--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il biologo e consulente per le Nazioni Unite allo sviluppo sostenibile Roberto Buonomo al convegno “Emergenza climatica e agricoltura: partiamo dal suolo” organizzato dalla Camera di commercio

“L’agricoltura è il settore più vulnerabile ai cambiamenti climatici”

di Michele Mari

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Viterbo - Il convegno "Emergenza climatica e agricoltura: partiamo dal suolo"

Viterbo – Il convegno “Emergenza climatica e agricoltura: partiamo dal suolo”

Viterbo - Il convegno "Emergenza climatica e agricoltura: partiamo dal suolo" - Roberto Buonomo

Viterbo – Il convegno “Emergenza climatica e agricoltura: partiamo dal suolo” – Roberto Buonomo

 

Viterbo - Il convegno "Emergenza climatica e agricoltura: partiamo dal suolo" - Giuseppe Cornacchia

Viterbo – Il convegno “Emergenza climatica e agricoltura: partiamo dal suolo” – Giuseppe Cornacchia

 

Viterbo - Il convegno "Emergenza climatica e agricoltura: partiamo dal suolo" - Francesco Monzillo

Viterbo – Il convegno “Emergenza climatica e agricoltura: partiamo dal suolo” – Francesco Monzillo

 

Viterbo - Il convegno "Emergenza climatica e agricoltura: partiamo dal suolo"- Alessandra Battaglini

Viterbo – Il convegno “Emergenza climatica e agricoltura: partiamo dal suolo”- Alessandra Battaglini

 

Viterbo - Il convegno "Emergenza climatica e agricoltura: partiamo dal suolo"- Antonio Di Giorgio

Viterbo – Il convegno “Emergenza climatica e agricoltura: partiamo dal suolo”- Antonio Di Giorgio

 

Viterbo - Il convegno "Emergenza climatica e agricoltura: partiamo dal suolo" - Serenella Papalini

Viterbo – Il convegno “Emergenza climatica e agricoltura: partiamo dal suolo” – Serenella Papalini

 

Viterbo - Il convegno "Emergenza climatica e agricoltura: partiamo dal suolo"- Roberto Ercolani

Viterbo – Il convegno “Emergenza climatica e agricoltura: partiamo dal suolo”- Roberto Ercolani

 

Viterbo - Il convegno "Emergenza climatica e agricoltura: partiamo dal suolo"

Viterbo – Il convegno “Emergenza climatica e agricoltura: partiamo dal suolo”

Viterbo – “L’agricoltura è il settore più vulnerabile ai cambiamenti climatici”. Il biologo e consulente per le Nazioni Unite allo sviluppo sostenibile Roberto Buonomo al convegno “Emergenza climatica e agricoltura: partiamo dal suolo” che si è tenuto ieri pomeriggio nella sede della Camera di commercio di Viterbo.

L’incontro è stato organizzato dal comitato per la promozione dell’imprenditoria femminile della Camera di commercio per richiamare l’attenzione sui cambiamenti climatici e proporre una soluzione attraverso l’agricoltura. Ha moderato Serenella Papalini.

“L’agricoltura – ha spiegato Roberto Buonomo – è il settore più sensibile e vulnerabile ai cambiamenti climatici. Il futuro che ci attende è un aumento, entro il 2100, tra i quattro e i sei gradi centigradi della temperatura media globale con effetti disastrosi. Per questo dobbiamo diminuire le emissioni dei gas serra. E l’agricoltura, oltre ad essere il settore più sensibile ai cambiamenti climatici, è uno dei principali attori nell’eliminazioni di queste emissioni”.

L’intervento del biologo e consulente per le Nazioni Unite si è focalizzato proprio sul ruolo chiave dell’agricoltura nell’emergenza climatica.

“Dobbiamo iniziare a curare il suolo – ha concluso Buonomo – per contrastare i cambiamenti climatici”.

Sulla stessa lunghezza d’onda l’agronomo Giuseppe Cornacchia che ha evidenziato il ruolo degli agricoltori nella salvaguardia del suolo.

“L’agricoltura – ha detto Cornacchia – è il settore più esposto ai cambiamenti climatici. Nello sviluppo sostenibile ha un ruolo da protagonista. Una buona agricoltura deve, da una parte produrre, ma dall’altra riprodurre le condizioni di fertilità e gestire in maniera sostenibile il suolo. L’agricoltore è chiamato a recuperare la funzione di custode del suolo e di rigenerare la fertilità. La particolarità di questo settore è che se da un lato si emette Co2, dall’altra è l’unica attività in grado di controbilanciare l’emissione con un assorbimento”.

Cornacchia ha anche evidenziato gli obiettivi della nuova Politica agricola comune (Pac) rimarcando l’importanza del progetto Soil4life della Comunità Europea che ha l’obiettivo di mettere al centro delle attività la salvaguardia del terreno.

Nel corso del convegno ha portato i suoi saluti ai presenti il segretario generale della Camera di commercio di Viterbo Francesco Monzillo.

Poi è stato approfondito il problema del riscaldamento globale. L’agronomo e consulente Ong Deafal Antonio Di Giorgio ha spiegato il ruolo dell’agricoltura organica e rigenerativa nel contenimento dell’aumento delle temperature. 

Inoltre la dottoressa forestale Alessandra Battaglini ha approfondito il tema “La nuova sfida dell’agricoltura e della tecnica agricola sta nel conservare e gestire il suolo che produrrà cibo sano e sicuro”.

Infine la testimonianza di Roberto Ercolani sui progetti dell’imprenditoria green e il ruolo centrale nella produzione di qualità nel nostro territorio.

Un convegno, promosso dalla Camera di Commercio, che ha messo in luce un quadro preoccupante del nostro clima ma al tempo stesso anche le possibili soluzioni partendo proprio dal suolo e dall’agricoltura.

Michele Mari 


Condividi la notizia:
29 novembre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR