--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Flash mob viterbese

Viterbo fuori delle classifiche di Legambiente… un’altra occasione persa

di Francesco Mattioli

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Francesco Mattioli

Francesco Mattioli

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Viviamo in un mondo in cui persino presidenti, pontefici e saggi opinionisti si esprimono con un tweet per catturare l’attenzione del pubblico.

Così, a forza di scrivere cose serie (o seriose, vedete voi…) il rischio è quello di apparire noiosi e di non venir letti per niente. Vi offro allora delle battute, delle provocazioni, dei pensieri-flash sugli eventi delle ultime settimane, con qualche sottinteso rimando sociologico.

Ogni tanto, per poter stimolare una riflessione, è meglio prenderla più alla leggera, anche quando si affrontano temi seri, a volte tragici. Lo insegnavano, seppur in tempi diversi, poeti come Orazio e de Santeul…

LA TV DEI RAGAZZI
Sopravvive questa ipocrisia, che dopo mezzanotte i minorenni non possano comparire in tivvù. Abbiamo vincitori di festival e talent proclamati in contumacia, rappresentati da fantocci, mentre i loro coetanei tirano fino a tardi in discoteca. Psicologi, pedagogisti e legislatori si diano una svegliata.

LE TRE SCIMMIETTE
A chi ritiene che i preti dovrebbero fare solo i preti e gli insegnanti solo gli insegnanti, vorrei ricordare la massima di Gandhi: “In democrazia nessun fatto di vita si sottrae alla politica” e quella di Ralph Nader: “se non ti interessi di politica, sarà la politica ad interessarsi di te”.

DALLE CRONACHE DI COMMERCILANDIA
In principio furono le bancarelle dei mercati. Poi vennero i negozi e le decimarono. Poi giunsero i centri commerciali e fecero strame dei negozi. Infine giunse l’e-commerce e sui centri commerciali si addensarono nubi nere.

ATTENZIONE: TRENI IN TRANSITO
Nelle sedi di certi partiti dovrebbero mettere le porte girevoli. C’è gente che ne entra e ne esce continuamente.

ATTENZIONE: CARRI IN TRANSITO
Ci sono momenti in cui il carro dei vincitori trabocca di passeggeri, che ci saltano su continuamente rischiando di trasformarlo in un cigolante e ciangottante carretto di questuanti.

FASCINO SLAVO
Parafrasando un becero detto d’antan, sembra che in America e in Italia tiri più un capello (raro) di Putin che una coppia di buoi.

HALLOWEEN, OF COURSE…
Come è variegato il mondo… ci sono bambini che giocano a spaventarsi quando avanti a loro saltano mostri, scheletri e fantasmi; e ci sono bambini che si spaventano davvero quando avanti a loro saltano teste e corpi dopo un attentato o un bombardamento.

PERCHE’ NON PARLI?
Viterbo fuori delle classifiche di Legambiente sull’ecosistema urbano per non aver fornito dati completi. Eppure, su quelli disponibili, risulta quasi sempre la migliore della regione. Un’occasione persa per dimostrare che da noi, tutto sommato, si vive abbastanza bene…

WALTER CRONKITE, 14 marzo 2003
“I fatti non parlano mai da soli. Che si tratti di riportare semplicemente un episodio di cronaca o di interpretarlo e darne un valutazione, il giornalista è uno che fa una scelta e intende condividerla con un vasto pubblico. Per questo è uno dei mestieri più belli del mondo. E uno dei più pericolosi”.

I VIAGGIATORI DELLA SERA
Secondo taluni, un pensionato – foss’anche un Premio Nobel – non dovrebbe essere chiamato da una struttura pubblica a dare un contributo professionale. E, se proprio fosse necessario, dovrebbe farlo gratuitamente. Evidentemente, per costoro, chi va in pensione può fare solo beneficienza.

ETIAMSI OMNES, EGO NON
Chissà cosa si aspettano dalla convivenza sociale quelli che lasciano i materassi lungo la strada, quelli che parcheggiano in doppia fila, quelli che sporcano le vie, quelli che non pagano le tasse, i furbetti del cartellino, gli haters da tastiera o sugli spalti e altre inciviltà cantando. In genere poi sono quelli che pretendono di più dagli altri.

NON C’E PACE TRA GLI ULIVI
Si potrebbe usare il termine negro liberamente se valesse come biondo, bianco o azzurro. Ma io temo che chi adotta quel termine si senta superiore per razza e cervello ad “ogni” negro. Ed è per questo che fa schifo.

Francesco Mattioli


Condividi la notizia:
11 novembre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR