Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Le dichiarazioni della presidente Amalia Colaceci dopo la sentenza

“Sicurezza sui bus, il giudice dà ragione a Cotral”

Condividi la notizia:

La presidente Cotral Amalia Colaceci

La presidente Cotral Amalia Colaceci

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Cotral inizia a vincere nelle sedi giudiziarie i ricorsi verso alcuni degli accertamenti svolti dall’ispettorato territoriale del lavoro (ITL) di Viterbo dopo l’emanazione della sentenza numero 258 del 2019 del giudice di pace che annulla la sanzione per non aver osservato le disposizioni contenute nel regolamento europeo n. 561/2006 in materia di tempi di guida e di riposo dei conducenti.

Nella decisione del giudice di pace si precisa inoltre che l’ispettorato, al quale va il mio ringraziamento, ha svolto il proprio lavoro con professionalità.

Rimane forte la perplessità nei confronti di alcune sigle sindacali che hanno sporto denuncia contro l’azienda, sostenendo con i lavoratori per mesi la tesi secondo la quale Cotral non avrebbe rispettato la normativa italiana ed europea in materia di sicurezza sul lavoro.

Qualcuno ora dovrà spiegare come ha potuto sostenere che la più grande azienda di trasporto extraurbano d’Italia imponesse condizioni di lavoro illegittime rispetto alle norme, agitando inutilmente i lavoratori. Delle due l’una, o si è incompetenti o si è in malafede. L’esito della sentenza – come pure già avevano chiarito gli accertamenti preventivi – conferma definitivamente la correttezza dei comportamenti verso i lavoratori”.

Amalia Colaceci
Presidente Cotral


Condividi la notizia:
6 novembre, 2019

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR