--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Corte d'assise - Omicidio Gianlorenzo - Si contraddicono in aula la compagna e la figlia dell'imputato - Il pm: "Minacce e intimidazioni in ambito familiare" - Caccia al supertestimone

Aldo Sassara sgridò la moglie: “Rifai la deficiente, tu chiacchieri troppo”

di Silvana Cortignani

Condividi la notizia:

Tuscania - Omicidio Angelo Gianlorenzo - Aldo Sassara mentre va e torna dalla campagna - Nel riquadro: Angelo Gianlorenzo, la vittima

Tuscania – Omicidio Angelo Gianlorenzo – Aldo Sassara mentre va e torna dalla campagna – Nel riquadro: Angelo Gianlorenzo, la vittima

Tuscania - Omicidio Angelo Gianlorenzo - Aldo Sassara sul motorino mentre torna dalla campagna

Tuscania – Omicidio Angelo Gianlorenzo – Aldo Sassara sul motorino mentre torna dalla campagna – Per gli inquirenti indossa una canottiera – Ore 11.15, km 10+700 della Martana (Marta)

Tuscania - Omicidio Angelo Gianlorenzo - La vittima sull'Apetto mentre va in campagna - Ore 7.03, km 10+700 della Martana (Marta)

Tuscania – Omicidio Angelo Gianlorenzo – La vittima sull’Apetto mentre va in campagna – Ore 7.03, km 10+700 della Martana (Marta)

Tuscania - Omicidio Angelo Gianlorenzo - Aldo Sassara sul motorino mentre va in campagna

Tuscania – Omicidio Angelo Gianlorenzo – Aldo Sassara sul motorino mentre va in campagna – Per gli inquirenti indossa una camicia – Ore 07,03, km 10+700 della Martana (Marta)

Tuscania - Omicidio Angelo Gianlorenzo - Aldo Sassara sul motorino mentre va in campagna - Per gli inquirenti indossa una camicia - Ore 6.32, via San Sebastiano (Capodimonte)

Tuscania – Omicidio Angelo Gianlorenzo – Aldo Sassara sul motorino mentre va in campagna – Per gli inquirenti indossa una camicia – Ore 6.32, via San Sebastiano (Capodimonte)

Tuscania - Omicidio Angelo Gianlorenzo - Aldo Sassara sul motorino mentre va in campagna - Per gli inquirenti indossa una camicia - Ore 6.31, via del Pratino (Capodimonte)

Tuscania – Omicidio Angelo Gianlorenzo – Aldo Sassara sul motorino mentre va in campagna – Per gli inquirenti indossa una camicia – Ore 6.31, via del Pratino (Capodimonte)

Viterbo – Come era vestito Aldo Sassara la mattina del 14 agosto 2016 quando avrebbe ucciso il cognato Angelo Gianlorenzo nelle campagne di San Savino, tra Marta e Tuscania?

Nessuno se lo ricordava, all’udienza di ieri del processo davanti alla corte d’assise in cui il 77enne è imputato di omicidio. Nessuno  dei tanti testimoni, tra cui parenti e vicini, ricordava che abiti portasse Aldo Sassara quella mattina, tranne la moglie Caterina Pesci e la figlia Isabella Governatori, che però si sono contraddette su questo e altri particolari. Entrambe hanno riferito cose diverse rispetto a quelle dette a caldo agli inquirenti e entrambe hanno fornito versioni contrastanti l’una dall’altra. 

Ma non si tratta della sola incongruenza. Dubbi e contraddizioni sono emersi anche sulla presenza a casa di Sassara, la notte precedente e la mattina dell’omicidio, della nipotina di sette anni e di un altro bambino. Contraddizioni e dubbi anche sul perché la moglie dell’imputato, la mattina del 14 agosto, si sia recata al chiosco della figlia sul lungolago di Capodimonte. La figlia dice a prendere i bambini e la madre a portare la nipotina verso le ore 9.30 e poi a riprenderli tutti e due, verso le 10,30.


 “Rifai la deficiente, tu chiacchieri troppo”

Secondo l’accusa e i legali di parte civile dei familiari della vittima, Sassara, padre-padrone, farebbe il bello e il cattivo tempo in casa, dispensando “minacce e intimidazioni in ambito familiare”. “Dalle intercettazioni, si capisca che Aldo Sassara ha il controllo totale della famiglia”, è stato detto, parlando di pressioni enormi sulla moglie. “Rifai la deficiente, tu chiacchieri troppo”, l’avrebbe sgridata l’imputato alle 10,42 del 5 gennaio 2017, mentre erano tutti intercettati. “Dai troppi particolari sulle mie abitudini”, l’avrebbe rimproverata alle 13,58 del 10 gennaio, mentre erano spiati dagli investigatori.


“Una vendetta trasversale verso il figlio finanziere”

Per l’accusa, inoltre, la figlia sarebbe stata convinta dal fratello a fornire una fantasiosa versione alternativa, secondo cui il feroce assassinio di Angelo Gianlorenzo sarebbe stata “una vendetta trasversale verso il figlio Mario che, da finanziere, ha pestato i piedi a qualcuno che poi si è vendicato”. Ma lei, sollecitata dal pm Siddi, ha negato pressioni: “L’ho pensato io perché mi era parso strano che a noi ci avessero sequestrato il casale, rimasto sequestrato un anno, fino al 27 luglio 2017, quando abbiamo trovato tutti gli animali morti scheletriti, anche i cani, uccisi dagli stenti, perché non ce li hanno fatti spostare da un’altra parte. E loro invece pochi giorni dopo hanno portato via il gregge di pecore e il montone e hanno battuto tutto il terreno col trattore con due pale”. 


Il giallo dei gilet di colore blu e panna

Per gli investigatori dopo avere massacrato di botte l’agricoltore 83enne marito della sorella, con cui c’erano cause in corso e rancori vecchi e nuovi per motivi di proprietà, Sassara si sarebbe disfatto del gilet che aveva indossato la mattina, in quanto recante tracce incriminanti. L’imputato ripreso dalle telecamere all’andata e al ritorno dal luogo del delitto, non indossa più il gilet che dalle riprese sembra di colore panna o nocciola.

Nel corso della perquisizione domiciliare, secondo il pm Massimiliano Siddi, la moglie, registrata, avrebbe detto ai carabinieri che il marito non possedeva gilet. Ieri in aula Caterina Pesci, 63 anni, ha detto che ne aveva uno blu sull’attaccapanni: “Quando è tornato a casa a pranzo lo indossava”. Ma durante le indagini aveva detto: “E’ tornato vestito come quando è uscito, portava un paio di pantaloni corti e una canottiera scolorita, tra il verde e il celestino. Non si era cambiato”. Poi però ha corretto il tiro, quando è venuto fuori del gilet blu: “La mattina non gliel’ho visto, ma quando è tornato a pranzo ce l’aveva, avrà avuto freddo”. Quel giorno c’erano 35 gradi. “I carabinieri ne cercavano uno color panna”, ha quindi aggiunto, facendo dire al pm Siddi che se lo era inventato, perché i militari, come si sentirebbe dalla registrazione, le avrebbero chiesto solo se Sassara avesse dei gilet e lei ha negato.

Accusa e parti civili hanno chiesto l’acquisizione della conversazione tra la donna e i carabinieri. La corte presieduta dalla presidente del tribunale Maria Rosaria Covelli si è riservata.


La figlia scivola sulla camicia a quadri

“Mio padre è venuto al chiosco verso le 11,30 del 14 agosto 2016 per portarmi le verdure dell’orto, poi ha preso un aperitivo e verso le 12, 20 è tornato a casa per pranzo”, ha detto la figlia 44enne, titolare di un’attività di noleggio barche sul lungolago di Capodimonte. Poi è scivolata sulla camicia.  “Portava pantaloni corti e canottiera blu”, ha detto, mentre negava perfino di sapere dei dissidi tra cognati, universalmente noti, per la spartizione dell’eredità. “Lei a suo tempo disse che suo padre indossava una camicia a quadri non una canottiera blu”, le ha fatto notare il pm Siddi.


Caccia al supertestimone

Al termine dell’udienza fiume, durata circa cinque ora per sentire 5 testimoni, sono state fissate le prossime quattro: si torna in aula il 27 gennaio, il 17 febbraio, il 2 marzo e il 23 marzo.

Nel frattempo è caccia al supertestimone, un bracciante agricolo macedone che la mattina dell’omicidio, mentre stava dietro una siepe, sarebbe stato richiamato da urla provenienti dal terreno della vittima. Per ora se ne sarebbero perse le tracce. 

Silvana Cortignani


Condividi la notizia:
17 dicembre, 2019

Tuscania - Omicidio in campagna ... Gli articoli

  1. "Male non fare, paura non avere", si dichiara innocente il 76enne accusato di avere ucciso il cognato
  2. Accusato di avere ucciso il cognato, attesa per l'interrogatorio di Aldo Sassara
  3. "Se m'evono trovato la maglietta, da mo' che m'avevano arrestato"
  4. Omicidio Gianlorenzo, è il giorno della verità per il cognato accusato di averlo ucciso
  5. Omicidio Gianlorenzo, in aula il supertestimone rivela: "Voci di due uomini sul luogo del crimine..."
  6. Omicidio Gianlorenzo - Furgone sul luogo del delitto, è giallo
  7. "Non ha ucciso lui il cognato, quella mattina è andato col trattore in direzione opposta"
  8. "Aldo non è un fratello, ma una belva feroce. Pensammo avesse ucciso anche nostro padre"
  9. "Meno male che mio cognato è morto, uno di meno. Era un birbaccione, vaffanculo"
  10. "Gianlorenzo aveva il collo spezzato e tutte le costole rotte, ma è morto d'infarto"
  11. Due "interpreti" di dialetto martano per tradurre i soliloqui del presunto killer
  12. "Trenta-quaranta colpi che lui ansimava ancora ed era cosciente"
  13. "E' stata una morte violenta, ma nessun riscontro scientifico porta a Aldo Sassara"
  14. Omicidio Angelo Gianlorenzo, tocca ai primi testi dell'accusa
  15. "Il cognato incastrato dal suo soliloquio in macchina e dalla videosorveglianza"
  16. Agricoltore massacrato e ucciso nelle campagne di Tuscania, processo al cognato al via il 17 giugno
  17. "Contro di me non hanno niente" diceva tra sé Aldo Sassara intercettato in macchina...
  18. Omicidio di Angelo Gianlorenzo, rinviato a giudizio Aldo Sassara
  19. Omicidio di Tuscania, Aldo Sassara davanti al gup
  20. "Contro di me solo congetture, i colpevoli sono altrove"
  21. "L'ha ucciso, si è cambiato e ha fatto sparire i vestiti sporchi di sangue..."
  22. Omicidio di Tuscania, chiuse le indagini
  23. Un anno fa l'omicidio dell'agricoltore Angelo Gianlorenzo
  24. Omicidio di Tuscania, dissequestrati il casale e i mezzi agricoli dell'indiziato
  25. Omicidio di Tuscania, nuovo interrogatorio in procura per Sassara
  26. Omicidio di Tuscania, è giallo sull’ora della morte
  27. "Massacrato di botte finché non è morto di crepacuore"
  28. Omicidio di Tuscania, restano sotto sequestro i mezzi agricoli
  29. "Ho pensato subito che era stato assassinato”
  30. Omicidio di Tuscania, chiesto il dissequestro dei mezzi agricoli
  31. Nessuna traccia di Gianlorenzo sull'uomo accusato dell'omicidio
  32. Al lavoro i sommozzatori dell'Arma
  33. Gianlorenzo aveva anche il torace fracassato
  34. Omicidio di Tuscania, i Ris sul luogo del delitto
  35. Si cercano i vestiti sporchi di sangue
  36. "Aldo? Incensurato e benvoluto da tutti"
  37. "Non dovevi decidere tu della morte di Angelo"
  38. "Assassini, costituitevi!"
  39. Anziano ucciso, indagato il cognato
  40. I Ris sulla scena del delitto
  41. I vestiti strappati e il cranio fracassato
  42. Colpito alla testa e ucciso dopo una lite
  43. Aggredito e ucciso con un colpo alla testa

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR