--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Civitavecchia - Daspo a un tifoso per episodi al termine dell'incontro di calcio lunedì 4 novembre

Urla frasi discriminatorie a sfondo razziale, fuori dallo stadio per 5 anni

Condividi la notizia:

Polizia allo stadio

Polizia allo stadio

Civitavecchia – Daspo a un tifoso del Civitavecchia 1920.

“Lunedì 04 novembre, un civitavecchiese di anni 48 – come spiega la polizia di Civitavecchia –  e ultras dell’A.S.D. Civitavecchia 1920, squadra militante in Eccellenza, si è visto notificare il “divieto di accedere all’interno degli stadi e di tutti gli impianti sportivi del territorio Nazionale” per la durata di ben 5 anni, emanato dal questore di Roma Carmine Esposito.

Il provvedimento è stato definito al termine di un’attenta e costante osservazione dei comportamenti tenuti dall’uomo durante l’incontro di calcio “Civitavecchia-Vigor” allo stadio “Tamagnini” di Civitavecchia il 13 ottobre scorso.

In particolare, al termine della partita, mentre la tifoseria del Civitavecchia abbandonava lo stadio, esternando un acceso malumore, in quanto era stata raggiunta sul punteggio di parità dalla squadra ospite, proprio negli ultimi minuti del match, l’uomo si faceva portavoce della contestazione, e servendosi di un megafono, urlava frasi discriminatorie e a sfondo razziale”.

L’uomo è stato identificato: “E denunciato in stato di libertà dagli agenti – continua la nota della polizia – per la ‘diffusione idee fondate sulla superiorità o sull’odio razziale e per aver incitato alla discriminazione nonché alla provocazione alla violenza,  nei confronti di persone appartenenti ad un gruppo nazionale, etnico o razziale’.

Pertanto, in considerazione dei fatti accaduti nella circostanza e dei precedenti di Polizia dell’uomo, la proposta di vietare l’ingresso all’interno degli stadi e di tutti gli impianti sportivi del territorio Nazionale”, formulata dal dirigente del commissariato Paolo Guiso, ha trovato accoglimento con l’emanazione del relativo provvedimento esteso al raggio di mille metri dal perimetro dei luoghi dove si svolgono competizioni sportive e l’estensione del divieto a tutti i luoghi che potrebbero essere interessati dalla sosta o dal transito di tifoserie dirette alle manifestazioni sportive”. 
 
 

 


Condividi la notizia:
8 novembre, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR