--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - Nella basilica vaticana il papa celebra la messa per la terza Giornata mondiale dei poveri

Papa Francesco: “La bramosia di pochi accresce la povertà di molti”

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Papa Francesco

Papa Francesco

Roma – A san Pietro papa Francesco dedica per la terza volta la giornata ai poveri.

La messa nella basilica vaticana, un pranzo alla sala Nervi e un concerto diretto da Piovani. Questo il regalo che da tre anni Francesco fa ai poveri, ai dimenticati dalla società.

Moltissimi indigenti accompagnati dai volontari ed esponenti delle diverse realtà caritative che li assistono tutti i giorni, hanno assistito ieri sera al concerto, oggi alla messa e poi hanno mangiato pasta al forno, involtini con crema di funghi, purè e tiramisù. 

I poveri sono da sempre nel cuore di Francesco, ma purtroppo la vita di oggi ci distoglie dallo sguardo verso il prossimo,”nella smania di correre, di conquistare tutto e subito, dà fastidio chi rimane indietro. Ed è giudicato scarto: quanti anziani, nascituri, persone disabili, poveri ritenuti inutili. Si va di fretta, senza preoccuparsi che le distanze aumentano, che la bramosia di pochi accresce la povertà di molti”. 

Il Papa ricorda come “i poveri sono preziosi agli occhi di Dio perché non parlano la lingua dell’io: non si sostengono da soli, con le proprie forze, hanno bisogno di chi li prenda per mano. Ci ricordano che il Vangelo si vive così, come mendicanti protesi verso Dio. La presenza dei poveri ci riporta al clima del Vangelo, dove sono beati i poveri in spirito. Allora, anziché provare fastidio quando li sentiamo bussare alle nostre porte, possiamo accogliere il loro grido di aiuto come una chiamata a uscire dal nostro io, ad accoglierli con lo stesso sguardo di amore che Dio ha per loro. Che bello se i poveri occupassero nel nostro cuore il posto che hanno nel cuore di Dio! Stando con i poveri, servendo i poveri, impariamo i gusti di Gesù, comprendiamo che cosa resta e che cosa passa”.

Francesco con la sua semplicità ci fa sempre riflettere e invita ciascuno di noi a chiedersi se “io aiuto qualcuno da cui non potrò ricevere? Io cristiano, ho almeno un povero per amico?”.


Condividi la notizia:
17 novembre, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR