Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - In pieno centro storico e a due passi dal duomo, è ormai in completo stato di abbandono - FOTO E VIDEO

Degrado, una piccola discarica e plastica andata a fuoco… lo stato di salute dell’ex Ospedale grande degli infermi

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:


Viterbo – Un degrado sotto gli occhi di tutti. A cielo aperto. Nel cuore del centro storico di Viterbo. E’ l’ospedale grande degli infermi. In piazza San Lorenzo, dove ci sono anche palazzo dei Papi e la cattedrale cittadina.

Una struttura abbandonata da anni. Da quando, a partire dai ’90 i servizi ospedalieri passarono al Belcolle, a qualche chilometro di distanza dalla città. Adesso, dove una volta c’erano gli spazi dell’ospedale grande, c’è solo il dipartimento di salute mentale. Tutto il resto è lasciato in malora. E da quanto si vede, decisamente a marcire. Con tanto di piccola discarica e plastica bruciata a terra.


Viterbo - L'ex ospedale grande degli infermi

Viterbo – L’ex ospedale grande degli infermi – L’ingresso da piazza San Lorenzo


Gli ingressi al vecchio complesso ospedaliero sono due. Il primo da piazza San Lorenzo. Il secondo dalla via del ponte che porta al duomo. L’ospedale stesso ha una sua strada interna. Via dell’ospedale. Una volta qui era un via vai continuo di gente. Un mondo fatto di medici, paramedici, statali, infermieri, barellieri, suore, persone di tutti i tipi. Dove veramente tutti conoscevano tutti e tutto. Un microcosmo incastonato nel tessuto urbano. In pieno centro storico. Gli edifici dell’ex ospedale risalgono infatti al XVI secolo. Il 20 gennaio 1573 venne messa la prima pietra, con e il reparto medicina realizzato nel 1574. Anche del Comune.


Viterbo - L'ex ospedale grande degli infermi

Viterbo – L’ex ospedale grande degli infermi – La piccola discarica


L’ospedale fu coinvolto nei bombardamenti aerei che colpirono Viterbo nel 1944 e riparato successivamente dopo la guerra. Il nome per esteso è ospedale grande degli infermi “Renato Capotondi Calabresi”. Questo perché la madre di Renato, Angela Bevilacqua vedova Calabresi Vanni, lasciava come unico erede dell’intero complesso ospedaliero il figlio Renato Vanni. Se però quest’ultimo non avesse avuto eredi legittimi, l’ospedale sarebbe passato alla comunità viterbese. Che in cambio glielo avrebbe dedicato. E così fu. Fino alla Asl e alla Regione Lazio. 

L’eredità Capotondi comprendeva anche sette poderi di centoventi ettari, e alcuni fabbricati, tra cui Palazzo Calabresi.


Viterbo - L'ex ospedale grande degli infermi

Viterbo – L’ex ospedale grande degli infermi – La zona dove si trova la plastica bruciata


Entrando negli spazi esterni dell’ex ospedale grande da piazza San Lorenzo e proseguendo dritti ci si imbatte in una zona delimitata da una recinzione di plastica arancione. Dentro c’è della plastica squagliata. Sembra uno di quei gabinetti pubblici che si mettono durante gli eventi in piazza. Pare anche che sia andato a fuoco. Fatto sta che lì c’è qualche metro quadrato di plastica squagliata e bruciacchiata. Così, come se niente fosse.


Viterbo - L'ex ospedale grande degli infermi

Viterbo – L’ex ospedale grande degli infermi – La plastica bruciata


E, come se niente fosse, poco più avanti, e a ridosso di un edificio storico che apparteneva al vecchio ospedale, una vera e propria discarica. Con frigorifero, sedie, terriccio e altro. Buttati lì, e chissà da quanto. Davanti alla discarichetta, la salita che porta al dipartimento di salute mentale dove le persone ci sono e c’è chi ci lavora. Non solo, ma è il centro storico. E i turisti, quando vanno a vedere palazzo dei papi, e si accorgono che i cancelli dell’ospedale grande sono aperti, entrano per visitare il posto. Qualche giorno fa ce ne erano due, arrivati a Viterbo dalla California. Una madre che faceva notare al figlio gli elementi cinquecenteschi degli edifici. Restando molto colpita, in corso d’opera, dal degrado e dal loro abbandono.


Viterbo - Turisti all'interno dell'ex ospedale grande degli infermi

Viterbo – Turisti all’interno dell’ex ospedale grande degli infermi


Si tratta infatti di centinaia e centinaia di metri quadrati di superficie pubblica abbandonata. In una città come Viterbo dove qualche anno fa l’ex consigliere regionale Riccardo Valentini faceva notare vi fosse un chilometro quadrato di edifici pubblici, tra comunali, provinciali e regionali, abbandonati o non utilizzati. Il tutto nel solo comune della città dei papi.


Viterbo - L'ex ospedale grande degli infermi

Viterbo – L’ex ospedale grande degli infermi – La parte chiusa dal cancello


Una parte degli edifici dell’ospedale grande è inaccessibile. Il cancello è chiuso. A sorvegliare il tutto ci sono le telecamere. In alto, ad angolo. Si tratta della zona dove una volta c’era l’ingresso principale e davanti a sinistra un piccolo bar che si affacciava verso Valle Faul. Anche qui la situazione, a guardarla da lontano, dietro al cancello, non è delle migliori. Edifici in progressivo stato di deterioramento. Fermi a tanti anni fa. Come se il mondo fosse finito allora. E chissà come sono dentro. Come sono messi gli interni. Se ancora c’è della documentazione che, ad esempio, dovrebbe essere tutelata oppure, più semplicemente, portata all’archivio di Stato.


Viterbo - L'ex ospedale grande degli infermi

Viterbo – L’ex ospedale grande degli infermi – Da via Sant’Antonio


Gli edifici di quasi tutto il complesso, tranne quelli del dipartimento di salute mentale, hanno un aspetto logoro. Alcuni vetri delle finestre, che si affacciano sui cortili, sembrerebbero anche anneriti. Come se ci fossero stati dei piccoli incendi. Su alcune facciate ha cominciato a crescere la vegetazione. Se si guardano gli edifici da via Sant’Antonio lo stato indecoroso in cui versano salta subito agli occhi. Un degrado senza mezzi termini. Patrimonio pubblico cittadino.

Daniele Camilli


Multimedia – Fotogallery: Lo stato di salute dell’ex Ospedale grande degli infermi – Video: Degrado e abbandono dell’ex ospedale


Condividi la notizia:
16 dicembre, 2019

Reportage 4 ... Gli articoli

  1. "Chemical city, la conservazione dei materiali era compromessa già nel 1963..."
  2. "Chemical city, trovato ordigno bellico nell'area militare del lago di Vico"
  3. "Vogliamo sapere la verità sulla Chemical city del lago di Vico"
  4. Chemical city, centinaia di documenti militari bruciati e altri buttati in giro per tutta l'area
  5. Calci, sputi e sgabellate, la vita del poliziotto nel carcere di Mammagialla...
  6. "Gli orari della ferrovia Roma nord stanno distruggendo l'istituto agrario"
  7. Il comune si schiera contro il consumo di suolo e il fotovoltaico a terra
  8. Discarica di Cinelli, adesso c'è pure un lago d'acqua con auto e roulotte abbandonate
  9. Chemical city, tubature da cui esce liquido nero e carotaggi lasciati sul terreno
  10. “Un tavolo contro il caporalato e lo sfruttamento dei braccianti”
  11. "Non ha solo la bellezza, ma anche il carattere..."
  12. "Di Veroli Letizia e Di Veroli Anna non hanno espresso lamentele, soltanto aspirano alla libertà... "
  13. "Lo sterminio degli omosessuali è sempre stato un olocausto di serie B"
  14. "Una splendida pagina di dignità culturale..."
  15. "Sotto piazza San Lorenzo ci sono cunicoli, sepolture e... una cripta"
  16. "Se mia figlia sposasse uno come lui io sarei il padre più felice della terra"
  17. Farnese pneumatici, il tribunale ha respinto la richiesta di concordato... si va verso il fallimento?
  18. Il Lazio è la regione con il più alto quantitativo di rifiuti radioattivi a livello nazionale
  19. "La scuola italiana è ancora una scuola di classe"
  20. "Natale, quest'anno la gente è meno della metà..."
  21. "La religione è una forza per costruire la pace"
  22. "Cotral, Cotral... vaffanculo!"
  23. Don Franco, il prete che ha fatto il "miracolo" in Senegal...
  24. Un po' romana, un po' maremmana... e pure un po' toscana
  25. "Serve un ripensamento del sistema di trasporto per garantire agli universitari di poter studiare"
  26. A Pianoscarano la casa presepe delle mille e una notte...
  27. "Trasporti pubblici gratuiti per accompagnare i braccianti al lavoro"
  28. "Gli artigiani sono il Quarto stato della Tuscia..."
  29. "I sacrifici sono stati tanti, ringrazio i miei genitori con tutto il cuore..."
  30. "Un sistema di trasporti efficace è condizione indispensabile per garantire il diritto allo studio"
  31. Bonus facciate, l'occasione giusta per rilanciare e dare un nuovo volto al centro storico
  32. "Villanova, una chiesa della gente e per la gente..."
  33. "Per migliorare i trasporti serve un'agenzia unica per la mobilità"
  34. La rivoluzione del 5G, sperimentazione e protagonisti
  35. "Abbiamo fatto rinascere via dei Magazzini... con olio di gomito e candeggina"
  36. Concorso per la polizia locale, ecco come sono andate le cose...
  37. "Trasporti nella Tuscia, a rischio il diritto allo studio e al lavoro..."
  38. Arriva la carta dei suoli del Lazio: "Fondamentale per conoscere il territorio"
  39. Discariche, voragini e prostituzione sulla Tuscanese
  40. Espropri per il fotovoltaico, coinvolti più di cinquanta proprietari di terreni
  41. "Foro Cassio, il proprietario del terreno deve rimettere in sicurezza la strada"
  42. Pareti che crollano, strade che fanno schifo e un sito archeologico abbandonato... benevenuti a Foro Cassio
  43. "Mille chilometri sulla Francigena... con una gamba e due stampelle"
  44. Venti quintali di lana e Radio radicale per cacciare i lupi la notte...
  45. Al giardino di Ponte dell'Elce... la prima sex symbol della Tuscia
  46. La Regione Lazio si schiera contro l'impianto geotermico di Castel Giorgio
  47. "Le forze dell'ordine sono come pit bull drogati mandati in strada a combattere..."
  48. Lago di Bolsena, la rivolta delle lenzuola contro il geotermico
  49. "Ho vissuto più di dieci vite da Berlusconi..."
  50. "In Cile stiamo facendo una rivoluzione..."
  51. "Tuscia, in agricoltura si muore anche per non spendere cento euro..."
  52. "Ce l'abbiamo fatta, lunedì riaprirà strada Acquabianca"
  53. "Teresa ha insegnato a tutti il senso profondo del vivere"
  54. "La gente è costretta a fare altre strade e gli incassi sono crollati"
  55. "Ho passato con Paco un pezzo di vita bellissimo..."
  56. "Abbiamo visto il ragazzo a terra in fin di vita, ci siamo fermati e abbiamo fatto di tutto per salvarlo..."

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR