Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Vetralla - L'altro ieri un costone si è staccato a causa della pioggia, ma è tutta l'area ad essere devastata e lasciata lì a morire, nonostante la via Francigena - FOTO

Pareti che crollano, strade che fanno schifo e un sito archeologico abbandonato… benevenuti a Foro Cassio

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:


Viterbo – La profezia di Marx a Foro Cassio s’è avverata. Qui, nel bel mezzo del comune di Vetralla, lo stato si infatti è estinto.

L’altro ieri un pezzo del costone, di lato al tracciato che porta sulla Cassia, si è staccato ed venuto giù. Per fortuna senza danni alle persone. Anni fa, la stessa cosa, sempre sulla sponda destra di strada Foro Cassio. E se non bastasse, l’intera via è piena di buche e del sito archeologico d’epoca romana, che avrebbe potuto caratterizzarlo, non v’è più traccia.

La pioggia in questi giorni ha fatto la sua parte. Ma la strada è abbandonata a se stessa da anni. Più di dieci anni, quando, nel 2008, l’unica cosa che l’amministrazione seppe fare fu quella di invitare gl automobilisti a non superare i 30 chilometri orari. Perché? Perché la strada era devastata dalle buche. E, a distanza di 11 anni, continua ad esserlo.


Vetralla - Il crollo di una parete a Foro Cassio

Vetralla – Il crollo di una parete a Foro Cassio


Una strada di collegamento importante. Tant’è vero che, nonostante ieri sia stata chiusa a metà percorso, da capo e da piedi, con transenne e nastro bianco-rosso, la gente continua a passarci. Non a piedi, ma con le macchine. Tirando via un pezzo di nastro, contribuendo così ad aumentare i rischi. Per se stessi e quelli che si portano in macchina. Perché altri pezzi di costone potrebbero venire giù nelle prossime ore. Basta guardarsi attorno per rendersene conto.


Vetralla - Il crollo di una parete a Foro Cassio

Vetralla – Il crollo di una parete a Foro Cassio


Foro Cassio, località del comune di Vetralla a pochi passi da Tre Croci, è uno scempio. Scempio per come sono ridotte le strade. Scempio per come sono abbandonati a se stessi operatori economici, in zona ci sono B&B e agriturismo. Scempio per come chi ci abita è costretto a cavarsela da solo. Tra buche e improvvisi torrenti d’acqua quando piove.


Vetralla - Strada Foro Cassio

Vetralla – Strada Foro Cassio


Scempio infine perché Foro Cassio, l’antica Forum Cassii romana, è un sito archeologico ancora tutto da scoprire. Ma, nel frattempo, saccheggiato, devastato e lasciato lì a morire. Sotto gli occhi di tutti. Fa eccezione la chiesa, risalente all’XI secolo. In tal caso, però, il merito non è delle amministrazioni che si sono susseguite, ma di gruppi e comitati che negli anni hanno dato battaglia per salvare l’intero complesso architettonico mettendolo infine in sicurezza. Una chiesa che sta riservando anche notevoli sorprese artistiche di inestimabile valore. E tutto questo, oltre ai comitati, grazie pure all’università degli studi della Tuscia, ai professori Enrico Guidoni ed Elisabetta De Minicis, al museo della città e del territorio e all’editore Davide Ghaleb. Fondamentali per salvare la chiesa di Foro Cassio e per ridare dignità a una zona che, purtroppo e non per colpa sua, l’ha ormai persa da diverso tempo.


Vetralla - La chiesa di Foro Cassio

Vetralla – La chiesa di Foro Cassio


Anni di battaglie che però non hanno impedito che la chiesa subisse diversi furti e il tetto crollasse sotto il peso della neve. Nella seconda metà degli anni novanta. Sempre meglio del suo vecchio proprietario che nel 1965 ne chiedeva l’abbattimento. Per fortuna genio civile e soprintendenza dissero no. La chiesa era infatti proprietà privata, prima ancora era dei cavalieri di Malta. Il comune di Vetralla ci mise mano solo all’inizio degli anni 2000. Acquistando alcuni terreni e ricevendo in donazione, dal proprietario, l’intero complesso architettonico.


Vetralla - Un affresco della chiesa di Foro Cassio

Vetralla – Un affresco della chiesa di Foro Cassio


Una zona abbandonata. Qui non ci passano né treni né Cotral. Tutt’attorno l’antica Forum Cassii romana con le sue tracce sparse per la campagna. Resti di abitazioni e lastricato della Cassia che attraversava un pezzo dell’impero. Ma nessuno sembra ormai farci caso. Però gli studi, così come i recenti scavi dell’Unitus attorno alla chiesa, parlano di case, terme e, forse, addirittura un teatro. C’è anche chi, tra gli agricoltori della zona, favoleggia l’esistenza di un mitreo.
Da queste parti ci passa anche la via Francigena dirigendosi poi, con i suoi pellegrini che ogni giorno l’attraversano, verso Vetralla.


Vetralla - Strada Foro Cassio

Vetralla – Strada Foro Cassio


Qui, una volta, c’era pure una delle prime radio libere d’Italia. Radio Mediterraneo Trasmissioni, che resistette persino alla legge Mammì all’inizio dei ’90 del secolo scorso. Per trasferirsi successivamente a Viterbo ed essere venduta dai suoi proprietari.


Vetralla - Il crollo di una parete a Foro Cassio

Vetralla – Il crollo di una parete a Foro Cassio


Unica nota positiva, l’opera d’arte collocata a Fossato callo dall’Arci, grazie a un finanziamento della Regione Lazio, la scorsa estate. Un intervento integrato di sistemazione naturalistica dell’area firmato da Elena Mazzi. Trecentomila anni in 344 centimetri, una scultura realizzata con Regula Zwicky. Una lastra di peperino elevata tramite un piedistallo. Una sorta di mappa geologica del territorio vetrallese.


Vetralla - Un muro fatto con i lastroni della Cassia a Foro Cassio

Vetralla – Un muro fatto con i lastroni della Cassia a Foro Cassio


Sfogliando poi tra i documenti dell’archivio comunale di Viterbo, in piazza del teatro, viene fuori infine un libro di un certo don Luigi Serafini del 1648 in cui si parla di Foro Cassio come una specie di Pompei. Impianti termali, abitazioni, necropoli, statue, strade. E la magnifica chiesa. All’interno della quale due dipinti, Crocifissione e Madonna in trono con bambino, sono stati attribuiti da Guidoni a Masaccio. Quello che descriveva Serafini era tutto visibile, all’aria aperta. Tutto oramai saccheggiato, distrutto e derubato. E nessuno, salvo appunto pochi, ha fatto nulla.


Vetralla - Strada Foro Cassio

Vetralla – Strada Foro Cassio


Un patrimonio andato perduto che, assieme alla chiesa e al bosco di Montefogliano lì di fronte, avrebbe potuto segnare un fondamentale momento di rilancio economico e turistico di una zona oggi depressa e in crisi profonda.


Vetralla - Le macchine continuano a passare nonostante strada Foro Cassio sia chiusa

Vetralla – Le macchine continuano a passare nonostante strada Foro Cassio sia chiusa


Il crollo del costone, dovuto alla pioggia e a interventi fatti su quel lato nel corso dei decenni, sono solo lo specchio di un abbandono generale. La sintesi di un’assenza e di una prospettiva a guida istituzionale che, da queste parti, c’è stata poco e niente

Daniele Camilli


Fotogallery: Il costone crollato e strada Foro CassioGli affreschi della chiesa di Santa Maria


Condividi la notizia:
11 novembre, 2019

Reportage 4 ... Gli articoli

  1. "Chemical city, la conservazione dei materiali era compromessa già nel 1963..."
  2. "Chemical city, trovato ordigno bellico nell'area militare del lago di Vico"
  3. "Vogliamo sapere la verità sulla Chemical city del lago di Vico"
  4. Chemical city, centinaia di documenti militari bruciati e altri buttati in giro per tutta l'area
  5. Calci, sputi e sgabellate, la vita del poliziotto nel carcere di Mammagialla...
  6. "Gli orari della ferrovia Roma nord stanno distruggendo l'istituto agrario"
  7. Il comune si schiera contro il consumo di suolo e il fotovoltaico a terra
  8. Discarica di Cinelli, adesso c'è pure un lago d'acqua con auto e roulotte abbandonate
  9. Chemical city, tubature da cui esce liquido nero e carotaggi lasciati sul terreno
  10. “Un tavolo contro il caporalato e lo sfruttamento dei braccianti”
  11. "Non ha solo la bellezza, ma anche il carattere..."
  12. "Di Veroli Letizia e Di Veroli Anna non hanno espresso lamentele, soltanto aspirano alla libertà... "
  13. "Lo sterminio degli omosessuali è sempre stato un olocausto di serie B"
  14. "Una splendida pagina di dignità culturale..."
  15. "Sotto piazza San Lorenzo ci sono cunicoli, sepolture e... una cripta"
  16. "Se mia figlia sposasse uno come lui io sarei il padre più felice della terra"
  17. Farnese pneumatici, il tribunale ha respinto la richiesta di concordato... si va verso il fallimento?
  18. Il Lazio è la regione con il più alto quantitativo di rifiuti radioattivi a livello nazionale
  19. "La scuola italiana è ancora una scuola di classe"
  20. "Natale, quest'anno la gente è meno della metà..."
  21. "La religione è una forza per costruire la pace"
  22. "Cotral, Cotral... vaffanculo!"
  23. Degrado, una piccola discarica e plastica andata a fuoco... lo stato di salute dell'ex Ospedale grande degli infermi
  24. Don Franco, il prete che ha fatto il "miracolo" in Senegal...
  25. Un po' romana, un po' maremmana... e pure un po' toscana
  26. "Serve un ripensamento del sistema di trasporto per garantire agli universitari di poter studiare"
  27. A Pianoscarano la casa presepe delle mille e una notte...
  28. "Trasporti pubblici gratuiti per accompagnare i braccianti al lavoro"
  29. "Gli artigiani sono il Quarto stato della Tuscia..."
  30. "I sacrifici sono stati tanti, ringrazio i miei genitori con tutto il cuore..."
  31. "Un sistema di trasporti efficace è condizione indispensabile per garantire il diritto allo studio"
  32. Bonus facciate, l'occasione giusta per rilanciare e dare un nuovo volto al centro storico
  33. "Villanova, una chiesa della gente e per la gente..."
  34. "Per migliorare i trasporti serve un'agenzia unica per la mobilità"
  35. La rivoluzione del 5G, sperimentazione e protagonisti
  36. "Abbiamo fatto rinascere via dei Magazzini... con olio di gomito e candeggina"
  37. Concorso per la polizia locale, ecco come sono andate le cose...
  38. "Trasporti nella Tuscia, a rischio il diritto allo studio e al lavoro..."
  39. Arriva la carta dei suoli del Lazio: "Fondamentale per conoscere il territorio"
  40. Discariche, voragini e prostituzione sulla Tuscanese
  41. Espropri per il fotovoltaico, coinvolti più di cinquanta proprietari di terreni
  42. "Foro Cassio, il proprietario del terreno deve rimettere in sicurezza la strada"
  43. "Mille chilometri sulla Francigena... con una gamba e due stampelle"
  44. Venti quintali di lana e Radio radicale per cacciare i lupi la notte...
  45. Al giardino di Ponte dell'Elce... la prima sex symbol della Tuscia
  46. La Regione Lazio si schiera contro l'impianto geotermico di Castel Giorgio
  47. "Le forze dell'ordine sono come pit bull drogati mandati in strada a combattere..."
  48. Lago di Bolsena, la rivolta delle lenzuola contro il geotermico
  49. "Ho vissuto più di dieci vite da Berlusconi..."
  50. "In Cile stiamo facendo una rivoluzione..."
  51. "Tuscia, in agricoltura si muore anche per non spendere cento euro..."
  52. "Ce l'abbiamo fatta, lunedì riaprirà strada Acquabianca"
  53. "Teresa ha insegnato a tutti il senso profondo del vivere"
  54. "La gente è costretta a fare altre strade e gli incassi sono crollati"
  55. "Ho passato con Paco un pezzo di vita bellissimo..."
  56. "Abbiamo visto il ragazzo a terra in fin di vita, ci siamo fermati e abbiamo fatto di tutto per salvarlo..."

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR