--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Assolto un giovane accusato di cedere droga ai minorenni - E' finito sotto processo in seguito a un filmato consegnato ai carabinieri

“Non sono io il pusher del video girato col telefonino”

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Viterbo - Tribunale - Carabinieri

Viterbo – Tribunale – Carabinieri

Orte – (sil.co.) – Incastrato da un video mentre cede droga. Anzi no. Un giovane di Orte è finito sotto processo davanti al collegio presieduto dal giudice Silvia Mattei per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente aggravato dalla cessione a minori a causa di un video girato con lo smartphone da una persona rimasta sconosciuta.

A carico dell’imputato il video, ritenuto inequivocabile, in cui si vede l’imputato spacciare a un gruppo di giovanissimi.  Ma lui ha sempre negato.” “Non sono io il pusher, non c’ero proprio”, ha detto nel corso del processo. 

Per gli investigatori e anche per il pubblico ministero Stefano D’Arma nessun dubbio che il pusher del filmato, consegnato ai carabinieri da una fonte riservata, e l’imputato siano la stessa persona. Tanto che ieri la procura ha chiesto una condanna a dieci mesi e duemila euro di multa. “Nonostante il video, è giunto perfino a negare la sua presenza sul posto”, ha sottolineato il pm, chiedendo la condanna, pur riconoscendo la lieve entità dello spaccio all’imputato.

Di diverso avviso la difesa. “Non si sa chi abbia girato il filmato, ma si sa che si tratta di un video girato con un telefonino a una distanza di almeno una cinquantina di metri dal luogo dove sarebbe avvenuta l’asserita cessione di droga”, ha detto la legale dell’imputato, chiedendo l’assoluzione del suo assistito.

“Nel video, inoltre, si vedono tutti ragazzi di Orte, tra i quali ci sarebbe anche l’imputato, il quale però non si è riconosciuto, anzi nega proprio di avere mai fatto parte del gruppo di quelle immagini. Le foto fatte con lo screenshot, dal canto loro, non aiutano, perché non sono affatto nitide. Non c’è assolutamente prova che si tratti di lui e lui si dichiara estraneo”, ha proseguito l’avvocato. E’ stato assolto. 

 

 


Condividi la notizia:
20 novembre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR