--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Giacomo Barelli invita il comune a stanziare soldi in bilancio e i privati a partecipare

“Palazzo papale, una raccolta fondi per salvarlo”

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Viterbo - Giacomo Barelli

Viterbo – Giacomo Barelli

Viterbo - La loggia di Palazzo dei Papi

Viterbo – La loggia di Palazzo dei Papi

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Il palazzo papale di Viterbo dalla cui storia trae origine la parola “conclave” è un simbolo della cristianità e poiché, come diceva Benedetto Croce, “non possiamo non dirci cristiani”, ce ne dobbiamo occupare tutti non solamente la curia proprietaria o la città di Viterbo.

Ed è per questo che nei prossimi giorni scriverò da consigliere comunale di Viterbo una lettera a tutte le istituzioni nazionali regionali provinciali e anche comunitarie affinché si facciano carico dei gravi problemi strutturali che affliggono il palazzo monumentale. 

In particolare la sollecitazione con contestuale invito ad un sopralluogo sarà diretta al ministro Franceschini che ben conosce la nostra città di cui spesso è stato ospite, al pesidente della regione Zingaretti la cui sensibilità nei confronti del patrimonio culturale non è mai mancata e anche al presidente della provincia Nocchi che ancora di più con l’avvicinarsi delle elezioni provinciali potrà dimostrare la vicinanza dell’ente per la salvaguardia del  monumenti più importanti per la storia del nostro territorio. 

Ma l’appello lo invierò anche all’unione europea per il tramite dell’onorevole Massimiliano Smeriglio membro della commissione cultura del parlamento europeo al quale chiederò di portare all’attenzione delle istituzioni comunitarie i problemi che affliggono il palazzo papale di Viterbo, simbolo della cristianità. 

Ciò detto tuttavia per quanto mi riguarda sono a conoscenza da tempo della necessità di intervento sulla struttura del palazzo e sulle difficoltà di reperire i fondi necessari da parte della curia per un intervento non più rinviabile e ho notato la totale indifferenza, almeno fino ad oggi delle istituzioni locali, comune in testa. 

E infatti se è pur necessario appellarsi a tutte le istituzioni per la salvaguardia di un patrimonio universale come il palazzo dei papi non è possibile da parte del comune di Viterbo, città dei papi, e di cui quel palazzo è simbolo di “lavarsene le mani” nascondendosi dietro questioni burocratiche o dietro il fatto che lo stesso non è di proprietà del comune. 

E infatti le problematiche tecniche sono note da tempo a tutti: alla curia, alla soprintendenza, alla prefettura e anche al comune e per ciò che mi risulta esiste già un piano e progetti degli interventi necessari. Ciò che manca sono le risorse e non possiamo far finta che i problemi siano altri. 

Ciò detto il comune di Viterbo e il sindaco, parafrasando Kennedy, devono pensare a cosa “possono fare loro per il loro paese” e nel caso di specie per salvare il monumento simbolo per la nostra città stanziando a esempio in sede di bilancio (o addirittura di variazione dello stesso) delle somme magari necessarie a fare gli accertamenti necessari o gli interventi atti a consolidare la situazione del palazzo al fine di garantire da un lato la pubblica incolumità dei cittadini e dei turisti che visitano piazza san Lorenzo dall’altro garantire l’immediata messa in sicurezza del palazzo dei papi evitando magari il verificarsi di danni irreparabili che sarebbero una ferita  insanabile non solo per Viterbo, ma per tutto il mondo. 

Personalmente chiederò a tutti i colleghi di opposizione di presentare un emendamento al bilancio in tal senso per stanziare risorse per il salvataggio del palazzo dei Papi che credo possa trovare l’unanimità di consenso di tutto il consiglio comunale, invitando nel contempo Tusciaweb a lanciare una sottoscrizione anche tra i privati per raccogliere fondi per salvare uno dei simboli della cristianità. 

Giacomo Barelli 
Capogruppo di forza civica al consiglio comunale di Viterbo


Condividi la notizia:
28 novembre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR