--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Presente ufficialmente tutte le liste - Si vota il 15 dicembre - Centrodestra verso la maggioranza

Elezioni provinciali, sfida aperta ed esito scontato

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Il consiglio provinciale stamani

Il consiglio provinciale vuoto

Viterbo – (g.f.) – Elezioni provinciali, quarantadue candidati su quattro liste, tutti in corsa per 12 posti da consigliere.

Consegnate le liste, i partiti nella Tuscia si preparano ad andare alle urne il prossimo 15 dicembre. Appuntamento elettorale a zero suspance e nessun colpo di scena o quasi.

Sono votazioni di secondo livello, decidono i sindaci e i consiglieri comunali dei 60 centri della Tuscia. Quindi, si sa già l’orientamento e chi potrà avere la maggioranza. Il successo del centrodestra è dato per scontato.

La coalizione si presenta divisa all’appuntamenti. Forza Italia, Lega e Fondazione nella lista Insieme per la Tuscia, e Fratelli d’Italia per conto proprio con Tuscia Tricolore.

Sul fronte opposto, Tuscia Democratica, ispirata dal Pd e Per i Beni comuni, che mette insieme esponenti di sinistra e moderati, accomunati da alcuni temi, come la gestione dell’acqua.

Fra i 42 nomi, solo quattro i sindaci concorrono: Maurizio Testa (Insieme per la Tuscia e sostenuto da Fondazione), Alessandro Romoli (Insieme per la Tuscia), Mario Mengoni ed Eugenio Stelliferi (Tuscia Democratica). Il resto sono consiglieri.

Il centrodestra punta a un risultato importante. Tanto che ieri in conferenza stampa è stato già dato l’avviso di sfratto a Pietro Nocchi, presidente espressione del centrosinistra. Solo che il sistema elettorale prevede tempi e modalità separate per consiglieri e presidente. Quindi, in linea teorica e forse anche pratica, Nocchi può rimanere fino a scadenza a palazzo Gentili.

Scorrendo le liste, c’è molta provincia fra i 42 in corsa. Solo cinque arrivano dal capoluogo, Ombretta Perlorca e Giulio Marini (Insieme per la Tuscia), Gianluca Grancini (Tuscia Tricolore), Giacomo Barelli e Lina Delle Monache (Tuscia Democratica).

Nel centrosinistra, quasi tutti riconfermati gli uscenti, ad eccezione di Francesco Serra ed Elena Tolomei, mentre nel centrodestra ci riprovano Gianluca Grancini e Alessandro Romoli. Quest’ultimo in pole per la riconferma da capogruppo.

In attesa del 15 dicembre, un pensiero accomuna tutti i partiti, sia raccolti in un’unica lista, sia quelli in corsa solitaria. La certezza di prendere un discreto numero di rappresentanti. Contando sugli amministratori locali e la loro fedeltà.


 – 42 candidati in corsa per 12 posti da consigliere

Articoli: “Il presidente Nocchi si deve dimettere” –  Augusto Bracoloni e Ombretta Perlorca per la Lega – Alessandro Romoli e Giulio Marini per Forza italia – Bengasi Battisti e Fabio Valentini in “Per i Beni comuni” – Lina Novelli e Giacomo Barelli per Tuscia democratica – I vicesindaci Liberati di Tuscania e Camilli di Soriano con FdICandidati alle elezioni provinciali, prime indiscrezioni sui nomi – Lista unica Lega, FI e Fondazione, corsa solitaria per FdI


Condividi la notizia:
26 novembre, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR