--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - E' la proposta di Cgil, Cisl e Uil per fare uscire da un sistema di mobilità pubblica che non funziona e rischia di isolare il territorio

“Per migliorare i trasporti serve un’agenzia unica per la mobilità”

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:

Viterbo – Serve un trasporto pubblico regionale integrato. “Perché – spiegano i sindacati Cgil, Cisl e Uil – migliorare la qualità della vita dei pendolare è un dovere morale”. E per farlo, aggiungono, “dobbiamo mettere in campo un approccio innovativo che passa necessariamente per la creazione di un’agenzia unica per la mobilità. La vera sfida è questa. Dobbiamo sforzarci di immaginare un nuovo trasporto pubblico integrato. La Liguria, il Piemonte, l’Abruzzo e le Marche lo hanno già fatto”.

I dati raccolti da Cgil, Cisl e Uil hanno evidenziato una mobilità provinciale che rischia di isolare e tagliare fuori la Tuscia da tutto e da tutti e di condizionare i diritti allo studio e al lavoro di migliaia di pendolari. Quindi è necessario intervenire subito sviluppando una strategia di breve e lungo periodo che risponda alle emergenze e rimetta la Tuscia sul binario giusto.


Viterbo - I sindacalisti Fortunato Mannino, Giancarlo Turchetti e Stefania Pomante

Viterbo – I sindacalisti Fortunato Mannino, Giancarlo Turchetti e Stefania Pomante


“Un’agenzia unica regionale – spiegano i segretari Stefania Pomante della Cgil, Fortunato Mannino della Cisl e Giancarlo Turchetti della Uil – sarebbe lo strumento per programmare e sviluppare un servizio di qualità e rendere efficienti i collegamenti in ogni angolo del Lazio, realizzando uno scambio tra ferro e gomma. All’agenzia spetterebbe il compito di programmare, organizzare e mettere in rete le tante esigenze degli utenti del trasporto nell’intera regione. Solo così si svilupperebbe una vera integrazione del trasporto, migliorandone la qualità e risparmiando risorse”.

L’esempio della Regione Piemonte è indicativo. Dopo aver creato nel 2003 l’agenzia unica della mobilità regionale è poi riuscita a implementare il servizio su ferro con la regionalizzazione di 8 linee metropolitane, 20 linee regionali e 4 veloci integrando le varie realtà esistenti nel territorio. Inoltre, in pochi anni c’è stato un abbattimento dei costi relativi al trasporto su ferro di 25 milioni. Secondo i dati dei sindacati, è poi migliorata di circa il 20% l’efficienza e la qualità del servizio su gomma. In Piemonte il trasporto pubblico pesa a ogni singolo cittadino 213 euro l’anno. Nel Lazio 288.

“Dobbiamo accelerare su questa scelta strategica – sottolineano Pomante, Mannino e Turchetti -. Nel frattempo dobbiamo però rispondere alle emergenze”. “Serve migliorare la puntualità del servizio e diminuire i tempi di percorrenza. Ad esempio riducendo il numero di fermate, soprattutto urbane, e creando corse express oppure corsie preferenziali per gli autobus. Va poi migliorato il comfort a bordo. E questo, in relazione alla temperatura, ai sedili, alla spaziosità dei locali interni, alle dotazioni per consentire l’utilizzo del computer, alla distribuzione di generi di conforto e alla possibilità di acquistare i biglietti sull’autobus. Le stazioni andrebbero illuminate meglio e sarebbe opportuno che gli autobus arrivino 10 minuti prima della partenza prevista”.


Roma - Ferrovia Atac

Roma – Ferrovia Atac


Tra gli altri interventi chiesti dai sindacati, va migliorato anche il rapporto qualità-prezzo del servizio. “In tal caso – commentano Cgil, Cisl e Uil – la proposta riguarda l’abbassamento dei prezzi o l’innalzamento della qualità dell’offerta, la tariffa chilometrica, costi agevolati o esoneri per determinate categorie, ad esempio studenti e bambini, estensione del sistema Metrebus alle aziende di Tpl urbano, possibilità di acquistare titoli di viaggio nella singola azienda di trasporti oppure del sistema Metrebus, direttamente online. Sarebbe inoltre opportuno riuscire a integrare nel prezzo degli abbonamenti Metrebus, come avviene a Roma per i parcheggi di scambio della metropolitana, anche il costo dei parcheggi a pagamento, come quello di Orte”. 


Stazione dei treni

Una stazione dei treni


Per i sindacati va aumentata pure la disponibilità dei posti a sedere e migliorato il sistema di infomobilità e diffusione delle informazioni. Servirebbe inoltre una maggiore manutenzione o l’ammodernamento delle carrozze.

Infine, Cgil, Cisl e Uil, chiedono “interventi volti ad armonizzare il servizio offerto dalle varie aziende, cercando di evitare sovrapposizioni di corse fra treni e bus, e integrando i vari tipi di trasporto pubblico locale permettendo una maggiore presenza del servizio sul territorio e un coordinamento migliore”.

Daniele Camilli


Condividi la notizia:
24 novembre, 2019

Reportage 4 ... Gli articoli

  1. "Sotto piazza San Lorenzo ci sono cunicoli, sepolture e... una cripta"
  2. "Se mia figlia sposasse uno come lui io sarei il padre più felice della terra"
  3. Farnese pneumatici, il tribunale ha respinto la richiesta di concordato... si va verso il fallimento?
  4. Il Lazio è la regione con il più alto quantitativo di rifiuti radioattivi a livello nazionale
  5. "La scuola italiana è ancora una scuola di classe"
  6. "Natale, quest'anno la gente è meno della metà..."
  7. "La religione è una forza per costruire la pace"
  8. "Cotral, Cotral... vaffanculo!"
  9. Degrado, una piccola discarica e plastica andata a fuoco... lo stato di salute dell'ex Ospedale grande degli infermi
  10. Don Franco, il prete che ha fatto il "miracolo" in Senegal...
  11. Un po' romana, un po' maremmana... e pure un po' toscana
  12. "Serve un ripensamento del sistema di trasporto per garantire agli universitari di poter studiare"
  13. A Pianoscarano la casa presepe delle mille e una notte...
  14. "Trasporti pubblici gratuiti per accompagnare i braccianti al lavoro"
  15. "Gli artigiani sono il Quarto stato della Tuscia..."
  16. "I sacrifici sono stati tanti, ringrazio i miei genitori con tutto il cuore..."
  17. "Un sistema di trasporti efficace è condizione indispensabile per garantire il diritto allo studio"
  18. Bonus facciate, l'occasione giusta per rilanciare e dare un nuovo volto al centro storico
  19. "Villanova, una chiesa della gente e per la gente..."
  20. La rivoluzione del 5G, sperimentazione e protagonisti
  21. "Abbiamo fatto rinascere via dei Magazzini... con olio di gomito e candeggina"
  22. Concorso per la polizia locale, ecco come sono andate le cose...
  23. "Trasporti nella Tuscia, a rischio il diritto allo studio e al lavoro..."
  24. Arriva la carta dei suoli del Lazio: "Fondamentale per conoscere il territorio"
  25. Discariche, voragini e prostituzione sulla Tuscanese
  26. Espropri per il fotovoltaico, coinvolti più di cinquanta proprietari di terreni
  27. "Foro Cassio, il proprietario del terreno deve rimettere in sicurezza la strada"
  28. Pareti che crollano, strade che fanno schifo e un sito archeologico abbandonato... benevenuti a Foro Cassio
  29. "Mille chilometri sulla Francigena... con una gamba e due stampelle"
  30. Venti quintali di lana e Radio radicale per cacciare i lupi la notte...
  31. Al giardino di Ponte dell'Elce... la prima sex symbol della Tuscia
  32. La Regione Lazio si schiera contro l'impianto geotermico di Castel Giorgio
  33. "Le forze dell'ordine sono come pit bull drogati mandati in strada a combattere..."
  34. Lago di Bolsena, la rivolta delle lenzuola contro il geotermico
  35. "Ho vissuto più di dieci vite da Berlusconi..."
  36. "In Cile stiamo facendo una rivoluzione..."
  37. "Tuscia, in agricoltura si muore anche per non spendere cento euro..."
  38. "Ce l'abbiamo fatta, lunedì riaprirà strada Acquabianca"
  39. "Teresa ha insegnato a tutti il senso profondo del vivere"
  40. "La gente è costretta a fare altre strade e gli incassi sono crollati"
  41. "Ho passato con Paco un pezzo di vita bellissimo..."
  42. "Abbiamo visto il ragazzo a terra in fin di vita, ci siamo fermati e abbiamo fatto di tutto per salvarlo..."
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR