Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

In diretta da Santiago - Il regista Luis Bahamondes racconta le violenze della polizia contro i manifestanti cileni - Anche lui ferito da un proiettile - La rivolta non si ferma e per le strade della capitale continuano gli scontri - FOTO E VIDEO - IMMAGINI ESCLUSIVE

“Le forze dell’ordine sono come pit bull drogati mandati in strada a combattere…”

Condividi la notizia:


Santiago – (Dan.Ca.)”La rivolta continua, ma le forze dell’ordine sono ormai fuori controllo e la loro violenza nei confronti dei manifestanti aumenta di giorno in giorno. La polizia e i carabinieros ormai agiscono per conto loro, sono come pit bull drogati mandati in strada a combattere”. Luis Bahamondes, regista e sceneggiatore cileno, continua a testimoniare con il suo racconto, le sue foto e video quanto sta accadendo dall’altra parte del mondo. E anche Bahamondes, in prima linea con i manifestanti, è stato ferito a una mano dai proiettili della polizia.

In Cile, dove migliaia di manifestanti scendono quotidianamente in piazza per affrontare il presidente Sebastian Piñera che nei giorni scorsi aveva imposto coprifuoco e stato di emergenza in tutte le città del paese. Come non accadeva più dai tempi della dittatura militare di Augusto Pinochet.

“La rivoluzione dei 30 pesos”, così viene chiamato quanto sta accadendo in Cile. Perché tutto è iniziato con l’aumento del biglietto della metropolitana. La goccia che ha fatto traboccare il vaso, trasformando le città cilene, in particolar modo Santiago, in un vero e proprio campo di battaglia.


Cile - La rivoluzione dei 30 pesos

Cile – La rivoluzione dei 30 pesos


Coprifuoco e stato di emergenza sono stati poi revocati perché i cileni sono stati più forti della repressione. Una grande manifestazione, la scorsa settimana, che ha visto scendere in piazza a Santiago due milioni di manifestanti, ha costretto il governo a ritirare i provvedimenti e al cambio dell’esecutivo. Ma chi manifesta chiede anche le sue dimissioni e un nuovo patto sociale. Una nuova costituzione, pensata e voluta dalla compagine militare di Pinochet, e un welfare state che faccia fronte soprattutto alle esigenze delle fasce più deboli della popolazione. 


Luis Bahamondes

Luis Bahamondes


“Le forze dell’ordine schiacciano i cileni che protestano con una violenza inaudita – denuncia Bahamondes – e questo fin dall’inizio della rivolta iniziata una quindicina di giorni fa. Torture, arresti illegali e violenze sessuali. Tutte testimoniate”.


Cile - La rivoluzione dei 30 pesos

Cile – La rivoluzione dei 30 pesos


La paura è quella di un colpo di stato, come nel 1973 quando i militari di Pinochet, l’11 settembre, con la complicità degli Stati Uniti, rovesciarono il governo democraticamente eletto del socialista Salvador Allende imponendo al Cile una dittatura che andò avanti fino al 1988. Con persecuzioni continue, sospensione dei diritti più elementari, e migliaia di morti assassinati.


Cile - La rivoluzione dei 30 pesos

Cile – La rivoluzione dei 30 pesos


“Temiamo che le violenze in atto – spiega Bahamondes – possano essere pilotate per esasperare la situazione e spingere la popolazione cilena a chiedere l’intervento militare per riportare tutto alla normalità. Con Piñera a fare da garante. Anche i media sembrano spingere in questa direzione, accentuando le conseguenze degli scontri e dando voce soprattutto a chi vuole tornare a lavorare”. L’inizio di una strategia della tensione.


Cile - La rivoluzione dei 30 pesos

Cile – La rivoluzione dei 30 pesos


Intanto le manifestazioni vanno avanti, ogni giorno. “Tant’è vero che ho perso il conto”, dice Bahamondes. Martedì notte diversi edifici sono stati dati alle fiamme e gli scontri tra manifestanti e forze dell’ordine sono stati violentissimi. Andati avanti per ore con il fumo degli incendi che saliva alto sopra i tetti dei palazzi di Santiago.


Cile - La rivoluzione dei 30 pesos

Cile – La rivoluzione dei 30 pesos


“‘Chi non salta della Polizia è’, oppure ‘Il Cile si è svegliato’, queste le canzoni che in questi giorni cantiamo in piazza – commenta Bahamondes -. Anche l’istituto nazionale per i diritti umani (Nhri) ha denunciato le violenze in corso. Persino un loro osservatore è stato colpito dai proiettili della polizia”.


Santiago - La ferita riportata da Luis Bahamondes

Santiago – La ferita riportata da Luis Bahamondes


“Per il momento si tratta di pallini d’acciaio – conclude Bahamondes – che vengono sparati contro le persone. Anche io sono stato colpito, mentre stavo scattando foto in prima linea. Assieme a me, tanti altri colleghi sono rimasti feriti. Tante altre persone, con lividi e contusioni su tutto il corpo”.


Multimedia – Fotogallery: Manifestanti di nuovo in piazza – Il movimento cileno – Video: Gli scontri con le forze dell’ordine – “La rivoluzione” in Cile

Articoli: “In Cile stiamo facendo una rivoluzione…”


Condividi la notizia:
4 novembre, 2019

Reportage 4 ... Gli articoli

  1. "Chemical city, la conservazione dei materiali era compromessa già nel 1963..."
  2. "Chemical city, trovato ordigno bellico nell'area militare del lago di Vico"
  3. "Vogliamo sapere la verità sulla Chemical city del lago di Vico"
  4. Chemical city, centinaia di documenti militari bruciati e altri buttati in giro per tutta l'area
  5. Calci, sputi e sgabellate, la vita del poliziotto nel carcere di Mammagialla...
  6. "Gli orari della ferrovia Roma nord stanno distruggendo l'istituto agrario"
  7. Il comune si schiera contro il consumo di suolo e il fotovoltaico a terra
  8. Discarica di Cinelli, adesso c'è pure un lago d'acqua con auto e roulotte abbandonate
  9. Chemical city, tubature da cui esce liquido nero e carotaggi lasciati sul terreno
  10. “Un tavolo contro il caporalato e lo sfruttamento dei braccianti”
  11. "Non ha solo la bellezza, ma anche il carattere..."
  12. "Di Veroli Letizia e Di Veroli Anna non hanno espresso lamentele, soltanto aspirano alla libertà... "
  13. "Lo sterminio degli omosessuali è sempre stato un olocausto di serie B"
  14. "Una splendida pagina di dignità culturale..."
  15. "Sotto piazza San Lorenzo ci sono cunicoli, sepolture e... una cripta"
  16. "Se mia figlia sposasse uno come lui io sarei il padre più felice della terra"
  17. Farnese pneumatici, il tribunale ha respinto la richiesta di concordato... si va verso il fallimento?
  18. Il Lazio è la regione con il più alto quantitativo di rifiuti radioattivi a livello nazionale
  19. "La scuola italiana è ancora una scuola di classe"
  20. "Natale, quest'anno la gente è meno della metà..."
  21. "La religione è una forza per costruire la pace"
  22. "Cotral, Cotral... vaffanculo!"
  23. Degrado, una piccola discarica e plastica andata a fuoco... lo stato di salute dell'ex Ospedale grande degli infermi
  24. Don Franco, il prete che ha fatto il "miracolo" in Senegal...
  25. Un po' romana, un po' maremmana... e pure un po' toscana
  26. "Serve un ripensamento del sistema di trasporto per garantire agli universitari di poter studiare"
  27. A Pianoscarano la casa presepe delle mille e una notte...
  28. "Trasporti pubblici gratuiti per accompagnare i braccianti al lavoro"
  29. "Gli artigiani sono il Quarto stato della Tuscia..."
  30. "I sacrifici sono stati tanti, ringrazio i miei genitori con tutto il cuore..."
  31. "Un sistema di trasporti efficace è condizione indispensabile per garantire il diritto allo studio"
  32. Bonus facciate, l'occasione giusta per rilanciare e dare un nuovo volto al centro storico
  33. "Villanova, una chiesa della gente e per la gente..."
  34. "Per migliorare i trasporti serve un'agenzia unica per la mobilità"
  35. La rivoluzione del 5G, sperimentazione e protagonisti
  36. "Abbiamo fatto rinascere via dei Magazzini... con olio di gomito e candeggina"
  37. Concorso per la polizia locale, ecco come sono andate le cose...
  38. "Trasporti nella Tuscia, a rischio il diritto allo studio e al lavoro..."
  39. Arriva la carta dei suoli del Lazio: "Fondamentale per conoscere il territorio"
  40. Discariche, voragini e prostituzione sulla Tuscanese
  41. Espropri per il fotovoltaico, coinvolti più di cinquanta proprietari di terreni
  42. "Foro Cassio, il proprietario del terreno deve rimettere in sicurezza la strada"
  43. Pareti che crollano, strade che fanno schifo e un sito archeologico abbandonato... benevenuti a Foro Cassio
  44. "Mille chilometri sulla Francigena... con una gamba e due stampelle"
  45. Venti quintali di lana e Radio radicale per cacciare i lupi la notte...
  46. Al giardino di Ponte dell'Elce... la prima sex symbol della Tuscia
  47. La Regione Lazio si schiera contro l'impianto geotermico di Castel Giorgio
  48. Lago di Bolsena, la rivolta delle lenzuola contro il geotermico
  49. "Ho vissuto più di dieci vite da Berlusconi..."
  50. "In Cile stiamo facendo una rivoluzione..."
  51. "Tuscia, in agricoltura si muore anche per non spendere cento euro..."
  52. "Ce l'abbiamo fatta, lunedì riaprirà strada Acquabianca"
  53. "Teresa ha insegnato a tutti il senso profondo del vivere"
  54. "La gente è costretta a fare altre strade e gli incassi sono crollati"
  55. "Ho passato con Paco un pezzo di vita bellissimo..."
  56. "Abbiamo visto il ragazzo a terra in fin di vita, ci siamo fermati e abbiamo fatto di tutto per salvarlo..."

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR