--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Appuntamento domani alle 21 nella chiesa della Verità

Il coro polifonico “Musica reservata” chiude “I Bemolli sono blu”

Condividi la notizia:

Il coro "Musica reservata"

Il coro “Musica reservata”

Il maestro Ferdinando Bastianini

Il maestro Ferdinando Bastianini

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Il festival di musica classica “I Bemolli sono blu”, diretto dal maestro Sandro De Palma, dopo essere stato aperto con uno straordinario concerto di pianoforte sollocato su una pedana trasparente nella storica piscina delle Terme dei Papi, chiude con un altro appuntamento straordinario.

Domani, sabato 9 novembre, in occasione del 125esimo anniversario del Touring Club Italiano, per la serie di eventi coordinati dal console Touring di Viterbo, Vincenzo Ceniti, nella chiesa di Santa Maria della Verità di Viterbo si terrà il concerto con il coro polifonico “Musica reservata”, direttore Roberto Ciafrei, organista Ferdinando Bastianini.

Il programma, per “I suoni dello spirito”, prevede un capolavoro raramente eseguito di Franz Liszt, la Via Crucis, aperto dal famoso inno “Vexilla regis”, le cui parole sono tratte dal poemetto composto da san Venanzio Fortunato La fama di questo inno è stata accresciuta dal fatto che venne ripreso nella Divina Commedia da Dante Alighieri.

Il progetto della “Via Crucis”, fu a lungo meditato e a più riprese accantonato da Liszt. Nel 1866 il compositore lo abbozzò a Monte Mario Roma. Solo oltre dieci anni dopo l’opera vide la sua stesura definitiva.

Concepita originariamente per soli, coro e organo (o pianoforte) la “Via Crucis” viene trascritta l’anno successivo a Budapest in una versione per solo pianoforte a 4 mani. Ad eseguirla, domani sera, sarà il coro Musica Reservata, una squadra di voci compatta, all’unisono dai bassi ai soprani, giovane e gioviale, con attacchi sincronizzati e ultime note sfumate, con la direzione di Roberto Ciafrei, gia apprezzato nella chiesa abbaziale di San Martino al Cimino e con all’organo un artista viterbese di provata e straordinaria capacità esecutiva, Ferdinando Bastianini. Un’ occasione più unica che rara per assistere ad un concerto di notevole spessore. L’ingresso è libero.

Associazione Clementi


Condividi la notizia:
8 novembre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR