce, per poi darti agli altri. E a ognuno secondo il suo bisogno, e da ognuno a seconda della sua capacità. E anche se oggi potrà sembrare un sogno, da domani può essere la realtà”. 

Daniele Camilli


 Multimedia – Fotogallery: I funerali di Teresa Blasi – Video: L’addio a Teresa

Articoli: Valerio De Nardo: La nostra ragazza del secolo scorso… – Lavoro e beni comuni: “Sarà la città a sentire la sua assenza” – E’ morta Teresa Blasi Pesciotti


Condividi la notizia:
23 ottobre, 2019

Reportage 4 ... Gli articoli

  1. "Chemical city, la conservazione dei materiali era compromessa già nel 1963..."
  2. "Chemical city, trovato ordigno bellico nell'area militare del lago di Vico"
  3. "Vogliamo sapere la verità sulla Chemical city del lago di Vico"
  4. Chemical city, centinaia di documenti militari bruciati e altri buttati in giro per tutta l'area
  5. Calci, sputi e sgabellate, la vita del poliziotto nel carcere di Mammagialla...
  6. "Gli orari della ferrovia Roma nord stanno distruggendo l'istituto agrario"
  7. Il comune si schiera contro il consumo di suolo e il fotovoltaico a terra
  8. Discarica di Cinelli, adesso c'è pure un lago d'acqua con auto e roulotte abbandonate
  9. Chemical city, tubature da cui esce liquido nero e carotaggi lasciati sul terreno
  10. “Un tavolo contro il caporalato e lo sfruttamento dei braccianti”
  11. "Non ha solo la bellezza, ma anche il carattere..."
  12. "Di Veroli Letizia e Di Veroli Anna non hanno espresso lamentele, soltanto aspirano alla libertà... "
  13. "Lo sterminio degli omosessuali è sempre stato un olocausto di serie B"
  14. "Una splendida pagina di dignità culturale..."
  15. "Sotto piazza San Lorenzo ci sono cunicoli, sepolture e... una cripta"
  16. "Se mia figlia sposasse uno come lui io sarei il padre più felice della terra"
  17. Farnese pneumatici, il tribunale ha respinto la richiesta di concordato... si va verso il fallimento?
  18. Il Lazio è la regione con il più alto quantitativo di rifiuti radioattivi a livello nazionale
  19. "La scuola italiana è ancora una scuola di classe"
  20. "Natale, quest'anno la gente è meno della metà..."
  21. "La religione è una forza per costruire la pace"
  22. "Cotral, Cotral... vaffanculo!"
  23. Degrado, una piccola discarica e plastica andata a fuoco... lo stato di salute dell'ex Ospedale grande degli infermi
  24. Don Franco, il prete che ha fatto il "miracolo" in Senegal...
  25. Un po' romana, un po' maremmana... e pure un po' toscana
  26. "Serve un ripensamento del sistema di trasporto per garantire agli universitari di poter studiare"
  27. A Pianoscarano la casa presepe delle mille e una notte...
  28. "Trasporti pubblici gratuiti per accompagnare i braccianti al lavoro"
  29. "Gli artigiani sono il Quarto stato della Tuscia..."
  30. "I sacrifici sono stati tanti, ringrazio i miei genitori con tutto il cuore..."
  31. "Un sistema di trasporti efficace è condizione indispensabile per garantire il diritto allo studio"
  32. Bonus facciate, l'occasione giusta per rilanciare e dare un nuovo volto al centro storico
  33. "Villanova, una chiesa della gente e per la gente..."
  34. "Per migliorare i trasporti serve un'agenzia unica per la mobilità"
  35. La rivoluzione del 5G, sperimentazione e protagonisti
  36. "Abbiamo fatto rinascere via dei Magazzini... con olio di gomito e candeggina"
  37. Concorso per la polizia locale, ecco come sono andate le cose...
  38. "Trasporti nella Tuscia, a rischio il diritto allo studio e al lavoro..."
  39. Arriva la carta dei suoli del Lazio: "Fondamentale per conoscere il territorio"
  40. Discariche, voragini e prostituzione sulla Tuscanese
  41. Espropri per il fotovoltaico, coinvolti più di cinquanta proprietari di terreni
  42. "Foro Cassio, il proprietario del terreno deve rimettere in sicurezza la strada"
  43. Pareti che crollano, strade che fanno schifo e un sito archeologico abbandonato... benevenuti a Foro Cassio
  44. "Mille chilometri sulla Francigena... con una gamba e due stampelle"
  45. Venti quintali di lana e Radio radicale per cacciare i lupi la notte...
  46. Al giardino di Ponte dell'Elce... la prima sex symbol della Tuscia
  47. La Regione Lazio si schiera contro l'impianto geotermico di Castel Giorgio
  48. "Le forze dell'ordine sono come pit bull drogati mandati in strada a combattere..."
  49. Lago di Bolsena, la rivolta delle lenzuola contro il geotermico
  50. "Ho vissuto più di dieci vite da Berlusconi..."
  51. "In Cile stiamo facendo una rivoluzione..."
  52. "Tuscia, in agricoltura si muore anche per non spendere cento euro..."
  53. "Ce l'abbiamo fatta, lunedì riaprirà strada Acquabianca"
  54. "La gente è costretta a fare altre strade e gli incassi sono crollati"
  55. "Ho passato con Paco un pezzo di vita bellissimo..."
  56. "Abbiamo visto il ragazzo a terra in fin di vita, ci siamo fermati e abbiamo fatto di tutto per salvarlo..."

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR