--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il campione paraolimpico Andrea Devincenzi ieri nella città dei papi - Ad accoglierlo la professoressa Alessandra Croci e i ragazzi del laboratorio dell'Antica dispensa e della confraternita della pizza - FOTO E VIDEO

“Mille chilometri sulla Francigena… con una gamba e due stampelle”

di Daniele Camilli

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:


 

Viterbo – “Con una gamba e due stampelle”, come lui stesso ha detto, se la sta facendo tutta a piedi. Mille chilometri di strada. La via Francigena. Da Aosta, dove il 14 marzo è partito, fino a Roma. Dove invece arriverà il primo dicembre. A percorrerla, il campione paraolimpico Andrea Devincenzi, che ieri è arrivato a Viterbo. Accolto, come pellegrino della via, da Alessandra Croci, presidente dell’associazione Via Francigena in Tuscia, da Federico Bousquet e Guendalina Fazzini dell’Antica dispensa, il laboratorio di trasformazione gastronomica che ha disposto e preparato l’accoglienza e la confraternita della pizza di Valentina Alù e Domenico Minchella che hanno preparato alcuni piatti.

Devincenzi arriva assieme a Croci, una professoressa di liceo che con l’associazione via Francigena in Tuscia dà “accoglienza – spiega la prof – ai pellegrini che attraversano la nostra terra. Gli forniamo assistenza e supporto. Accoglienza e calore. Sono stata anche io una pellegrina. E l’esigenza di essere accolta era la più importante. E accogliamo tutti. Grazie anche al supporto della protezione civile. Oggi, accogliamo l’atleta Andrea Devincenzi”.


Viterbo - Andrea Devincenzi e Federico Bousquet

Viterbo – Andrea Devincenzi e Federico Bousquet


Devincenzi arriva e scende dalla macchina. Ad aspettarlo c’è Federico Bousquet. Lui e la compagna Guendalina Fazzini prima avevano una frutterai lungo via Roma. L’hanno venduta e hanno deciso di investire in via dei magazzini, a pochi passi da piazza delle erbe. Lì hanno aperto un laboratorio di trasformazione gastronomica e, nel frattempo, rimesso completamente a nuovo la zona del corsaletto interno dove si affacciano palazzo Calabresi e il palazzo delle poste. Sono loro ad organizzare il buffet d’accoglienza. Tutto è familiare. 

“Sono stato al Bagnaccio – racconta subito Devincenzi a Federico Bousquet che lo accompagna al laboratorio -, posto bellissimo”.  “Conoscevo Viterbo solo sulla carta – dichiarerà Devincenzi poco dopo -, ma l’impatto è notevole. Città che sembra proprio essere bella e ricca d’umanità”.


Viterbo - Andrea Devincenzi

Viterbo – Andrea Devincenzi


Andrea Devincenzi ha perso la gamba sinistra in un incidente stradale, in sella a un espone 125. Era il 1990 Andrea Devincenzi aveva 17 anni. Fino ad allora aveva praticato diversi sport. Dal judo alla canoa, fino al calcio. Andrea Devincenzi decide a quel punto di investire sullo sport. Sport come testimonianza e atto esistenziale. Arrivano così le gare internazionali, le paralimpiadi di Londra e nel 2010 la conquista della vetta del Kardlung La in India, sulla strada carrozzabile più alta del Mondo. 5.602 metri in vetta. Devincenzi ha percorso in solitaria anche l’Inka Trail in Perù per raggiungere il Machu Picchu.


Viterbo - Guendalina Fazzini, Andrea Devincenzi e Federico Bousquet

Viterbo – Guendalina Fazzini, Andrea Devincenzi e Federico Bousquet


“A Viterbo sono in veste di pellegrino – racconta Devincenzi -. Finora ho percorso 42 tappe. Da Aosta fino a Roma. Lungo la via Francigena e mille chilometri di percorso. Il grosso è fatto. Mancano ancora 90, 95 chilometri per arrivare alla basilica di San Pietro”.

La Francigena per Devincenzi è il secondo cammino. “L’anno scorso – prosegue Devincenzi – ho seguito la via di Francesco, percorsa dal santuario francescano di La Verna in provincia di Arezzo fino a Roma. Cinquecento chilometri. Un cammino che mi ha cambiato e che mi ha portato ad avventurarmi in questo secondo percorso. Un cammino lungo il doppio, affrontato con una gamba e due stampelle”.


Viterbo - Alessandra Croci

Viterbo – Alessandra Croci


“Siamo stati veramente contenti di aver potuto accogliere Andrea – dice Guendalina Fazzini del laboratorio -. Un esempio di forza di volontà che aiuta e conforta. Per noi è stato un onore averlo potuto accogliere come pellegrino lungo la Francigena”.

Il buffet intanto è pronto. “Fatto tutto – spiega Fazzini – con prodotti tipici della Tuscia”. Tipicità che Andrea Devincenzi ha più volte incrociato lungo il suo cammino. “Approcci differenti – confida Devincenzi -, diversi modi di fare e gestire le cose. Ma lungo questo paese la qualità è tanta, e l’eccellenza un suo vero e proprio tratto caratteristico. Un paese che adoro e dove ho scelto di restare” .


Viterbo - Federico Bousquet e Andrea Devincenzi

Viterbo – Federico Bousquet e Andrea Devincenzi


Scegliendo anche di percorrerlo e conoscerlo. In rapporto costante con se stesso. Mettendosi alla prova. Quotidianamente. E, al tempo stesso, con il quotidiano delle persone che di volta in volta incontra. Un mondo che nel quotidiano, poi, qui in Tuscia, mantengono vivo e in piedi il tessuto sociale. Dando accoglienza, come l’associazione di Croci, che nella vita fa la professoressa, ad Andrea Devincenzi. Oppure, come hanno fatto Federico Bousquet e Guendalina Fazzini, risistemando l’area di via dei magazzini in centro storico. O ancora, Valentina Alù e Domenico Minchella, che di volta in volta svettano i panni di insegnante e vigile urbano a Nepi per mettere quelli della confraternita della pizza.


 

Viterbo - Guendalina Fazzini

Viterbo – Guendalina Fazzini


Un’accoglienza in casa quella regalata ieri al campione Andrea Devincenzi. Ricambiata in tutto.


Viterbo - Valentina Alù e Domenico Minchella

Viterbo – Valentina Alù e Domenico Minchella


“Alessandra Croci – racconta infine Devincenzi – l’ho conosciuta tramite il mio sito, e si è resa disponibile ad accogliermi durante le mie tappe lungo la Tuscia. Però, non pensavo proprio che facesse un lavoro strepitoso come ha fatto”.

Daniele Camilli


Multimedia – Fotogallery: Il pellegrino Andrea Devincenzi – Video: L’accoglienza dei pellegriniIntervista ad Andrea Devincenzi


Condividi la notizia:
11 novembre, 2019

Reportage 4 ... Gli articoli

  1. Un po' romana, un po' maremmana... e pure un po' toscana
  2. "Serve un ripensamento del sistema di trasporto per garantire agli universitari di poter studiare"
  3. A Pianoscarano la casa presepe delle mille e una notte...
  4. "Trasporti pubblici gratuiti per accompagnare i braccianti al lavoro"
  5. "Gli artigiani sono il Quarto stato della Tuscia..."
  6. "I sacrifici sono stati tanti, ringrazio i miei genitori con tutto il cuore..."
  7. "Un sistema di trasporti efficace è condizione indispensabile per garantire il diritto allo studio"
  8. Bonus facciate, l'occasione giusta per rilanciare e dare un nuovo volto al centro storico
  9. "Villanova, una chiesa della gente e per la gente..."
  10. "Per migliorare i trasporti serve un'agenzia unica per la mobilità"
  11. La rivoluzione del 5G, sperimentazione e protagonisti
  12. "Abbiamo fatto rinascere via dei Magazzini... con olio di gomito e candeggina"
  13. Concorso per la polizia locale, ecco come sono andate le cose...
  14. "Trasporti nella Tuscia, a rischio il diritto allo studio e al lavoro..."
  15. Arriva la carta dei suoli del Lazio: "Fondamentale per conoscere il territorio"
  16. Discariche, voragini e prostituzione sulla Tuscanese
  17. Espropri per il fotovoltaico, coinvolti più di cinquanta proprietari di terreni
  18. "Foro Cassio, il proprietario del terreno deve rimettere in sicurezza la strada"
  19. Pareti che crollano, strade che fanno schifo e un sito archeologico abbandonato... benevenuti a Foro Cassio
  20. Venti quintali di lana e Radio radicale per cacciare i lupi la notte...
  21. Al giardino di Ponte dell'Elce... la prima sex symbol della Tuscia
  22. La Regione Lazio si schiera contro l'impianto geotermico di Castel Giorgio
  23. "Le forze dell'ordine sono come pit bull drogati mandati in strada a combattere..."
  24. Lago di Bolsena, la rivolta delle lenzuola contro il geotermico
  25. "Ho vissuto più di dieci vite da Berlusconi..."
  26. "In Cile stiamo facendo una rivoluzione..."
  27. "Tuscia, in agricoltura si muore anche per non spendere cento euro..."
  28. "Ce l'abbiamo fatta, lunedì riaprirà strada Acquabianca"
  29. "Teresa ha insegnato a tutti il senso profondo del vivere"
  30. "La gente è costretta a fare altre strade e gli incassi sono crollati"
  31. "Ho passato con Paco un pezzo di vita bellissimo..."
  32. "Abbiamo visto il ragazzo a terra in fin di vita, ci siamo fermati e abbiamo fatto di tutto per salvarlo..."
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR