--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tarquinia - Intervengono Gian Piero Baldi (Associazione Bio Ambiente) e Simona Ricotti (Forum Ambientalista)

“Centrale Biogas, come si fa ad autorizzare un’impianto insalubre a ridosso di abitazioni?”

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Tarquinia - La protesta contro la centrale biogas

Tarquinia – La protesta contro la centrale biogas

Tarquinia – Riceviamo e pubblichiamo – Ebbene sì, il vecchio progetto (2013) del Biogas-Biometano del Consorzio Pellicano in località Olivastro a Tarquinia, bocciato poco più di un anno fa, è stato ripresentato con alcune modifiche dagli stessi precedenti proponenti, trasformatisi ora in Pellicano Srl e, tre  giorni fa, approvato in sede di conferenza dei servizi conclusiva Aia alla Regione Lazio, alla presenza degli stessi enti  fautori del primo diniego. 

Alcune domande sorgono spontanee: come può un parere a cui si è espresso parere negativo, trasformarsi in parere contrapposto? 

Può  bastare che una società cambi di poco il nome e apponga alcune lievi modifiche e ripresenti reiteratamente lo stesso progetto, peraltro con ricorso ancora pendente al Tar Lazio, per riuscire ad essere autorizzati in barba anche al comune ospitante?  

Viene da pensare che alla fine tutti i progetti che trattano rifiuti in Italia (o forse solo nel Lazio?) verranno approvati prima o poi in sede Aia.

Ma come si fa ad autorizzare un impianto insalubre di prima classe a ridosso (poco più di 200 m) di alcune abitazioni?

Come ha fatto la Asl di Viterbo, questa volta, a dare parere positivo quando precedentemente aveva espresso parere ostativo per la vicinanza di case sparse? Si saranno mica volatilizzate tali stesse abitazioni con le rispettive poche ma reali famiglie? E come mai detto parere sembra più una sorta di requisitoria difensiva del proponente, che un parere sanitario, vista la totale assenza di riferimento agli effetti sulla salute delle emissioni e al rischio microbiologico connessi a tali impianti?

Purtroppo dobbiamo prendere atto, ancora una volta, che il profitto di pochi imprenditori privati prevarica  la logica, violenta la dignità umana delle nostre famiglie, abroga la nostra costituzione perché vìola il diritto alla nostra salute.

Rileviamo infine il “grande valore” dato dalla Regione Lazio alla partecipazione dei cittadini visto che, nonostante avessimo avanzato istanza di partecipazione al procedimento e richiesta di essere accolti come uditori in ogni singola seduta della conferenza dei servizi, gli uffici non hanno ritenuto di informarci di quest’ultima seduta, estromettendoci dal momento più delicato di questo sconcertante procedimento.

Vogliamo augurarci che il  sindaco Giulivi e il comune di Tarquinia, unico ente pubblico ufficialmente da sempre contrario a tale industria, agisca con determinazione per far valere il proprio parere negativo.

Le associazioni  “Bio ambiente”e “Forum ambientalista” e i cittadini dell’Olivastro, che stanno lottando strenuamente da quasi 7 anni insieme ai propri avvocati Michele Greco e Roberta Sacco, contro questo progetto industriale previsto in una zona agricola di pregio all’interno della splendida Valle del fiume Mignone non si arrenderemo mai.

Gian Piero Baldi
Associazione Bio Ambiente
Medico Isde    

Simona Ricotti
Forum Ambientalista

 


Condividi la notizia:
10 novembre, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR