--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tuscania - Da una parte la chiesa rinascimentale, dall'altra la necropoli e la tomba della Regina - In mezzo un paesaggio stupendo - FOTO

Le ricchezze dimenticate della Madonna dell’Olivo

di Daniele Camilli

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:


Tuscania – Il paesaggio è mozzafiato. La strada, quella che porta verso lo stadio di Tuscania, a un paio di chilometri di distanza dal centro storico. Sullo sfondo, in mezzo alla campagna, da un lato la chiesa rinascimentale della Madonna dell’Olivo. Tozza e di spalle. Dall’altro, in fondo, la chiesa di San Pietro, capolavoro del romanico. Infine, in linea con la chiesa, la necropoli e la tomba della Regina. Probabilmente uno dei paesaggi più belli al mondo. Pasoliniano. Un patrimonio dimenticato. Lungo una strada, che sembra l’Appia a Roma. Un pezzo di macchia mediterranea nell’entroterra della Tuscia. Dove sembra ancora adesso di vedere Totò e Davoli che parlano di Marx assieme al corvo che gli saltella attorno. 

Proseguendo lungo la stessa strada c’è anche un altro posto meraviglioso che andrebbe prima o poi visitato. L’abbazia medievale di San Giusto. Un posto che chi abita a Tuscania conosce bene. Ogni giorno è un via vai di gente che va a fare passeggiate quasi fossero pellegrinaggi. Un luogo di culto che agisce come un magnete. Con un’antica spiritualità tutta sua. E tutto questo imboccando una delle uscite della rotatoria davanti alla porta dell’orologio, subito dopo via Tarquinia.


Tuscania - Madonna dell'Olivo

Tuscania – Madonna dell’Olivo


Va percorsa, però, prima la vetrallese. Soprattutto il tunnel d’alberi che a un certo punto fa della strada che si percorre il miglior biglietto da visita e d’accesso a Tuscania. E la prima cosa che dà, quando ci si passa in mezzo, è un profondo senso di pace. Come trovare qualcosa d’inaspettato, dall’altra parte, lasciandosi andare.


Tuscania - Il chiostro dell'abbazia di San Giusto

Tuscania – Il chiostro dell’abbazia di San Giusto


La chiesa della Madonna dell’Olivo, uno dei pilastri visivi del paesaggio che si affaccia lungo la strada che porta all’abbazia di San Giusto, dev’essere stupenda. Ma è chiusa. E la puzza delle cacate di piccione, terribile, ti arriva su per il naso appena ti avvicini alla porta. Chiusa. La chiesa della Madonna dell’Olivo è un esempio di architettura rinascimentale. Sembra la sorella maggiore, sebbene successiva, della chiesetta del Quo vadis lungo l’Appia a Roma. Più che altro per come è disposta. 


Tuscania - La chiesa della Madonna dell'Olivo

Tuscania – La chiesa della Madonna dell’Olivo


Poco più avanti, a una decina di passi dalla chiesa, c’è la necropoli etrusca della Madonna dell’Olivo. Il sito internet del comune di Tuscania dice che è visitabile. Comunque sia, gli orari sono ferrei e non riguardano tutta quanta la giornata. Sostanzialmente bisogna prendere appuntamento. Ma se fosse possibile, ne varrebbe comunque sia la pena. L’area è video sorvegliata, perché si tratta di una delle necropoli etrusche più importanti, interessanti e suggestive. In assoluto.


Tuscania - La chiesa di San Pietro e la necropoli della Madonna dell'Olivo

Tuscania – La chiesa di San Pietro e la necropoli della Madonna dell’Olivo


Lì, nella necropoli della Madonna dell’Olivo, c’è la tomba della Regina. Una leggenda, messa in giro da un archeologo. Secondiano Campanari, di Tuscania. Quando l’archeologia, prima ancora che ci mettessero mano Carandini e gli inglesi, era ancora fatta di tanti pionieri e pistoleri. Chi ha visto Indiana Jones se la immagini proprio come il protagonista del film Henry Walton Jones la rappresentava.


Tuscania - La necropoli della Madonna dell'Olivo

Tuscania – La necropoli della Madonna dell’Olivo


Secondo Campanari, gli archeologi che entrarono per primi nella tomba videro sul muro l’immagine di una ragazza, dissoltasi al contatto con l’aria. Quel che è vero è invece che ha un ipogeo, che risale all’epoca ellenistica, IV-II secolo a.C., con una planimetria particolare e complessa. Forse un luogo di culto, non soltanto di sepoltura. All’ingresso un lungo corridoio di accesso, poi una camera sepolcrale con perimetro irregolare e due colonne a sostegno della volta. Attorno, una serie di cunicoli che partono in più direzioni sviluppandosi su tre livelli. Una specie di labirinto. Un mistero ancora da spiegare.

Daniele Camilli


Fotogallery: La Madonna dell’OlivoLa città e i suoi capolavori


Condividi la notizia:
12 novembre, 2019

Reportage 3 ... Gli articoli

  1. Il miracolo dell'abbazia medievale di San Giusto
  2. Una donna sta salvando la chiesa di San Pietro...
  3. "Blitz Caffè, in due mesi ho perso diecimila euro di incassi..."
  4. "Vogliamo recuperare vecchie strutture dandogli nuova vita"
  5. Tre Croci, un paese in via di estinzione...
  6. "Viviamo come se fossimo in carcere..."
  7. La Regione Lazio ha autorizzato una centrale fotovoltaica a Poggio della ginestra
  8. "Siamo pronti a investire anche nella zona del lago di Bolsena"
  9. "Quando Giggi Petroselli dormiva nelle casapaie..."
  10. "Fotovoltaico, Tarquinia ha dato, ha dato, ha dato..."
  11. La marcia della pace dei Sikh per le vie della città
  12. Piansano, Arlena e Tessennano paesi "in vendita"
  13. I cinquant'anni dell'Uomo tigre...
  14. "C'è mancato poco che mi prendesse in pieno..."
  15. Riello, la nascita di un quartiere
  16. "Fotovoltaico, cari sindaci dovevate svegliarvi prima..."
  17. "Rischiamo di essere investiti tutti i giorni..."
  18. "Don Dante era una persona che anche se ti incontrava dopo trent'anni ti diceva... Ciao Paole'!"
  19. "Fotovoltaico, non siamo mica in Arizona..."
  20. "Quel maledetto goal di Magath..."
  21. Crepe nel coro barocco della cattedrale
  22. I laboratori delle Saline dove si ripopola il mare
  23. "Fiaccole, croce e ricciolo erano veramente messi male..."
  24. "E' inutile spendere i soldi per la strada quando intorno tutto muore..."
  25. La Tuscia ha il più alto consumo di suolo pro capite della regione Lazio
  26. La messa è finita...
  27. Parte in quinta il liceo sportivo del Canonica
  28. La soprintendente Margherita Eichberg salva i quadri delle ex Terme Inps
  29. Ecco che fine ha fatto Viterbo sotterranea...
  30. "Saline, la solita barzelletta all'italiana..."
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR