Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - In arrivo in Italia i cellulari del "futuro" - A Roma uno dei primi "progetti pilota"

La rivoluzione del 5G, sperimentazione e protagonisti

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:

Cellulare in auto

Un cellulare 

Un telefono cellulare

Un telefono cellulare

Le prime batteria del cellulare

Le prime batteria del cellulare

Uno dei primi cellulari

Uno dei primi cellulari

Viterbo – “Pjia e non pija”. E’ il cellulare, quello che vi portate in tasca ogni giorno, davanti agli occhi e quasi per tutto il tempo. Almeno 5-6 ore al giorno, spostandosi da un capo all’altro della stanza o della via con voci e volti che, a volte, vanno e vengono facendovi disperare. E in alto a sinistra una serie di colonnine che a volte ci sono, altre volte no. Il 4 G, dove per G si intende generazione.

Ecco, la quarta è ormai quasi superata e si va dritti dritti verso la quinta. Come le marce dell’automobile quando quest’ultima era simbolo e manifestazione evidente della modernizzazione in corso. Con tanto d’inquinamento e gas di scarico al seguito. Per non parlare poi delle guerre per il petrolio “necessarie” per permettere a ciascuno d’arrivare con l’auto fin sotto casa, senza fare nemmeno un passo una volta usciti da scuola o dal posto di lavoro.

Cellulari 5 G. Da qualche tempo è in corso la sperimentazione. Dove? Milano, Piemonte, Prato, Roma, Bari e Matera. 

“Il termine 5G – spiega Giuseppe Marsico dell’Ispra, l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, sulla rivista Ecoscienza dell’Arpa Emilia Romagna – fa comunemente riferimento alle nuove tecnologie di telefonia mobile di quinta generazione, le quali rappresentano l’evoluzione di quelle attualmente utilizzate nel campo della telefonia mobile. Il 5G, infatti, consentirà sia di incrementare le prestazioni dei servizi già presenti, in termini di velocità e tempi di latenza della connessione, sia di implementare nuovi servizi – come ad esempio i sistemi di guida autonoma delle automobili, i servizismart city, i dispositivi smart home esmart agrifood – ma anche di supplire a situazioni di digital divide, ovvero alle di coltà da parte di singoli individui o di gruppi sociali ad accedere ai servizi online. Inoltre, tutto ciò consentirà di implementare il cosiddetto Iot (Internet of things), che porterà a una rivoluzione negli ambiti di energia e servizi, produzione, sicurezza pubblica, sanità, trasporto pubblico, servizi nanziari, agricoltura e in de nitiva nel modo di vivere quotidiano di ciascuno.

Relativamente alle emissioni della tecnologia 5G, si prevede l’utilizzo di bande di frequenza più elevate rispetto a quelle attualmente in uso per la telefonia mobile. Ma la caratteristica che distingue il 5G dalle tecnologie precedenti “consiste – prosegue Marsico – nell’adozione di sistemi che consentono di ottenere fasci direzionali di emissione d’antenna con caratteristiche spaziali di tipo ‘dinamico’”. Una modalità di esercizio consente di fatto di “seguire” l’utilizzatore del servizio in tempo reale e nello spazio. “Pertanto – spiega il dirigente dell’Ispra – nell’ambito dell’esposizione ai campi elettromagnetici, si pone il problema di riconsiderare i criteri di valutazione rispetto alle normative in attualmente in vigore, in quanto le caratteristiche peculiari della rete 5G suggeriscono l’utilizzo di metodi basati su modelli statistici”.

Per quanto riguarda poi il controllo ambientale di questi impianti, “la valutazione dell’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici è una delle competenze delle Agenzie regionali e delle Province autonome, che svolgono attività inerenti al rilascio delle autorizzazioni e alle verifiche dei livelli di emissione. In particolare – sottolinea Marsico – le agenzie verificano già in fase progettuale il rispetto dei livelli di campo elettromagnetico, confrontando i valori dichiarati dai gestori degli impianti con i limiti di legge stabiliti a livello nazionale, per poi effettuare i relativi monitoraggi strumentali una volta che gli impianti stessi siano messi in esercizio.

Intanto il ministero dello sviluppo economico (Mise) il 2 ottobre ha chiuso la procedura per l’assegnazione dei diritti d’uso delle frequenze per il 5G avviata il 13 settembre.

“Le procedure di gara – fa sapere il Mise – hanno portato ad una competizione vivace, conclusasi in 14 giornate di miglioramenti competitivi e con 171 tornate. L’introito raggiunto ha superato del 164% il valore delle offerte iniziali e del 130,5% la base d’asta. L’ammontare totale delle offerte per le bande messe a gara ha raggiunto i 6.550.422.258 euro, superando di oltre 4 miliardi l’introito minimo fissato nella legge di bilancio”.

Per quanto riguarda infine l’assegnazione dei lotti, quello “riservato ai nuovi entranti di 10 MHz in banda 700 MHz FDD – dichiara il Mise – è stato aggiudicato dal remedy taker Iliad Italia per 676.472.792 euro, mentre Vodafone si è aggiudicato 2 lotti generici in banda 700 MHz FDD, per un totale di 10 MHz alla cifra complessiva di 683.236.396 euro. I restanti 2 lotti generici in banda 700 MHz FDD, per un totale di 10 MHz, sono stati aggiudicati da Telecom Italia per un importo complessivo di 680.200.000 euro”.

“I 5 lotti in banda 26 GHz – prosegue il comunicato del ministero – sono stati aggiudicati uno per ogni società. In particolare Telecom Italia si è aggiudicata un lotto per 33.020.000 euro, Iliad Italia si è aggiudicata un lotto per 32.900.000 euro, Fastweb si è aggiudicata un lotto per 32.600.000 euro, Wind 3 si è aggiudicata un lotto per 32.586.535 e Vodafone Italia si è aggiudicata un lotto per 32.586.535 euro”.

“La fase dei miglioramenti competitivi – conclude la nota del Mise – ha visto una vivace competizione da parte delle società partecipanti in particolare sulla banda 3700 MHz. A valle di tale competizione la società Telecom Italia si è aggiudicata il lotto specifico (C1) di 80 MHz per 1.694.000.000 euro, la società Vodafone Italia si è aggiudicata il lotto generico di 80 MHz per 1.685.000.000 euro, la società Wind 3 si è aggiudicata un lotto generico di 20 MHz per 483.920.000 euro e la società Iliad Italia si è aggiudicata il secondo lotto generico di 20 MHz per 483.900.000 euro”.

Daniele Camilli


Condividi la notizia:
23 novembre, 2019

Reportage 4 ... Gli articoli

  1. "Chemical city, la conservazione dei materiali era compromessa già nel 1963..."
  2. "Chemical city, trovato ordigno bellico nell'area militare del lago di Vico"
  3. "Vogliamo sapere la verità sulla Chemical city del lago di Vico"
  4. Chemical city, centinaia di documenti militari bruciati e altri buttati in giro per tutta l'area
  5. Calci, sputi e sgabellate, la vita del poliziotto nel carcere di Mammagialla...
  6. "Gli orari della ferrovia Roma nord stanno distruggendo l'istituto agrario"
  7. Il comune si schiera contro il consumo di suolo e il fotovoltaico a terra
  8. Discarica di Cinelli, adesso c'è pure un lago d'acqua con auto e roulotte abbandonate
  9. Chemical city, tubature da cui esce liquido nero e carotaggi lasciati sul terreno
  10. “Un tavolo contro il caporalato e lo sfruttamento dei braccianti”
  11. "Non ha solo la bellezza, ma anche il carattere..."
  12. "Di Veroli Letizia e Di Veroli Anna non hanno espresso lamentele, soltanto aspirano alla libertà... "
  13. "Lo sterminio degli omosessuali è sempre stato un olocausto di serie B"
  14. "Una splendida pagina di dignità culturale..."
  15. "Sotto piazza San Lorenzo ci sono cunicoli, sepolture e... una cripta"
  16. "Se mia figlia sposasse uno come lui io sarei il padre più felice della terra"
  17. Farnese pneumatici, il tribunale ha respinto la richiesta di concordato... si va verso il fallimento?
  18. Il Lazio è la regione con il più alto quantitativo di rifiuti radioattivi a livello nazionale
  19. "La scuola italiana è ancora una scuola di classe"
  20. "Natale, quest'anno la gente è meno della metà..."
  21. "La religione è una forza per costruire la pace"
  22. "Cotral, Cotral... vaffanculo!"
  23. Degrado, una piccola discarica e plastica andata a fuoco... lo stato di salute dell'ex Ospedale grande degli infermi
  24. Don Franco, il prete che ha fatto il "miracolo" in Senegal...
  25. Un po' romana, un po' maremmana... e pure un po' toscana
  26. "Serve un ripensamento del sistema di trasporto per garantire agli universitari di poter studiare"
  27. A Pianoscarano la casa presepe delle mille e una notte...
  28. "Trasporti pubblici gratuiti per accompagnare i braccianti al lavoro"
  29. "Gli artigiani sono il Quarto stato della Tuscia..."
  30. "I sacrifici sono stati tanti, ringrazio i miei genitori con tutto il cuore..."
  31. "Un sistema di trasporti efficace è condizione indispensabile per garantire il diritto allo studio"
  32. Bonus facciate, l'occasione giusta per rilanciare e dare un nuovo volto al centro storico
  33. "Villanova, una chiesa della gente e per la gente..."
  34. "Per migliorare i trasporti serve un'agenzia unica per la mobilità"
  35. "Abbiamo fatto rinascere via dei Magazzini... con olio di gomito e candeggina"
  36. Concorso per la polizia locale, ecco come sono andate le cose...
  37. "Trasporti nella Tuscia, a rischio il diritto allo studio e al lavoro..."
  38. Arriva la carta dei suoli del Lazio: "Fondamentale per conoscere il territorio"
  39. Discariche, voragini e prostituzione sulla Tuscanese
  40. Espropri per il fotovoltaico, coinvolti più di cinquanta proprietari di terreni
  41. "Foro Cassio, il proprietario del terreno deve rimettere in sicurezza la strada"
  42. Pareti che crollano, strade che fanno schifo e un sito archeologico abbandonato... benevenuti a Foro Cassio
  43. "Mille chilometri sulla Francigena... con una gamba e due stampelle"
  44. Venti quintali di lana e Radio radicale per cacciare i lupi la notte...
  45. Al giardino di Ponte dell'Elce... la prima sex symbol della Tuscia
  46. La Regione Lazio si schiera contro l'impianto geotermico di Castel Giorgio
  47. "Le forze dell'ordine sono come pit bull drogati mandati in strada a combattere..."
  48. Lago di Bolsena, la rivolta delle lenzuola contro il geotermico
  49. "Ho vissuto più di dieci vite da Berlusconi..."
  50. "In Cile stiamo facendo una rivoluzione..."
  51. "Tuscia, in agricoltura si muore anche per non spendere cento euro..."
  52. "Ce l'abbiamo fatta, lunedì riaprirà strada Acquabianca"
  53. "Teresa ha insegnato a tutti il senso profondo del vivere"
  54. "La gente è costretta a fare altre strade e gli incassi sono crollati"
  55. "Ho passato con Paco un pezzo di vita bellissimo..."
  56. "Abbiamo visto il ragazzo a terra in fin di vita, ci siamo fermati e abbiamo fatto di tutto per salvarlo..."

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR