--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Camera di commercio - Presentate le feste di Vignanello, Blera, Gallese, Vetralla e Canino - Il presidente Merlani: "Nell'olivicoltura siamo diventati un'eccellenza"

Arrivano le caramelle e i cioccolatini all’olio della Tuscia

di Alessandro Castellani

Condividi la notizia:

Viterbo - La presentazione delle feste dell'olio della Tuscia

Viterbo – La presentazione delle feste dell’olio della Tuscia

Camera di commercio - Domenico Merlani

Camera di commercio – Domenico Merlani

Blera - La sindaca Elena Tolomei

Blera – La sindaca Elena Tolomei

Viterbo – Caramelle e cioccolatini all’olio, conferenze sulle proprietà medicinali del liquido, spettacoli musicali e degustazioni. La rassegna delle Feste dell’Olio della Tuscia si apre venerdì con Vignanello e Blera e si chiude a metà dicembre con Vetralla.

Il programma in cartellone è stato presentato stamattina alla Camera di commercio di Viterbo, con i rappresentanti dei cinque comuni coinvolti e i padroni di casa, il presidente Domenico Merlani e il segretario generale Francesco Monzillo.

“L’olio è un’eccellenza della Tuscia fin dai tempi degli Etruschi – ha dichiarato Merlani – ma negli anni ha conosciuto un’evoluzione costante. Adesso è un driver importante per il tessuto economico della provincia e abbiamo delle produzioni Dop che ci hanno portato al top a livello nazionale”.

“L’olio ha una parte di primo piano nel progetto di turismo esperienziale Tuscia Experience – ha aggiunto Monzillo -. Sulle 32 attività artistiche, culturali e gastronomiche selezionate per coinvolgere i visitatori in esperienze da vivere in prima persona, ben 9 sono frantoi”.

Ognuno dei cinque paesi inseriti nel cartellone delle Feste dell’olio della Tuscia ha presentato le caratteristiche della propria rassegna. 

Canino (dal 29 novembre all’1 dicembre e dal 5 all’8 dicembre) è il paese in cui la festa comincerà per ultima. Il vicesindaco Augusto Onori ha parlato della lunga storia della sagra cittadina, “nata quando l’olio era un’attività familiare e presente ancora adesso, che abbiamo l’oleificio sociale più grande d’Europa”. Quest’anno la chicca sarà la presentazione di caramelle e cioccolatini all’olio, realizzati dall’istituto alberghiero Farnese.

Vignanello (dall’8 al 10 e dal 15 al 17 novembre), rappresentato dalla vicesindaca Sabrina Sciarrini, punta sui corsi di formazione sulla produzione dell’olio e l’apertura dei frantoi al pubblico. A Blera (dall’8 al 10 novembre), per voce della sindaca Elena Tolomei, le degustazioni si uniranno a spettacoli musicali in giro per la città, presentazioni di libri e apertura di botteghe artistiche.

Il sindaco di Gallese, Danilo Piersanti, ha invitato a partecipare alle escursioni nelle campagne che circondano il borgo, che si sono conservate molto simili a com’erano nei secoli scorsi. La festa si terrà il 16 e 17 novembre.

Il responsabile Agricoltura e commercio del comune di Vetralla, Angelo Russo, ha annunciato che in occasione della festa Sì v’olio (dal 23 novembre al 14 dicembre) sarà presentata una ricerca dell’università La Sapienza di Roma dal titolo “Olio e salute”: quattro conferenze che illustreranno la duplice funzione dell’olio come alimento e medicamento.

 

Alessandro Castellani


Condividi la notizia:
6 novembre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR