--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Inchiesta "Vento di maestrale" - In aula il consulente della procura: "La ditta, nel 2014, ha anche chiesto un aumento del canone" - La difesa: "Contratto sottodimensionato rispetto alle esigenze del comune"

“Valanga di rifiuti in città, ma pochi controlli e penali a Viterbo Ambiente”

di Silvana Cortignani

Condividi la notizia:

Inchiesta rifiuti - Ernesto Dello Vicario col suo avvocato all'uscita dal tribunale

Ernesto Dello Vicario con l’avvocato Giovanni Labate

Massimiliano Siddi

Il pm Massimiliano Siddi

Viterbo – Vento di maestrale, come il vento che fa salire la puzza di fogna in casa quando è maltempo. 

Gli investigatori hanno chiamato così, non a caso, l’inchiesta da cui sono scaturiti due filoni d’indagine: uno relativo alla discarica e all’impianto di trattamento dei rifiuti di Casale Bussi, l’altro relativo a Viterbo Ambiente, la società che si occupa della raccolta e della gestione dei rifiuti del capoluogo. 

Ebbene, per il filone Viterbo Ambiente, è ripreso ieri al collegio presieduto dal giudice Silvia Mattei il processo al dirigente comunale Ernesto Dello Vicario difeso da Giovanni Labate, al direttore tecnico della società Francesco Bonfiglio e al consigliere Maurizio Tonnetti. Finiti ai domiciliari su richiesta del pm Massimiliano Siddi nel blitz del 3 giugno 2015, devono rispondere di truffa, frode e falso.

In aula il consulente della procura Stefano Vignone, incaricato a suo tempo dal pm Siddi di passare al setaccio il contratto di Viterbo Ambiente e verificare la congruità degli emolumenti, mentre in città cresceva lo scontento per una serie di disservizi: dalla mancata pulizia delle caditoie, all’accumulo di sacchetti dell’immondizia in orari non previsti, al mancato  o insufficiente servizio di spazzamento.

L’appalto da circa 50 milioni di euro in sei anni, prevedeva la rimozione e il trasporto in discarica dei rifiuti più lo spazzamento, nonché servizi extra in caso di fiere, mercati o manifestazioni e la pulizia delle fontane. 

Vignone ha spiegato anzitutto come il comune non abbia applicato tutte le penali, né risolto il contratto con Viterbo Ambiente.

“Il comune avrebbe potuto effettuare controlli anche giornalieri, capillari, ma non era così. I controlli avvenivano settimanalmente o anche ogni dieci giorni. Inoltre non c’era un registro e alle contestazioni non seguivano penali che, come previsto, potevano arrivare fino alla revoca del contratto. Accadeva più spesso che il comune le recuperasse dalle somme che doveva pagare alla ditta”, ha detto il perito dell’accusa, spiegando come tra le clausole fosse prevista la rescissione del contratto nel caso di cinque penali in un anno. 

Tra il 2012 e il 2014, il comune, tra penali trattenute e incassate, ha introitato 96.500 euro – meno del dovuto secondo l’accusa – circa 30mia euro l’anno, a fronte dei 9 milioni e 200mila euro l’anno di canone versato.

Tra la primavera e l’estate del 2014, Viterbo Ambiente ha chiesto un adeguamento del canone: 622mila euro in più a marzo, per l’incremento del numero delle utenze servite, diventati 800mila euro in più a aprile, per un totale di 10 milioni e 700mila euro. Cifra rivista al ribasso (10 milioni e 100mila euro) dal dirigente Dello Vicario, secondo il quale l’azienda non aveva tenuto conto, nel Pef in cui era previsto un rincaro del 13 per cento, del 10 per cento di rischio d’impresa a suo carico. L’accusa contesta però l’aggiunta al totale di ulteriori 300mila euro di “costi amministrativi”. Ci sono poi i 450mila euro in più per migliorie al servizio di spazzamento che, come detto, non funzionava aìcome doveva.

Per l’avvocato Giovanni Labate, che difende Dello Vicario, nel Pef 2014, che del suo non obbligava il comune a pagare se non trasfuso una determina, non venivano indicati costi abnormi per l’implementazione dello spazzamento e gli altri servizi preventivati. “Il contratto era sottodimensionato rispetto alle esigenze del comune, che richiedeva molti interventi aggiuntivi, pagati a parte”, ha detto il legale durante il controesame del consulente della procura. “Venivano indicate duemila caditoie, quando a Viterbo ce ne sono ottomila. Ci sono note in cui il dirigente contesta una serie di criticità. Per lo spazzamento non effettuato per colpa di problemi di Casale Bussi e non di Viterbo Ambiente, sono stati decurtati 92mila euro. Ma erano per ‘omesso servizio’, ripeto non per colpa di Viterbo Ambiente, non una penale”. 

Sul Piano economico finanziario è intervenuto lo stesso Dello Vicario, rilasciando spontanee dichiarazioni, di natura molto tenica, relative al Pef. 

Si torna in aula il 10 marzo, quando saranno sentiti i periti delle difese. 

Silvana Cortignani


Condividi la notizia:
9 ottobre, 2019

Inchiesta "Vento di maestrale" ... Gli articoli

  1. Casale Bussi, 78 parti civili contro la malagestione della discarica
  2. Vento di maestrale - Viterbo Ambiente, prima udienza lampo
  3. Maxinchiesta sui rifiuti, un solo processo per otto imputati
  4. Inchiesta Viterbo Ambiente, parte il processo a Dello Vicario, Bonfiglio e Tonnetti
  5. Truffa rifiuti, al via il processo al dirigente comunale Dello Vicario
  6. Maxinchiesta sui rifiuti, processo al via anche per il direttore tecnico di Casale Bussi
  7. Maxinchiesta sui rifiuti, record di oltre cento parti civili contro Ecologia Viterbo
  8. Maxinchiesta sui rifiuti, processo al via per sette imputati
  9. Inchiesta rifiuti, sette rinvii a giudizio
  10. Truffa milionaria sui rifiuti, cinque avvisi di fine indagine
  11. Inchiesta rifiuti, gli atti tornano in procura
  12. "Ecologia Viterbo, il Comune si costituirà parte civile"
  13. Inchiesta rifiuti, la procura vuole il processo
  14. "Viterbo Ambiente, pericolo di condizionamento mafioso"
  15. "Nessun collegamento con Mafia capitale"
  16. Inchiesta rifiuti, sette avvisi di garanzia
  17. Rifiuti, il comune consegna documenti alla procura
  18. "Ordinanza d'arresto appiattita sull'accusa"
  19. Libero anche l'ultimo uomo di Ecologia Viterbo
  20. Liberi Zadotti, Rizzo e Sacchetti
  21. Zadotti fuori dalla Ternana Calcio
  22. Revocati i domiciliari a Francesco Bonfiglio
  23. Tonnetti torna libero, annullati i domiciliari
  24. Inchiesta rifiuti, è corsa al tribunale del riesame
  25. Viterbo Ambiente, Bonfiglio interrogato per tre ore
  26. Rifiuti, ascoltato il segretario generale del comune
  27. La difesa di Dello Vicario: "Viterbo Ambiente sanzionata per 96mila euro"
  28. "Poi c'è la riccia che magari me fa 'na foto..."
  29. Revocati i domiciliari al presidente di Viterbo Ambiente
  30. Tutti i soldi che Viterbo Ambiente voleva
  31. Revocati i domiciliari a Dello Vicario
  32. Maxi interrogatori per Dello Vicario e Quintarelli
  33. "La ditta sta giocando sporco..."
  34. "Dovete spazzà, svuotà le isole e pulì per terra"
  35. Una frode da più di un milione di euro
  36. Gestione dei rifiuti, nove arresti
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR