Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Ultimata la costruzione del centro sanitario in Africa, iniziato due anni fa, grazie a un gruppo di volontari diretti dal sacerdote di Valentano - FOTO E VIDEO

Don Franco, il prete che ha fatto il “miracolo” in Senegal…

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:


Viterbo – Don Franco Magalotti, il prete di Valentano che ha fatto il miracolo. Un paio d’anni fa ha iniziato a costruire un centro sanitario in Senegal. A Bargua. Due anni dopo, l’ospedale è pronto e a breve inizierà a funzionare.

“Un’impresa – ha esordito Magalotti – che all’inizio sembrava impossibile. Un lavoro realizzato da persone che hanno dato davvero tanto”.


Senegal - L'ospedale a Bargua

Senegal – L’ospedale a Bargua


Assieme a Magalotti c’è infatti un piccolo gruppo di persone, che vuole restare anonimo, che da anni lavora sul territorio aiutando concretamente chi ne ha bisogno. Famiglie di disoccupati oppure persone in seria difficoltà economica. “Per garantire a tutti, laddove possibile – ha aggiunto Magalotti – dignità personale e sociale”.


Viterbo - Aly Ndoye e don Franco Magalotti

Viterbo – Aly Ndoye e don Franco Magalotti


L’ospedale, oltre ai servizi di medicina e chirurgia generale, accoglierà soprattutto le donne in gravidanza garantendogli tutte le cure necessarie per far nascere i bambini e soccorrere quelli che presentano fin da subito delle difficoltà. La mortalità infantile è altissima. Proprio perché manca un ospedale. Il più vicino è a decine di chilometri di distanza e gli abitanti dei villaggi non hanno i mezzi necessari a raggiungerlo. Ed è anche così che i loro figli muoiono.


Senegal - L'ospedale a Bargua

Senegal – L’ospedale a Bargua


Il gruppo di don Franco che ha investito oltre 50 mila euro per costruire una struttura sanitaria direttamente in Africa. A Bargua, un piccolo villaggio di 800 abitanti a 200 chilometri dalla capitale Dakar. L’equivalente, dal punto di vista amministrativo, di un comune italiano con rispettive frazioni. Attorno a Bargua, si muovono infatti altri 8 villaggi. Duemila abitanti in tutto, che adesso hanno anche un ospedale di riferimento.

Inoltre, l’ospedale appena costruito è stato donato alla comunità. E’ proprietà pubblica.


Senegal - La costruzione del centro sanitario

Senegal – La costruzione del centro sanitario


“Il centro sanitario che abbiamo realizzato – spiega don Franco Magalotti – si trova al centro del Senegal, in mezzo a villaggi dimenticati e poverissimi, lontani dai centri di comunicazione importanti, mancanti in assoluto di servizi essenziali, sanitari e sociali”.


Bargua - Senegal - Il consiglio del villaggio

Bargua – Senegal – Il consiglio del villaggio


Con don Franco c’è anche anche Aly Ndoye, classe 1964, fratello del sindaco di Bargua Moudo Ndoye che ha più di 80 anni. Il primo dei due è musulmano, il secondo cristiano. Vanno d’amore e d’accordo. Come due fratelli. Aly Ndoye periodicamente viene in Italia, per incontrare don Franco e raccogliere vestiti, materiali e cibo da portare a Bargua. Con un piccolo camion con cui attraversa la costa atlantica dell’Africa, arriva in Spagna e da lì in Italia. Per poi fare di nuovo il viaggio di ritorno e portare a casa quello che è riuscito a raccogliere, dormendo e appoggiandosi presso altri connazionali presenti in Italia da diverso tempo.


Bargua- Senegal - La costruzione del centro sanitario

Bargua- Senegal – La costruzione del centro sanitario


“L’edificio adesso è finito – racconta Ndoye -. Ha una superficie di 234 mq. Si compone di un portico, una grande sala per riunioni e attesa, due bagni, una sala d’attesa interna. Tutti predisposto per interventi sanitari di prima necessità, pronto soccorso e analisi, sala parto e due sale per il ricovero veloce di chi è in gravidanza, una sala per i bambini appena nati e una per bambini con problemi particolari. Gli abitanti dei villaggi hanno collaborato con il loro lavoro e vorrebbero farlo diventare un centro di eccellenza per tutta la zona. Non si sentono più abbandonati e possono così sperare che i loro giovani non siano costretti a partire per andare a vivere e lavorare in Europa”.


Senegal - Il villaggio di Bargua

Senegal – Il villaggio di Bargua


“Ora però bisogna terminare tutte le rifiniture necessarie – sottolinea don Magalotti -. Come arredi e attrezzature sanitarie. Nel frattempo abbiamo acquistato la prima ambulanza”. E già da qualche anno, il gruppo che fa riferimento a don Franco, ha portato anche l’acqua e acquistato un trattore per coltivare la terra.

“Per chiunque volesse fare una donazione – conclude don Franco Magalotti – si può far riferimento al numero di cellulare 339.8738694, rispondo io direttamente. Oppure fare un versamento sul conto corrente della “Mensa di Lazzaro” IT 20C 088 517338 0000000 206128″.

Daniele Camilli


Multimedia: I lavori per la costruzione del centro sanitario – La realizzazione dei progetti a Bargua in Senegal – Video: La nuova struttura sanitaria a BarguaIl centro sanitario a un passo dalla conclusione – La costruzione del centro sanitario

Articoli: “Appena abbiamo iniziato a costruirlo, le donne lo hanno subito presidiato” – “Diventiamo tutti migranti e portatori di solidarietà e condivisione”


Condividi la notizia:
16 dicembre, 2019

Reportage 4 ... Gli articoli

  1. "Chemical city, la conservazione dei materiali era compromessa già nel 1963..."
  2. "Chemical city, trovato ordigno bellico nell'area militare del lago di Vico"
  3. "Vogliamo sapere la verità sulla Chemical city del lago di Vico"
  4. Chemical city, centinaia di documenti militari bruciati e altri buttati in giro per tutta l'area
  5. Calci, sputi e sgabellate, la vita del poliziotto nel carcere di Mammagialla...
  6. "Gli orari della ferrovia Roma nord stanno distruggendo l'istituto agrario"
  7. Il comune si schiera contro il consumo di suolo e il fotovoltaico a terra
  8. Discarica di Cinelli, adesso c'è pure un lago d'acqua con auto e roulotte abbandonate
  9. Chemical city, tubature da cui esce liquido nero e carotaggi lasciati sul terreno
  10. “Un tavolo contro il caporalato e lo sfruttamento dei braccianti”
  11. "Non ha solo la bellezza, ma anche il carattere..."
  12. "Di Veroli Letizia e Di Veroli Anna non hanno espresso lamentele, soltanto aspirano alla libertà... "
  13. "Lo sterminio degli omosessuali è sempre stato un olocausto di serie B"
  14. "Una splendida pagina di dignità culturale..."
  15. "Sotto piazza San Lorenzo ci sono cunicoli, sepolture e... una cripta"
  16. "Se mia figlia sposasse uno come lui io sarei il padre più felice della terra"
  17. Farnese pneumatici, il tribunale ha respinto la richiesta di concordato... si va verso il fallimento?
  18. Il Lazio è la regione con il più alto quantitativo di rifiuti radioattivi a livello nazionale
  19. "La scuola italiana è ancora una scuola di classe"
  20. "Natale, quest'anno la gente è meno della metà..."
  21. "La religione è una forza per costruire la pace"
  22. "Cotral, Cotral... vaffanculo!"
  23. Degrado, una piccola discarica e plastica andata a fuoco... lo stato di salute dell'ex Ospedale grande degli infermi
  24. Un po' romana, un po' maremmana... e pure un po' toscana
  25. "Serve un ripensamento del sistema di trasporto per garantire agli universitari di poter studiare"
  26. A Pianoscarano la casa presepe delle mille e una notte...
  27. "Trasporti pubblici gratuiti per accompagnare i braccianti al lavoro"
  28. "Gli artigiani sono il Quarto stato della Tuscia..."
  29. "I sacrifici sono stati tanti, ringrazio i miei genitori con tutto il cuore..."
  30. "Un sistema di trasporti efficace è condizione indispensabile per garantire il diritto allo studio"
  31. Bonus facciate, l'occasione giusta per rilanciare e dare un nuovo volto al centro storico
  32. "Villanova, una chiesa della gente e per la gente..."
  33. "Per migliorare i trasporti serve un'agenzia unica per la mobilità"
  34. La rivoluzione del 5G, sperimentazione e protagonisti
  35. "Abbiamo fatto rinascere via dei Magazzini... con olio di gomito e candeggina"
  36. Concorso per la polizia locale, ecco come sono andate le cose...
  37. "Trasporti nella Tuscia, a rischio il diritto allo studio e al lavoro..."
  38. Arriva la carta dei suoli del Lazio: "Fondamentale per conoscere il territorio"
  39. Discariche, voragini e prostituzione sulla Tuscanese
  40. Espropri per il fotovoltaico, coinvolti più di cinquanta proprietari di terreni
  41. "Foro Cassio, il proprietario del terreno deve rimettere in sicurezza la strada"
  42. Pareti che crollano, strade che fanno schifo e un sito archeologico abbandonato... benevenuti a Foro Cassio
  43. "Mille chilometri sulla Francigena... con una gamba e due stampelle"
  44. Venti quintali di lana e Radio radicale per cacciare i lupi la notte...
  45. Al giardino di Ponte dell'Elce... la prima sex symbol della Tuscia
  46. La Regione Lazio si schiera contro l'impianto geotermico di Castel Giorgio
  47. "Le forze dell'ordine sono come pit bull drogati mandati in strada a combattere..."
  48. Lago di Bolsena, la rivolta delle lenzuola contro il geotermico
  49. "Ho vissuto più di dieci vite da Berlusconi..."
  50. "In Cile stiamo facendo una rivoluzione..."
  51. "Tuscia, in agricoltura si muore anche per non spendere cento euro..."
  52. "Ce l'abbiamo fatta, lunedì riaprirà strada Acquabianca"
  53. "Teresa ha insegnato a tutti il senso profondo del vivere"
  54. "La gente è costretta a fare altre strade e gli incassi sono crollati"
  55. "Ho passato con Paco un pezzo di vita bellissimo..."
  56. "Abbiamo visto il ragazzo a terra in fin di vita, ci siamo fermati e abbiamo fatto di tutto per salvarlo..."

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR