--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tuscania - Risale al XII secolo, è cistercense ed è un capolavoro di recupero, restauro e restituzione - Al suo interno i resti di un'antica pieve Benedettina - A gestirla la famiglia del campione olimpico Mario Checcoli - FOTO

Il miracolo dell’abbazia medievale di San Giusto

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:


Tuscania – L’abbazia medievale di San Giusto a Tuscania è un capolavoro di recupero, restauro e restituzione. Un luogo meraviglioso. Un posto dove, chi non è andato, s’è perso veramente qualcosa. Un miracolo a ciel sereno.

Fino agli anni ’90 del secolo scorso l’abbazia era in completo stato di abbandono. Mario Checcoli, progettista architettonico, e negli anni ’60 campione olimpico, due medaglie d’oro a Tokyo 1964, l’acquistò da un pastore. Seguì un lavoro attento e capillare di ricostruzione archeologica e filologica, che ha portato al restauro completo dell’antico monastero. E alla riscoperta dell’antica pieve benedettina risalente al X secolo. 


Tuscania - L'abbazia di San Giusto

Tuscania – L’abbazia di San Giusto


Mario Checcoli è un privato che ha fatto della sua proprietà un bene pubblico e comune. Un Olivetti in terra di Tuscia. A Tuscania. Amatissima da Cesare Brandi, fondatore dell’istituto centrale del restauro a Roma e soprattutto intellettuale cui la moderna teoria del restauro deve tutto. Teoria che Brandi elaborò a Viterbo, rimettendo in piedi lo sposalizio della Vergine di Lorenzo, affresco della chiesa di Santa Maria della Verità, cappella Mazzatosta, colpito anch’esso dai bombardamenti del 1944. Una città, Tuscania, antichissima e al centro, per tanto tempo, delle principali vicende storiche della prima cristianità. Non solo, ma anche un esempio di ricostruzione dopo il terremoto del 1971 quando altre zone d’Italia, il Belice prima e l’Irpinia poi, o non sono mai state ricostruite, Poggioreale è stata abbandonata e sta ancora lì, in Sicilia, tale e quale a come era nel 1968, oppure hanno dovuto aspettare anni. La città è stata ricostruita seguendo le linee dettate da Brandi nella carta del restauro che è di quegli anni.


Tuscania - Il chiostro dell'abbazia di San Giusto

Tuscania – Il chiostro dell’abbazia di San Giusto


San Giusto è un’abbazia cistercense del XII secolo. Definitivamente abbandonata, dopo alterne vicende, nel corso del XVI secolo. Fino alla fine del XX. Oggi è invece uno splendido esempio di restauro e restituzione. L’abbazia è infatti aperta al pubblico. Lì c’è anche l’azienda agricola biologica della famiglia Checcoli e un B&b. Ma l’abbazia è visitabile da chiunque. Passando per una strada di campagna che sembra di stare sulla via Appia a Roma. Sullo sfondo Tuscania, e probabilmente uno dei panorami e paesaggi più belli al mondo. Un paesaggio completamente intatto. Al punto da vederlo oggi così come, tale e quale, lo vedevano secoli fa.


Tuscania - L'abbazia di San Giusto

Tuscania – L’abbazia di San Giusto


“A San Giusto – si legge sul sito internet dell’azienda agricola della famiglia Checcoli – si possono ritrovare tutte le parti di un’abbazia del XII secolo: la chiesa (il luogo di preghiera), la sala capitolare (per la discussione, l’insegnamento, e la spiritualità di gruppo), lo scriptorium (per attività di studio e intellettuali), il refettorio (dove venivano serviti i pasti), il dormitorio, e il cellarium (per le attività pratiche, lavoro manuale, e la conservazione degli alimenti). Sul lato occidentale dell’abbazia sono edifici per i conversi, o fratelli, che non avevano stato clericale, ma che vivevano e lavoravano al monastero come laici. Indossavano un abito marrone invece di bianco ed erano esclusi dal presbiterio della chiesa durante le funzioni liturgiche”.


Tuscania - L'abbazia di San Giusto

Tuscania – L’abbazia di San Giusto


L’ideale sarebbe visitare l’abbazia percorrendola due volte. La prima senza prendere informazioni su ciò che si sta guardando. Queste vanno prese subito dopo per poi entrare di nuovo. All’inizio, appena si mette piede in abbazia per la prima volta, senza saperne niente, il senso è quello dello spaesamento. Tutt’attorno, verde. Tenuto benissimo. Il mondo dei monaci, e i suoi silenzi, che tornano alla luce. Quando ci si affaccia di nuovo dentro, dopo aver letto un po’ di storia del luogo, camminare nel chiostro sapendo ciò che c’è nelle stanze intorno è semplicemente camminare in un posto incantato. 


Tuscania - La chiesa dell'abbazia di San Giusto

Tuscania – La chiesa dell’abbazia di San Giusto


La parte più prestigiosa, rara in Tuscia, è quella della chiesa, interna all’abbazia. “La chiesa – racconta il sito di Checcoli – è divisa in tre sezioni: il presbiterio per i monaci, presso l’altare; una sezione centrale per i fratelli laici (conversi); una terza sezione, vicino al portale, per gli ospiti, i pellegrini e malati. Sotto terra ci sono i resti di una precedente, più vecchia e più piccola chiesa (forse un’antica pieve). Ci sono anche alcune iscrizioni romane riutilizzate nel pavimento: uno vicino alla canonica di un certo Claudio, morto all’età di 65 e un altro, su un lato e non leggibile, nella sezione dei fratelli laici. Sotto due grandi lastre di vetro sono i resti delle fornaci per fondere le campane, sia nella fase benedettina e nella fase cistercense. La cripta sottostante ha una forma che può essere trovata altrove in Italia centrale, simile a quello dell’abbazia di Farneta a Foiano della Chiana”.


Tuscania - I resti della pieve benedettina all'interno dell'abbazia di San Giusto

Tuscania – I resti della pieve benedettina all’interno dell’abbazia di San Giusto


Mauro Checcoli, insieme a Richard Meier e Piero Sartogo ha progettato anche la nuova facoltà di ingegneria a Bologna e con lo studio Arco ha vinto il concorso internazionale per la progettazione del museo ebraico italiano a Ferrara.


Tuscania - L'abbazia di San Giusto

Tuscania – L’abbazia di San Giusto


“Oggi – spiega infine il sito internet della famiglia Checcoli – l’abbazia di San Giusto è un’azienda agricola biologica eco-compatibile che produce oli essenziali, ma è soprattutto un luogo polivalente e multiforme pensato per accogliere viaggiatori, artisti, appassionati di natura e d’arte”. Il posto “è stato acquistato e restaurato allo scopo di permettere a visitatori, appassionati e a studiosi di visitare un’abbazia cistercense nella sua completezza, cosa rara in tutta Europa”.

Daniele Camilli


Fotogallery: L’abbazia medievale di San Giusto


Condividi la notizia:
24 novembre, 2019

Reportage 3 ... Gli articoli

  1. Le ricchezze dimenticate della Madonna dell'Olivo
  2. Una donna sta salvando la chiesa di San Pietro...
  3. "Blitz Caffè, in due mesi ho perso diecimila euro di incassi..."
  4. "Vogliamo recuperare vecchie strutture dandogli nuova vita"
  5. Tre Croci, un paese in via di estinzione...
  6. "Viviamo come se fossimo in carcere..."
  7. La Regione Lazio ha autorizzato una centrale fotovoltaica a Poggio della ginestra
  8. "Siamo pronti a investire anche nella zona del lago di Bolsena"
  9. "Quando Giggi Petroselli dormiva nelle casapaie..."
  10. "Fotovoltaico, Tarquinia ha dato, ha dato, ha dato..."
  11. La marcia della pace dei Sikh per le vie della città
  12. Piansano, Arlena e Tessennano paesi "in vendita"
  13. I cinquant'anni dell'Uomo tigre...
  14. "C'è mancato poco che mi prendesse in pieno..."
  15. Riello, la nascita di un quartiere
  16. "Fotovoltaico, cari sindaci dovevate svegliarvi prima..."
  17. "Rischiamo di essere investiti tutti i giorni..."
  18. "Don Dante era una persona che anche se ti incontrava dopo trent'anni ti diceva... Ciao Paole'!"
  19. "Fotovoltaico, non siamo mica in Arizona..."
  20. "Quel maledetto goal di Magath..."
  21. Crepe nel coro barocco della cattedrale
  22. I laboratori delle Saline dove si ripopola il mare
  23. "Fiaccole, croce e ricciolo erano veramente messi male..."
  24. "E' inutile spendere i soldi per la strada quando intorno tutto muore..."
  25. La Tuscia ha il più alto consumo di suolo pro capite della regione Lazio
  26. La messa è finita...
  27. Parte in quinta il liceo sportivo del Canonica
  28. La soprintendente Margherita Eichberg salva i quadri delle ex Terme Inps
  29. Ecco che fine ha fatto Viterbo sotterranea...
  30. "Saline, la solita barzelletta all'italiana..."

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR