--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Ieri il cammino organizzato dall'associazione Take Off

769 anni fa l’esilio di santa Rosa

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:


Viterbo - Cammino sulle vie dell’esilio di santa Rosa

Viterbo – Cammino sulle vie dell’esilio di santa Rosa

Viterbo - Cammino sulle vie dell’esilio di santa Rosa

Viterbo – Cammino sulle vie dell’esilio di santa Rosa

Viterbo - Cammino sulle vie dell’esilio di santa Rosa

Viterbo – Cammino sulle vie dell’esilio di santa Rosa

Viterbo – (s.c.) – Riconfermato il successo del Cammino sulle vie dell’esilio di santa Rosa anche in occasione del 769esimo anniversario.

Molte persone ieri, domenica primo dicembre, si sono avventurate attraverso i boschi dei monti Cimini per rievocare l’esilio della santa patrona di Viterbo avvenuto il 4 dicembre 1250 quando questa, cacciata da Viterbo, si recò prima a Soriano nel Cimino e poi a Vitorchiano prima di rientrare a Viterbo. Il fatto più importante della vita della santa patrona della città, perché fu per lei una specie di condanna a morte. Infatti morì il 6 marzo seguente, circa tre mesi dopo il suo rientro.

Prima della partenza una delegazione dell’associazione organizzatrice si è recata al convento di san Francesco di Viterbo a far visita a frate Agostino Mallucci, padre spirituale dell’iniziativa religiosa, per gli auguri simbolici di buon cammino e per lo scambio di graditissimi omaggi.

Alla partenza il caloroso saluto di Giovanni Arena, sindaco della città di Viterbo.

Lungo il percorso panorami meravigliosi, ogni volta diversi, arricchiti dai colori autunnali, con le felci e i pungitopo fioriti, in un percorso naturalistico, culturale e religioso di rara bellezza tra boschi, sorgenti e emergenze archeologiche.

Ad accompagnare il gruppo, tra gli altri, la guida naturalistica, escursionistica e ambientale, Anna Rita Properzi, e Silvio Cappelli. presidente dell’associazione culturale Take Off.

Un percorso che si è snodato tra le fustaie di faggio, querceti e castagneti cedui, da Viterbo a Soriano nel Cimino quasi interamente all’interno dei boschi attraverso un morbido tappeto di foglie ingiallite fino alla chiesetta della santissima Trinità.

Prima della partenza anche un’approfondita visita alla chiesa della Crocetta, primo luogo di sepoltura della santa patrona di Viterbo, effettuato grazie alla disponibilità di padre Antonio e del custode Orfeo.

Pranzo caldo dentro il bosco a cura di Clelia Picanò dei Sapori d’Italia di via Garbini a Viterbo. Rientro a Viterbo con il caratteristico trenino Atac ex Roma Nord.

I Cavalieri del soccorso città di Viterbo ad assistere i partecipanti lungo tutto il tragitto.

La manifestazione è stata organizzata dall’associazione culturale Take Off con il patrocinio dei comuni di Viterbo, Soriano nel Cimino, Vitorchiano, Sodalizio facchini di santa Rosa, Associazione Gea – Gestione ed educazione ambientale.


Condividi la notizia:
2 dicembre, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR