--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - In occasione della festa dei santi Valentino e Ilario

Chiesa di Villanova, domani l’inaugurazione degli affreschi di sant’Agostino

Condividi la notizia:

Viterbo - Gli affreschi di sant'Agostino nella chiesa di Villanova

Viterbo – Gli affreschi di sant’Agostino nella chiesa di Villanova

Viterbo - Gli affreschi di sant'Agostino nella chiesa di Villanova

Viterbo – Gli affreschi di sant’Agostino nella chiesa di Villanova

Viterbo - Gli affreschi di sant'Agostino nella chiesa di Villanova

Viterbo – Gli affreschi di sant’Agostino nella chiesa di Villanova

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Domenica 3 novembre, in occasione della festa liturgica dei santi Valentino e Ilario, inaugurazione affreschi di sant’Agostino nella chiesa di Villanova a Viterbo. Il vescovo di Viterbo Lino Fumagalli alle 17 inaugurerà gli affreschi provenienti dall’antica chiesa di santa Maria in Volturno.

Sono stati già collocati nelle pareti alte della nuova chiesa di Villanova i tre affreschi che ritraggono alcuni episodi della vita di sant’Agostino, provenienti tutti dall’antica chiesa di santa Maria in Volturno distrutta nel dopoguerra (1948-1949).

Dopo il minuzioso lavoro di restauro, i tre maestosi affreschi sono rimasti in esposizione nella sala Gualterio di palazzo dei Papi dal 27 dicembre 2018 al 27 gennaio 2019, in una mostra temporanea e significativa.

Opere graffiate dalla polvere del tempo, ritrovate e delicatamente riportate al loro antico splendore. Nove in tutto, tre quelle a ora rivalorizzate. Sei i mesi di lavoro.

I tre capolavori pittorici risalgono alla prima metà del XVII secolo: il putto che rivela a sant’Agostino l’insondabilità del mistero trinitario, sant’Agostino e santa Monica che ascoltano la predica di sant’Ambrogio e la morte di santa Monica, tutti e tre di un anonimo pittore viterbese anche se, non si esclude, la partecipazione di altri artisti locali. Le raffigurazioni provengono dal monastero agostiniano di santa Maria in Volturno, un pezzo di Viterbo che non esiste più. La chiesa venne demolita nel dopoguerra per rispondere alle esigenze dell’edilizia abitativa.

Una memoria rimasta solo nel titolo della via di Santa Maria in Volturno, che dalla piazza di Sant’Agostino scende in piazza dei Martiri. Il portale della chiesa distrutta si trova agli Almadiani, un pezzo è sito nel cortile interno della Santissima Trinità, un altro è stato acquisito da un privato. Di alcune opere non si conosce la collocazione attuale, diverse sono andate distrutte.

La collocazione delle opere, a opera della ditta “Saggini Massimo”, è stata possibile grazie all’intuizione del vescovo Fumagalli e ai permessi della soprintendenza. Alla cerimonia prenderà parte l’ingegner Santino Tosini direttore dell’ufficio Beni culturali della diocesi. Al termine l’unione musicale viterbese “A. Ceccarini” diretta dal maestro don Roberto Bracaccini eseguirà un concerto inaugurale. All’organo il maestro Matteo Biscetti. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

Don Emanuele Germani


Condividi la notizia:
2 novembre, 2019

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR