--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Capranica - Sabato 23 novembre alle 17 alla Sala Kimairah la presentazione del libro

“Monsignore Medichini: Sacerdote esemplare, scienziato illustre e archeologo nella Tuscia del XIX secolo

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Capranica

Capranica

Capranica – Riceviamo e pubblichiamo – Sabato 23 novembre alle 17 sarà presentato a Capranica presso la Sala Kimairah, in via Romana 62 (scendere le scale pubbliche a sinistra del Municipio), il libro, di 399 pagine, “Mons. Simone Medichini (1831-1916), Sacerdote esemplare, scienziato illustre e archeologo nella Tuscia del XIX secolo” pubblicato nel 2017 da Edizioni Booklab di Roma, interverranno gli autori la dr.ssa Micaela Merlino e il sig. Angelo Capuzzi.

La prima biografia dedicata a Mons. Simone Medichini è frutto di tre anni di ricerche degli studiosi Micaela Merlino ed Angelo Capuzzi e ha ricevuto il patrocinio della Curia Vescovile di Viterbo, della Provincia di Viterbo e del Comune di Villa San Giovanni in Tuscia ed è stata già presentata presso il Cedido di Viterbo e a Villa San Giovanni in Tuscia nell’ambito della celebrazione del centenario della morte di questo personaggio.

I due ricercatori hanno ricostruito le tappe salienti della sua vita attingendo soprattutto dalle sue memorie manoscritte, delle quali sono stati per la prima volta pubblicati ampi passi, e da altra documentazione d’archivio. Il Prof. Luciano Osbat ha curato l’Introduzione e il libro accoglie anche un articolo del geologo Giancarlo Ventura.

Nato a San Giovanni di Bieda (odierna Villa San Giovanni in Tuscia) nel 1831, Mons. Simone Medichini nel 1845 studiò a Capranica avendo come precettore Don Tommaso Porta, poi nel Seminario Vescovile di Viterbo, quindi entrò per concorso nel “Seminario Pio” di Roma dove si laureò in Teologia e in “Utriusque jure”. Fu ordinato sacerdote nel 1854, dal 1860 divenne parroco priore della chiesa di S. Angelo in Spatha a Viterbo.

Mons. Medichini insegnò Scienze Naturali e Archeologia nel Seminario Vescovile di Viterbo, nel 1867 appoggiò attivamente la fondazione del “Circolo di Santa Rosa” da parte di Mario Fani, e fu tra i soci fondatori dell’“Accademia degli Ardenti”, della “Commissione di Storia Patria” e dell’“Accademia Leone XIII”.

Nel 1881 insieme al Vescovo Giovanni Battista Paolucci fondò l’Osservatorio Meteorologico nel Seminario Vescovile, fu amico e collega di importanti uomini di scienza del suo tempo, quali Don Giuseppe Denza e Michele Stefano De Rossi che lo volle tra i corrispondenti del “Bullettino del Vulcanismo Italiano e di Geodinamica”, da lui fondato.

Per più di un decennio studiò il Bulicame di Viterbo eseguendo molti sopralluoghi allo scopo di misurare le variazioni della temperatura delle acque, studio pubblicato nella rivista scientifica “Memorie della Pontificia Accademia Romana de’ Nuovi Lincei”. Fu in rapporti di amicizia con il geologo Don Giuseppe Mercalli, che accompagnò in una serie di sopralluoghi nella Tuscia viterbese, e i due si recarono anche a Capranica per rilevare alcune caratteristiche geologiche del luogo.

Per i suoi meriti scientifici il Ministro Morpurgo lo volle come corrispondente del “Bullettino Ministeriale”, ma non antepose mai i suoi interessi scientifici all’attività pastorale e, forse anche per questo motivo, alla fine della sua vita Papa Benedetto XV lo volle onorare nominandolo “Prelato Domestico”. Morì a Viterbo nel 1916.

Carlo Maria D’Orazi
Presidente del Centro Ricerche e Studi di Capranica


Condividi la notizia:
14 novembre, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR