--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - I dati Istat - Diminuisce la percentuale di popolazione a rischio esclusione sociale (dal 28,9% al 27,3%)

“Cresce il reddito delle famiglie, ma quello dei più ricchi è sei volte quello dei poveri”

Condividi la notizia:

Soldi

Soldi

Roma – “Cresce il reddito delle famiglie, ma quello dei più ricchi è sei volte quello dei poveri”. Gli ultimi dati Istat.

Cresce il reddito netto delle famiglie italiane. Non diminuisce però la disuguaglianza. A dirlo è l’Istat con il suo ultimo rapporto.

Da quanto emerge, “nel 2017 il reddito netto medio delle famiglie, pari a 31.393 euro annui, è cresciuto ancora in termini nominali (+2,6%) e come potere d’acquisto (+1,2%)”. Ma la disuguaglianza non si riduce. Infatti il reddito totale delle famiglie più abbienti continua a essere più di sei volte quello delle famiglie più povere.

Per i residenti nel Mezzogiorno la disuguaglianza reddituale è più accentuata. “Qui il 20% più ricco della popolazione riceve un ammontare di reddito, inclusivo degli affitti figurativi, pari a 5,7 volte quello della fascia più povera”.

A diminuire è la percentuale di popolazione a rischio di povertà o esclusione sociale per una minore incidenza di situazioni di grave deprivazione materiale (dal 28,9% al 27,3%). Ferma al 20,3% la percentuale di individui a rischio povertà.

 


Condividi la notizia:
5 dicembre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR