Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Intervento della Volante - Un 21enne arrestato e altri due giovani indagati - Nella notte dà in escandescenze in camera di sicurezza - Ferito un poliziotto

Rissa in viale Trento, tenta di spaccare una bottiglia in faccia al rivale

Condividi la notizia:

Polizia

Polizia

Viterbo – Rissa in viale Trento, intervento della volante della polizia di Viterbo, ieri sera alle 23.45.

Fermato un 26enne (K.I) nigeriano e altri due. Il ragazzo aveva la mano destra sanguinante. A quanto pare, si sarebbe ferito con una bottiglia mentre tentava di spaccarla in faccia a un’altra persona.

Poco distante, gli agenti hanno fermato due giovani della Costa d’Avorio, un 21enne (S.S.) e un 30enne (A.K.). Tutti e tre sono indagati in stato di libertà per rissa, mentre il nigeriano è stato arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Il 26enne avrebbe procurato lesioni a un poliziotto, che medicato, ha riportato una prognosi di sette giorni. Mentre il giovane è stato trattenuto in cella di sicurezza in attesa del giudizio per direttissima.

Ma durante la notte, il ragazzo, a quanto riportano fonti della polizia, si sarebbe autolesionato e quando gli agenti sono intervenuti per soccorrerlo, si è tolto il bendaggio dalla mano, cercando d’imbrattarsi di sangue.

Bloccato con lo spray al peperoncino e successivamente sedato dai sanitari del 118, è stato piantonato e controllato a vista fino a mezzogiorno di oggi a Belcolle.

Sarebbe risultato positivo ad alcol e droghe.

Il giudice ha convalidato l’arresto e ne ha disposto la liberazione.


Condividi la notizia:
4 novembre, 2019

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR