--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Ronciglione - Lo spettacolo del laboratorio teatrale "Alta quota" sabato 23 novembre alle 21 e domenica 24 novembre alle 17,30

Al teatro Petrolini in scena “Aspetta e spera”

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Il teatro Ettore Petrolini di Ronciglione

Il teatro Ettore Petrolini di Ronciglione

Ronciglione – Si rinnova l’appuntamento con lo spettacolo del laboratorio teatrale “Alta quota”.

Sabato 23 novembre alle 21 e domenica 24 novembre alle 17,30, il palcoscenico del teatro comunale “E. Petrolini” di Ronciglione ospiterà “Aspetta e spera”, per la consueta regia di Sandro Nardi, con Rita Alciati, Cecilia Antinelli, Oriana Battistelli, Maria Cangani, Susam Collyer, Alessandra Conti, Carmela Duca, Antonio Mariani, Rossana Pazzielli, Roberto Pensieri, Marilena Ponzio, Massimo Quatrini, Tiziana Ricci , Amalia Scoppola, Paola Senesi, Laura Sperati.

Lo spettacolo è promosso dal centro polivalente comunale “Città di Ronciglione”, l’associazione TormillinArte, in collaborazione con l’istituzione Progetto teatro e il patrocinio del comune di Ronciglione.

Così “Alta quota” torna in scena con il suo teatro irriverente, fatto di stimoli e di nuove opportunità, che attraverso un lavoro di ricerca intende creare un percorso drammaturgico non convenzionale in cui il gruppo impegna il proprio tempo libero per sperimentare dando vita, attraverso un lavoro corale e originale, ad uno spettacolo che rispecchia il nostro tempo, le nostre debolezze, ma che è soprattutto un modo di guardare la realtà da altri punti di vista.

Un lavoro diverso per approcciarsi ad un corso di teatro che si discosta dai classici parametri dei soliti laboratori.

Quest’anno “Alta quota” presenta la storia di un protagonista assente. Una storia bizzarra dove è tutto terribilmente reale e al tempo stesso meta-reale, tra il mito e il romanzo. Ne nasce una tragicommedia costruita intorno alla condizione dell’attesa che un gruppo di persone si trova a dover condividere. Ogni personaggio, attraverso una propria simbolica forza poetica ed un proprio punto di vista, testimonia che chiunque è libero di vedere in quella “attesa” ciò che meglio crede. L’attesa come sintesi di tutte le attese possibili. L’attesa è quella di passare il tempo, ma anche protendersi oltre il tempo.


Condividi la notizia:
19 novembre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR