--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cultura - Gli eventi di Soriano nel Cimino, Orte, Nepi, Ronciglione, Bomarzo, Vetralla, Gallese e Vignanello nella rete delle 64 laziali

Otto manifestazioni della Tuscia nell’albo regionale delle rievocazioni storiche

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Il “Convivium secretum” in una passata edizione della "Sagra delle castagne"

Il “Convivium secretum” in una passata edizione della “Sagra delle castagne”

Roma – Otto manifestazioni della Tuscia nell’albo regionale delle rievocazioni storiche. Lo strumento è riconosciuto dalla Regione Lazio, ne fanno parte attualmente 64 manifestazioni in tutto il Lazio.

Soriano nel Cimino con la Sagra delle castagne, Orte con l’Ottava di Sant’Egidio e la Processione del Cristo morto, Nepi con il Palio dei Borgia, Ronciglione con il Palio delle corse a vuoto, Bomarzo con il corteo storico e il Palio di Sant’Anselmo, Vetralla con lo Sposalizio dell’Albero, Gallese con i festeggiamenti di San Famiano e Vignanello con la rievocazione “Julianellum 1536” sono stati valutati idonei, per la provincia di Viterbo, per essere iscritti all’albo regionale delle rievocazioni storiche.

Approvato dalla Regione Lazio con la determinazione G13440 dell’8 ottobre 2019, in attuazione della delibera regionale numero 63 del 14 febbraio 2017, tale albo è costituito da 64 rievocazioni storiche che hanno luogo nelle cinque province e che potranno utilizzare, nelle loro attività promozionali, sia la definizione “Manifestazione di interesse locale” sia il logo del portale regionale del turismo “Lazio eterna scoperta”.

Segretario dell’associazione regionale è Antonio Tempesta, presidente della Sagra delle castagne di Soriano nel Cimino.

“Ringraziamo il consigliere regionale Enrico Panunzi – dichiara Tempesta – che ha seguito in prima persona tutto l’iter burocratico relativo alla legge regionale numero 15 del 29 dicembre 2014, articolo 11, ‘Sistema Cultura Lazio: disposizioni in materia di spettacolo dal vivo e di promozione culturale’. Quindi, ringraziamo particolarmente Rosvaldo Giubileo, allora presidente del comitato, che ha sempre creduto e lottato per il riconoscimento dell’albo delle rievocazioni storiche”.

Si punta a estendere il riconoscimento ufficiale anche ad altri centri della Tuscia viterbese, caratterizzati da manifestazioni storiche di elevato interesse culturale e turistico, quali Civita Castellana, Montefiascone, Acquapendente, Bassano in Teverina, Latera, Monte Romano e altri. Il discorso vale poi per tutto il Lazio, pieno di rievocazioni meritevoli della massima attenzione da parte di tutte le istituzioni.


Condividi la notizia:
19 novembre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR