Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - L'opera sarà presentata l'8 dicembre nella chiesa storica di via della Pescheria

Archeotuscia, nuovo quadro dedicato alla Madonna della Salute

Condividi la notizia:

Viterbo - La chiesa della Madonna della Salute

Viterbo – La chiesa della Madonna della Salute

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Un nuovo quadro dedicato alla Madonna della Salute al’interno dell’omonima chiesa storica di via della Pescheria di Viterbo verrà inaugurato e benedetto domenica 8 dicembre nel corso della celebrazione eucaristica prevista per le 11,30 per iniziativa dell’associazione Archeotuscia onlus, che ha in custodia la chiesa su concessione dell’ordine degli avvocati di Viterbo.

Il rito religioso sarà celebrato dal parroco, don Ivo Bruni. Il quadro-icona è opera dell’artista Elisabetta D’Agnano, scenografa della Rai, ed è stato realizzato in ricordo della dedicazione dell’antica chiesa, famosa anche per il bellissimo portale in marmo di scuola senese, eseguito nel 1337 su disegno dell’architetto Lorenzo Maitani (1275-1330) noto quale realizzatore della facciata del Duomo di Orvieto.

La costruzione della chiesa risale al 1318, voluta dal committente Maestro (o Mastro) Fardo di Ugolino di Uffreduccio, notaio viterbese, ispirato dagli insegnamenti di San Francesco d’Assisi. Venne edificata nella zona dove a quel tempo esistevano una casa malfamata e le carceri della Curia podestà. Mastro Fardo di Ugolino era fermamente intenzionato a combattere il malcostume del tempo.

L’interno oggi è spoglio: le tele che ornavano le pareti sono conservate presso la Fondazione Carivit; gli affreschi che abbellivano il tempio sono completamente scomparsi. Il pavimento, in mattoni di cotto, ospita al centro due pietre tombali: quella di Mastro Fardo e quella del luogotenente Alberto Mastrio. L’opera redentrice di Mastro Fardo non ebbe successo e la chiesa venne abbandonata. Il restauro risale a sei secoli più tardi (1934).

La cerimonia dell’inaugurazione dell’icona sacra di domenica avrà un preludio domani pomeriggio, sabato 7 dicembre, alle ore 18: all’interno della chiesa è in programma “Intima vox. Voci e suoni della Francigena”, spettacolo corale diretto da Maria Morena Lepri.

Inoltre da lunedì 9 dicembre a lunedì 6 gennaio all’interno della chiesa di Santa Maria della Salute saranno esposte le opere partecipanti al primo concorso fotografico “Le bellezze di Ferento. Immagini dell’area dell’antica Ferento” bandito dall’associazione Archeotuscia onlus. La cerimonia di premiazione si svolgerà sabato 4 gennaio alle 17.

Archeotuscia onlus


Condividi la notizia:
6 dicembre, 2019

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR