--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - La conferenza venerdì 8 novembre alle 17,30 al museo Colle del Duomo

“Il giardino di Ponte dell’Elce a Viterbo e il Sacro Bosco di Bomarzo”

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Viterbo - polo monumentale Colle del duomo

Viterbo – Polo monumentale Colle del duomo

Viterbo – Venerdì 8 novembre, alle 17,30, il museo Colle del Duomo ospiterà la conferenza “Il giardino di Ponte dell’Elce a Viterbo e il Sacro Bosco di Bomarzo. Similitudini, storia e iconografia”.

L’incontro verterà principalmente sul progetto di studio, coordinato dal Cnr Ispc (ex Ibam) e dall’Università della Tuscia, dal quale sono emerse informazioni utili per una prima ricostruzione della storia di Ponte dell’Elce.

Come spiega Federica Gaspari, storica dell’arte che interverrà alla conferenza, “Il sito del Casaletto di Ponte dell’Elce, nascosto dalla vegetazione e protetto dalle acque del Fosso Roncone, giunge ai nostri giorni con una fisionomia complessa, in cui strutture antiche e recenti coesistono in un unico insieme. Una volta ricondotto ogni elemento alla sua epoca di riferimento, appare evidente l’impressionante continuità di vita del sito, esistente dal XIII secolo e utilizzato almeno fino al 1950.

In questa lunghissima storia, un evento spicca su tutti: l’introduzione di sculture ispirate al mito di Ercole e Esione e di almeno due fontane, un intervento artistico straordinariamente significativo e affascinante che avvicina idealmente questo angolo di campagna ai giardini delle grandi residenze realizzati nel corso del XVI secolo per nobili e ricchi committenti.

L’analisi storico artistica, affiancata ai dati storici, ha permesso di portare alla luce evidenti punti di contatto con i ben più noti esempi nelle tenute aristocratiche di Bagnaia, Caprarola, Bomarzo, Soriano, segno di un possibile legame, ancora tutto da indagare, tra i grandi cantieri artistici cinquecenteschi e Ponte dell’Elce”.

Insieme a Gaspari sarà presente alla conferenza anche il Antonio Rocca, storico dell’arte ed esperto della storia del Sacro Bosco di Bomarzo.


Condividi la notizia:
4 novembre, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR