--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - I partecipanti alla missione hanno raggiunto la frazione di Paiano, dove hanno provveduto alla distribuzione di generi alimentari e indumenti alle persone bisognose

Una delegazione costantiniana della Tuscia ad Amatrice

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Una delegazione costantiniana della Tuscia ad Amatrice

Una delegazione costantiniana della Tuscia ad Amatrice

Amatrice – Sabato 9 novembre missione di soccorso costantiniana ad Amatrice.

Una folta rappresentanza di cavalieri, postulanti e volontari della delegazione della Tuscia e Sabina del sacro militare ordine costantiniano di San Giorgio, guidata dal delegato Roberto Saccarello, sabato 9 novembre è ritornata nel territorio di Amatrice, in provincia di Rieti, per prestare aiuto alla popolazione duramente colpita dal sisma del 2016.

Dopo la santa messa celebrata da don Stefano Sivilla Clary, cappellano di merito della Sacra milizia, in una struttura della Caritas diocesana a Torrita, i partecipanti alla missione di soccorso costantiniana hanno raggiunto la frazione di Paiano, dove hanno provveduto alla distribuzione di generi alimentari e indumenti alle persone più bisognose.

Ultima tappa è stato il monastero benedettino in località Scai, gravemente danneggiato dal terremoto. Dopo la visita alla chiesa dedicata a Santa Caterina d’Alessandria per un momento di raccoglimento, i partecipanti alla missione di soccorso costantiniana si sono amabilmente intrattenuti con le monache, a cui hanno consegnato generi di conforto e una offerta per le necessità della comunità.


Condividi la notizia:
12 novembre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR